Passa ai contenuti principali

Stare bene da soli e con gli altri

Star bene con sé stessi

Stamattina la sveglia non ha suonato, non perché vi siate dimenticati di puntarla ma perché è domenica. E quando, ripresi dal torpore del dormiveglia, lo avete realizzato il primo pensiero è stato: "Fantastico, un'intera giornata libera!".

Un pensiero comune che però si presta a una doppia interpretazione: gioia pura per la libertà di poter riempire l'intero giorno a proprio piacimento, o sconforto e un po' di tristezza proprio per lo stesso motivo.

Per noi single il weekend e soprattutto la domenica, sono momenti delicati. Si tratta di giorni che di solito vengono dedicati a fare le cose che ci fanno star bene ma, per chi vive solo, la ricerca di un benessere interiore è una conquista che si raggiunge con il tempo.
Trovare un proprio equilibrio e imparare a star bene con sé stessi è un percorso lungo che a volte ci fa commettere degli errori.

Chi è single tende ad attraversare due fasi: quella in cui ci circondiamo di qualsiasi persona, pur di non trascorrere weekend e feste da soli e quella in cui preferiamo isolarci. 

Nel primo caso accettiamo di frequentare gruppi o persone che conosciamo a malapena, con cui non condividiamo alcun interesse.
Ci ritroviamo così in situazioni che mai pensavamo di poter vivere. 

A volte ne usciamo piacevolmente colpiti.
Magari scopriamo in noi un talento da paracadutisti che non sapevamo di possedere!
Oppure ritroviamo una seconda giovinezza che non avevamo neppure a 20 anni e diventiamo improvvisamente i re della notte. Per mesi frequentiamo locali quasi ogni sera, dormiamo 4 ore a notte, ci circondiamo di persone nuove ogni giorno... fino a quando reggere questi ritmi diventa troppo impegnativo.
Sentiamo il bisogno di rallentare e piano piano ritroviamo un nostro equilibrio.

Altre volte, invece, ci ritroviamo in situazioni che ci annoiamo, ci sentiamo a disagio e ci pentiamo amaramente di aver accettato quell'invito.

La reazione più saggia sarebbe rielaborare l'esperienza negativa e trasformarla in qualcosa di positivo. 
Facciamo un esempio. Altre persone single ci invitano a fare una gita in montagna. Dopo due ore di viaggio raggiungiamo una località incantata, con sentieri che si diramano ovunque, verso un  lago dai mille colori, un rifugio in quota, un punto panoramico... Proprio mentre siamo indecisi su quale direzione intraprendere, scopriamo che gli altri stanno attrezzando un picnic a un metro dall'auto e da lì non hanno alcuna intenzione di muoversi.

Ecco, se siamo degli amanti della montagna e del trekking, il pensiero saggio da elaborare dovrebbe essere: "Con loro, in montagna non verrò più. Li frequenterò piuttosto in altre occasioni, come ad esempio una cena o un'uscita al cinema".
Invece la reazione sbagliata, ma anche la più comune, è: "Con loro non uscirò più".
Senza accorgercene iniziamo però a ragionare in quel modo in ogni situazione.

Benessere interiore


Potremmo fare altre centinaia di esempi ma il concetto è sempre lo stesso: il rischio è quello di chiudersi nell'isolamento.
Ci convinciamo che con quelle persone non ci si diverta, che una determinata gita ha senso farla solo con amici cui siamo particolarmente legati e non con dei conoscenti che frequentiamo da un mese, che quella compagnia è troppo giovane/vecchia/introversa/estroversa... insomma, ogni pretesto è buono per giustificare il nostro rifiuto ad aggregarci a loro.

Si finisce così con il trascorrere sempre più tempo soli, abituandosi e apprezzando sempre di più la nostra solitudine.
Ma attenzione: tutto questo non significa aver imparato a star bene con sé stessi. È piuttosto una fuga dalle nostre paure più profonde. E, più ci abituiamo a stare soli (a casa, nel tempo libero, nelle commissioni, in qualsiasi momento...), più faremo fatica a relazionarci con gli altri.

A volte ci sentiamo demoralizzati e fatichiamo a relazionarci con gli altri. Ma dobbiamo pensare che entrambe le reazioni (vita ascetica e vita super-estroversa) sono fasi passeggere.
E sono anche percorsi di crescita importanti per capire chi siamo e cosa desideriamo veramente.

L'importante è non dimenticare l'obiettivo principale: imparare a volerci bene e coccolarci.
Perché, solo quando impareremo a star bene con noi stessi, staremo bene anche con gli altri.

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …