Passa ai contenuti principali

"Cambiare è facile. Come liberarsi dalle cattive abitudini e vivere felici"

A volte ci chiedono qual è la nostra giornata tipo e ognuno di noi ha una propria risposta.
Noi single, ad esempio, dal lunedì al venerdì trascorriamo la maggior parte del tempo al lavoro: di solito per raggiungere l'ufficio facciamo sempre la stessa strada, usciamo alla stessa ora e, quando possibile, tendiamo a svolgere le nostre attività lavorative nello stesso ordine.
Il fine settimana sono i giorni più flessibili, quelli in cui abbiamo meno programmi fissi.
Ma anche nel weekend ogni single ha i suoi piccoli rituali: c'è chi fa la spesa solo il sabato mattina, chi non si alza prima di mezzogiorno, chi va a correre...

Insomma, per quanto ogni giorno la vita di noi single sia fatta di impegni diversi, alcuni nostri comportamenti si ripetono.
Secondo la scrittrice Gretchen Rubin, le abitudini sono l'architettura invisibile della vita quotidiana.

"Cambiare è facile. Come liberarsi dalle cattive abitudini e vivere felici"

È quanto sostiene nel libro "Cambiare è facile. Come liberarsi dalle cattive abitudini e vivere felici", dove
l'autrice scrive che tutti noi ripetiamo ogni giorno circa il 40% dei nostri comportamenti.
Per questo è inevitabile che le nostre abitudini condizionino la nostra vita.

Prima abbiamo fatto degli esempi concreti, azioni che abitualmente ripetiamo.
La stessa valutazione può essere fatta anche per i nostri atteggiamenti. Facciamo un esempio: alcune donne single possono pensare che ci siano uomini che hanno sempre e solo un secondo fine. A causa di questo preconcetto tendono a rifiutare eventuali inviti, precludendosi così la possibilità di conoscere nuove persone.
A volte, invece, i single uomini tendono a mascherare le loro fragilità adottando comportamenti opposti, ad esempio reagendo in modo aggressivo. Si tratta però di una difesa ed è il risultato di comportamenti consolidati nel corso degli anni.

Nel libro "Cambiare è facile" l'autrice sostiene che il primo passo verso un cambiamento è modificare le nostre cattive abitudini.
Per farlo dobbiamo imparare a conoscerci, capire ciò che vogliamo e ciò che ci fa stare bene.

Non è detto che ciò che rende felice il nostro amico possa rendere felici anche noi.
Questo è il motivo per cui non basta imitare il comportamento di una persona di successo per ottenere gli stessi risultati.
Alcuni single riescono a prendere decisioni repentine, altri necessitano di tempi lunghi, c'è chi per star bene ha bisogno di aiutare gli altri e chi, invece, è più concentrato su sé stesso.

Non esiste un atteggiamento giusto o sbagliato.
Ognuno di noi deve riuscire a capire quali sono le abitudini cattive per la propria vita e cambiarle.

Gretchen Rubin è una scrittrice e blogger americana che da anni si occupa di tematiche legate alla felicità, ai comportamenti e, in generale, alla natura umana.
Attraverso esempi pratici tratti anche dalla propria esperienza personale, il suo libro ci aiuta a orientare le nostre energie verso una direzione positiva. Ci insegna così a dominare le nostre paure, superando eventuali tentativi fallimentare del passato.

"Cambiare è facile. Come liberarsi dalle cattive abitudini e vivere felici" non impone, quindi, delle regole da seguire, ma ci dà spunti di riflessione per imparare a conoscerci meglio.
Spetta quindi a noi individuare la nostra strada ed intraprendere il percorso che più ci renderà felici.

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …