Passa ai contenuti principali

Post

POST IN EVIDENZA

Adozioni ai single: una proposta parlamentare per cambiare

Una nuova proposta parlamentare riaccende il dibattito sulle adozioni per single.
Laura Ravetto e Gabriella Giammarco, esponenti di Forza Italia, hanno infatti presentato a Montecitorio una proposta legge per consentire l'adozione ai single.

La proposta arriva in un momento particolare in cui il tema della stepchild adoption per le coppie di fatto sta dividendo in due l'Italia. Il timore della parlamentare Ravetta è che si valuti la possibilità di adottare da parte di coppie di fatto, tralasciando però l'adozione da parte di chi è single.
Infatti, spiega Ravetta nel corso di una conferenza stampa, "Non si capisce perché se uno si sposa o se ha un certo orientamento sessuale può adottare e chi è single no".



Al momento in Italia la legge in vigore sul tema è la 184 del 1983 secondo cui i single possono diventare genitori adottivi solo in rarissimi casi, definiti dall'articolo 44.

Nello specifico, le adozioni definite speciali si possono applicare solo in 3 casi…
Post recenti

Incontri per single o agenzia matrimoniale?

Spesso i single si chiedono se, per trovare l'anima gemella, sia meglio partecipare a degli eventi per single oppure iscriversi a una agenzia matrimoniale.
Domanda da un milione di Euro!
Da parte nostra possiamo dire che i nostri partecipanti, quando terminano un evento cui hanno preso parte, ci ringraziano e esordiscono con un: "Finalmente vi ho conosciuto, in questo modo potrò risparmiare parecchio!".



PRIMA E DOPO
Quando nel 2000 abbiamo lanciato il sito Vitadasingle.net abbiamo fatto quello che gli americani definiscono "market disruption".  Il regno incontrastato delle agenzie matrimoniali veniva distrutto dalle fondamenta, per dare la possibilità alle persone single, uomini e donne, di incontrarsi senza dover obbligatoriamente pagare fastidiose "iscrizioni annuali".
C'ERA UNA VOLTA...
Alla fine dello scorso millennio per poter incontrare una persona (e sottolineiamo la parola "1", spesso non c'era la possibilità di incontrarne di pi…

Since Y2K: Vitadasingle dal 2000 a oggi

Cari single,
il 19 settembre (San Gennaro, tra l'altro, e non a caso) per noi è "Since Y2K", termine che usiamo per indicare il lancio del sito nel settembre 2000.
Era l'anno del fatidico millennium bug e, ai tempi, sui media correvano voci di disastri apocalittici fino alla pubblicazione di guide per la sopravvivenza.
Ma tutto filò perfettamente liscio e il temuto crollo del mondo dovuto a questo bug informatico si risolse in una bolla di sapone.


Dopo così tanti anni, oggi in rete si trovano altri siti che propongono format copiati quasi integralmente dal nostro; quando un'idea originale viene copiata, significa che si è realizzata una cosa valida.

Dall'inizio del nuovo millennio abbiamo infatti superato il grigiore (e l'immobilità) delle agenzie matrimoniali proponendo eventi nei locali più "in" della penisola (tra cui il mitico Twiga di Flavio Briatore, il Just Cavalli ecc...), lo speed dating, il DinnerDate, ma anche cultura, spettacoli e ris…

Zygmunt Baumann e lo speed date

Qualcuno pensa ancora che lo speeddate sia un gioco stupido? Leggete qui.

Il sociologo Zygmunt Baumann, scomparso di recente, scriveva di un "individualismo di massa, per cui si allentano sia i legami tra persone e istituzioni, sia quelli delle persone tra loro".
Una frase che fa sicuramente riflettere, soprattutto chi è single.

A questo proposito il sociologo, filosofo e accademico polacco segnalava che negli USA i divorzi dopo soli 2 anni di matrimonio erano aumentati del 50% e citava il diffondersi della moda dello speed-dating.
Anche un grande sociologo come Baumann era quindi rimasto colpito da questo dilagante fenomeno sociale.



Tra i motivi scatenanti le attuali caratteristiche (e in taluni casi, problematiche) della società troviamo "l’affievolirsi nelle coscienze dei valori etici, che, a causa della rapidità dei mutamenti, non riescono a sedimentarsi in abitudini e tradizioni; la solitudine degli individui, che cerca una compensazione nello sforzo di allontanare i…

Una app per riprendersi dalla fine di una storia: Mend

Avete appena finito una storia d’amore e state male?
Avete bisogno di un aiuto per dimenticare l'ex?
Esiste una app creata apposta per la fine di una storia sentimentale!

Mend, app che  aiuta a guarire dopo la fine di una storiaSe fate parte dei single con il cuore spezzato, Mend potrebbe essere quello che fa per voi.
Sviluppata da Ellen Huerta quando aveva finito una storia (prima aveva aperto il sito letsmend.com) la app sembra una idea interessante, anche se fa riflettere il fatto che più si sta male e quindi si ha bisogno di aiuto e più si alza la quota di registrazione.
Mend infatti letteralmente significa “Ripariamoci” o “aggiustiamoci”.



Quando finisce una storia bisogna infatti rimettersi in sesto e qualche volta, quando è stata proprio brutta, ritornare alla vita normale.

Repubblica aveva intervistato Ellen Huerta: l'autrice della app chiama i suoi utenti “menders”, persone che stanno cercando di aggiustarsi. Ma chi sono gli utenti di questa app?
La Huerta  afferma che …

Agenzia matrimoniale oppure Tinder?

Quando nel lontano anno 2000 abbiamo lanciato Vitadasingle.net abbiamo fatto quella che oggi, nel mondo del web 2.0, si chiama "market disruption": abbiamo sconvolto un mondo che, ai tempi, era in mano a coloro che, ancora oggi, vengono chiamati "i mercanti dell'amore".

Fino alla fine del millennio scorso, infatti, per una persona alla ricerca dell'anima gemella erano le agenzie matrimoniali che la facevano da padrone.
Una persona (che ai tempi veniva definita "zitella" o "scapolo") se arrivata alla soglia dei 30 anni non aveva ancora trovato un compagno, dove andava alla ricerca di una soluzione?
A quei tempi l'unica soluzione disponibile erano le agenzie matrimoniali.

CON IL 2000 TUTTO CAMBIA
Con il nuovo millennio tutto è cambiato: con vita da single abbiamo lanciato gli eventi per single e grazie al nostro lavoro di comunicazione,  il termine "single"  negli anni si è affrancato dall'etichetta "sfigato" e la…

Rimorchiare da Ikea? Alcune idee

Ikea è uno dei regni dei single.
Il concetto di questo marchio svedese, come indicato sul loro sito "nasce dall’idea di creare un assortimento di prodotti accessibile alla maggioranza delle persone".
All'interno dei suoi grandi negozi da sempre potete quindi trovare migliaia e migliaia di single alla ricerca di un prodotto e, talvolta, alla ricerca anche dell'anima gemella.
Scoprite con noi quali sono le zone migliori all'interno dei negozi Ikea dove fare conoscenza con una persona che ha attirato il vostro interesse.

LE AREE MIGLIORI NEI NEGOZI IKEA DOVE TENTARE UN APPROCCIO






Nella zona salotto In questa zona del negozio il clima è rilassato e alcuni clienti si prendono il tempo di valutare, con calma, i divani esposti. Una quasi accidentale seduta furtiva accanto al vostro potenziale oggetto del desiderio potrebbe regalarvi un'ottima chance per un primo contatto!
Nella zona ristorante È una zona che non consigliamo particolarmente, anche perché quando le person…

Incontri per single: la differenza di età è importante?

L'argomento di oggi è delicato, quindi cominciamo dicendo subito una cosa importante: l'amore non ha età!
Ma parlando di eventi per single spesso ci viene rivolta la domanda su quale sia il target di età cui è rivolto un particolare evento, oppure qual è l'età media dei partecipanti che si sono già iscritti alla serata

Esaminiamo le diverse possibilità, analizzando l'età di lui e di lei.



QUANDO L'UOMO È PIÙ GRANDE
Molti uomini amano avere una compagna più giovane perché vivono la "sindrome di Peter Pan", mentre altri la desiderano più grande di età perché offre un confronto maturo, una persona che possa tenergli testa, sopratutto nelle esperienze di vita.
La vox populi, tra l'altro, dice che se nella coppia l’uomo è più maturo allora è un "figo" che ha saputo trovare una amante giovane che saprà soddisfare il suo ego e lo ascolterà nella vita di tutti i giorni (perché avrà da imparare da lui). Un po’ maschilista come ragionamento, ma è un pen…