Passa ai contenuti principali

"I maschi sono così" l'ultimo libro di Maria Rita Parsi

All'ultimo Salone del Libro abbiamo assistito alla presentazione del nuovo libro di Maria Rita Parsi, “I maschi sono così”. L'autrice, che avevamo già intervistato qualche anno fa, ha scelto un titolo in apparenza divertente e anche irriverente: può sembrare una caricatura del genere maschile, la solita diatriba tra uomini e donne. In realtà non è nulla di tutto questo.

 I maschi sono così


La trama intreccia la storia di diverse donne alle prese con uomini complicati, iperpossessivi, traditori  o persino finti etero che nascondono in un matrimonio la loro omosessualità. Ma non lasciatevi ingannare: non è una lettura pensata per coppie, meglio ancora se in crisi.  Anzi, è un romanzo perfetto per noi single perché ci insegna a confrontarci con l'altro sesso, donna o uomo che sia, e a capirlo un po' di più.

Durante la presentazione l'autrice ha pronunciato questa frase: "la fragilità dei maschi deriva dalla separazione infantile dal grembo materno". E, se ci riflettiamo, è davvero una grande verità: perché gli uomini dovrebbero essere più forti delle donne? Tutti noi viviamo lo stesso trauma, quello di essere separati alla nascita dal grembo che ci ha protetto per nove mesi. Se davvero da qui nascono le nostre fragilità, non esiste distinzione tra uomini e donne. Il modello dell'uomo forte che non deve chiedere mai e della donna bisognosa di protezione non è altro che un retaggio culturale.

E infatti Maria Rita Parsi, attraverso la storia dei suoi personaggi, ci fa riflettere proprio su questo: sulla fragilità degli uomini e su quanto tutti noi siamo ancora radicati agli stereotipi che vogliono l'uomo sempre forte, sicuro di sé e determinato. Sono proprio questi stereotipi a creare aspettative errate nelle donne. Ne derivano, da parte di entrambi i sessi, comportamenti maldestri, meschini e talvolta violenti. Gli uomini lo fanno per celare le loro debolezze, le donne perché deluse dalla scoperta che “l'uomo tutto d'un pezzo” non esiste.

Così nascono liti e incomprensioni che affliggono tutti. E non pensiate che noi single siamo esenti da queste dinamiche: non serve essere in coppia per scontrarci con l'altro sesso. Se guardiamo bene il fulcro del libro sono le relazioni tra uomo e donna, intese in senso lato, non per forza all'interno di un rapporto sentimentale. Maria Rita Parsi affronta un problema che riguarda ogni relazione tra uomini e donne: professionale, sentimentale o anche solo di semplice conoscenza.
Insomma, nell'eterno gioco tra i sessi, non esistono né vinti e né vincitori ma solo interpretazioni errate che generano rabbia, manipolazioni e dinamiche poco sane. O anche situazioni limite in cui è la donna a nascondere le proprie debolezze perché, per dimostrare di non essere inferiore all'uomo, recita la parte della di wonder woman.

Per questo motivo “I maschi sono così” è una lettura che consigliamo, soprattutto a chi è single. Attraverso la sua esperienza come psicologa e psicoterapeuta, Maria Rita Parsi ci fornisce spunti di riflessione utili per colmare le distanze tra uomini e donne e comprendere meglio i nostri sbagli nei confronti dell'altro sesso. Perché, si sa, ogni persona single ha un ex ingombrante da digerire e proprio questa lettura potrebbe aiutarci a trovare delle risposte...

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …