Passa ai contenuti principali

"I maschi sono così" l'ultimo libro di Maria Rita Parsi

All'ultimo Salone del Libro abbiamo assistito alla presentazione del nuovo libro di Maria Rita Parsi, “I maschi sono così”. L'autrice, che avevamo già intervistato qualche anno fa, ha scelto un titolo in apparenza divertente e anche irriverente: può sembrare una caricatura del genere maschile, la solita diatriba tra uomini e donne. In realtà non è nulla di tutto questo.

 I maschi sono così


La trama intreccia la storia di diverse donne alle prese con uomini complicati, iperpossessivi, traditori  o persino finti etero che nascondono in un matrimonio la loro omosessualità. Ma non lasciatevi ingannare: non è una lettura pensata per coppie, meglio ancora se in crisi.  Anzi, è un romanzo perfetto per noi single perché ci insegna a confrontarci con l'altro sesso, donna o uomo che sia, e a capirlo un po' di più.

Durante la presentazione l'autrice ha pronunciato questa frase: "la fragilità dei maschi deriva dalla separazione infantile dal grembo materno". E, se ci riflettiamo, è davvero una grande verità: perché gli uomini dovrebbero essere più forti delle donne? Tutti noi viviamo lo stesso trauma, quello di essere separati alla nascita dal grembo che ci ha protetto per nove mesi. Se davvero da qui nascono le nostre fragilità, non esiste distinzione tra uomini e donne. Il modello dell'uomo forte che non deve chiedere mai e della donna bisognosa di protezione non è altro che un retaggio culturale.

E infatti Maria Rita Parsi, attraverso la storia dei suoi personaggi, ci fa riflettere proprio su questo: sulla fragilità degli uomini e su quanto tutti noi siamo ancora radicati agli stereotipi che vogliono l'uomo sempre forte, sicuro di sé e determinato. Sono proprio questi stereotipi a creare aspettative errate nelle donne. Ne derivano, da parte di entrambi i sessi, comportamenti maldestri, meschini e talvolta violenti. Gli uomini lo fanno per celare le loro debolezze, le donne perché deluse dalla scoperta che “l'uomo tutto d'un pezzo” non esiste.

Così nascono liti e incomprensioni che affliggono tutti. E non pensiate che noi single siamo esenti da queste dinamiche: non serve essere in coppia per scontrarci con l'altro sesso. Se guardiamo bene il fulcro del libro sono le relazioni tra uomo e donna, intese in senso lato, non per forza all'interno di un rapporto sentimentale. Maria Rita Parsi affronta un problema che riguarda ogni relazione tra uomini e donne: professionale, sentimentale o anche solo di semplice conoscenza.
Insomma, nell'eterno gioco tra i sessi, non esistono né vinti e né vincitori ma solo interpretazioni errate che generano rabbia, manipolazioni e dinamiche poco sane. O anche situazioni limite in cui è la donna a nascondere le proprie debolezze perché, per dimostrare di non essere inferiore all'uomo, recita la parte della di wonder woman.

Per questo motivo “I maschi sono così” è una lettura che consigliamo, soprattutto a chi è single. Attraverso la sua esperienza come psicologa e psicoterapeuta, Maria Rita Parsi ci fornisce spunti di riflessione utili per colmare le distanze tra uomini e donne e comprendere meglio i nostri sbagli nei confronti dell'altro sesso. Perché, si sa, ogni persona single ha un ex ingombrante da digerire e proprio questa lettura potrebbe aiutarci a trovare delle risposte...

POST PIU' POPOLARI:

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo.
I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande.
Tutto sembrerebbe far brodo, insomma.

La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili.
Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single.



Analizziamo l'idea, spiegando innanzit…

Arrivano i nuovi single: quanto sei Sneet?

Secondo gli ultimi dati Istat, in Italia le famiglie composte da una sola persona continuano ad aumentare e ora il numero dei single ha raggiunto quasi i 12 milioni. Milano è la capitale dei single e continuano a nascere iniziative per chi vive solo: eventi per single, porzioni per single, cene degli sconosciuti ecc...
In ogni città si organizzano speed date, Art Dating e altri appuntamenti per favorire l'incontro tra single e creare occasioni per conoscere nuove persone.


Eppure non tutti i single sono interessati a creare nuove relazioni, affettive o sentimentali che siano.
Anzi, si sta diffondendo una nuova tipologia di single che è già stata battezzata con il termine Sneet.

Sneet è l'acronimo di Single Not in Engagement, in Expecting, ovvero persone che vivono da sole e che non sono fidanzate, non sono alla ricerca di un partner e non hanno neppure flirt in corso.
In pratica hanno smesso di cercare l'anima gemella e, a relazioni precarie o mezze ammaccate, preferiscono g…

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia. Epicuro
Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà!
Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui.
Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili.

Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane!
Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti.



Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero, le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single.
Lo si può fare con gli amici che si frequen…