Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

5 cose da fare per dimenticare una storia finita

Abbiamo trascorso l'ultimo periodo della nostra vita a litigare per qualsiasi cosa, anche per decidere chi dovesse cambiare l'acqua al pesce rosso.
Poi, dopo estenuanti chiacchierate con amici e riflessioni varie, abbiamo finalmente trovato il coraggio di porre fine a una relazione che ci faceva soffrire.
Ora siamo single: viviamo da soli, abbiamo riacquistato la nostra libertà e stiamo piano piano apprezzando i vantaggi della vita da single.

Eppure, ogni tanto, anche solo cambiare l'acqua al pesce rosso ci fa sprofondare di nuovo in un turbinio di pensieri. Malinconia e tristezza sono sempre in agguato: a volte si mescolano con la rabbia, altre con la delusione, altre ancora (e questi sono i momenti peggiori) con i ripensamenti.



Basta: single dal cuore infranto, è ora di reagire!

Ci dicono sempre che tanto prima o poi succede a tutti di soffrire per amore e che comunque è solo questione di tempo.
Sappiamo che è così eppure, quando capita a noi, sembra che il tempo dell…

Eye gazing: per sedurre non c'è nulla di meglio di uno sguardo

Il colpo di fulmine esiste, non è una leggenda metropolitana. Il vero problema è che non tutti sono predisposti a crederci.
Uno studio scientifico pubblicato sulla rivista americana “Archives of Sexual Behaviour” aveva elaborato una tabella con i tempi del colpo di fulmine, ovvero l’innamoramento al primo sguardo.
Lo sguardo del maschio deve durare almeno 8 secondi per indicare che si tratta di amore: se invece l'uomo guarda la donna per meno di 4 secondi non c’è vero interesse profondo. Sono tempi rapidi, ma sono stati scientificamente elaborati analizzando i movimenti oculari di 115 persone mentre dialogavano in chat con attori, o attrici.
Il dato sembra proprio chiaro: per un innamoramento ci devono essere almeno 8 secondi di sguardo intenso. Questo dato varebbe però soltanto per gli uomini, perché le donne avrebbero tempi diversi. Gli studiosi, infatti, non hanno ancora trovato alcuna correlazione tra durata dello sguardo e attrazione che le donne provano verso un uomo...





Premess…

"Bridget Jones’ Baby", recensione del film

Ieri due single (un uomo e una donna) hanno assistito gratuitamente insieme a noi alla prima del nuovo film di Bridget Jones, "Bridget Jones' baby"; erano infatti i vincitori dei biglietti omaggio sorteggiati durante la nostra serata "Since Y2K" per festeggiare i 16 anni di Vitadasingle.net
Ecco le nostre impressioni sul film:

La prima cosa che ci ha colpito è stato il pubblico in sala, composto da molti giovani. A quanto pare il fenomeno Bridget Jones è diventato un personaggio trasversale e multigenerazionale (in sala infatti c'erano ragazzi e ragazze che ai tempi dell'uscita del primo film andavano probabilmente alla scuola materna o elementare).
Un bel serbatoio di nuovo pubblico quindi per la produzione, che ha saputo rinnovarsi e comunicare lo spirito di questa eroina dei single anche alle nuove generazioni, usando ad esempio Facetime per le chiamate tra Bridget e la sua amica.

BRIDGET JONES' BABY - IL FILM
Il film è brillante, ironico e divertente

Speeddate, un modo divertente per conoscere nuovi single

E' inutile girarci intorno: uno dei più grandi desideri di chi è single è conoscere nuove persone.
Avere amicizie è importante ma, con il passare del tempo, è sempre più difficile instaurare nuovi rapporti affettivi o anche sentimentali.
Il problema si complica per chi, per lavoro o per necessità, si è trasferito e si è quindi allontanato dagli affetti e dai punti di riferimento della zona in cui viveva.
Abbiamo già parlato di come fare nuove amicizie in una nuova città e ora ci focalizzeremo su uno dei punti che avevamo introdotto in un precedente post: lo speed date.

E' un modo divertente ma soprattutto efficace di conoscere gente nuova che, ovviamente, può essere utile anche per chi non è reduce da un recente trasferimento ma desidera ampliare le proprie reti di conoscenze o amicizie.





Speed date, speeddate o speed dating (ci sono vari modi di scriverlo) letteralmente significa "appuntamento veloce".
L'essenza è proprio questa: dare ai single partecipanti la po…

"Since Y2K", 16 anni nel mondo dei single

Era l'anno 2000, un numero che rimandava ai film di fantascienza e che spaventava per il fatidico millennium bug informatico che molti profetizzavano avrebbe mandato in blocco aeroporti e sistemi bancari.
Esattamente 19 anni prima Simon & Garfunkel avevano tenuto il loro più famoso concerto a Central Park, davanti a ben 500.000 spettatori e Pino Daniele un grande concerto in Piazza del Plebiscito a Napoli di fronte a duecentomila persone.
Due dei tormentoni musicali dell’estate 2000 erano Santana con Corazon Espinado e Jarabe de Palo con  Depende. Impossibile dimenticarli.
L'iPod per ascoltare musica non esisteva ancora, i cellulari avevano schermi in bianco e nero e la parola "smartphone" non era ancora così diffusa. Della rivoluzione iPhone neanche l'ombra.
Eppure a settembre di quell'anno iniziava con entusiasmo l'avventura di Vita da single, la "Guida per vivere meglio la condizione di single" un sito web dedicato ad una fascia della popol…

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo.
I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande.
Tutto sembrerebbe far brodo, insomma.

La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili.
Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single.



Analizziamo l'idea, spiegando innanzit…

Single Milano: come e dove nascono gli eventi per single

Vitadasingle è nato nel 2000 e, all'epoca, è stata una vera e propria rivoluzione.
Sul web non c'era ancora nulla in merito, il numero delle persone che vivevano sole era in crescita e il connubio "Single Milano" cresceva e diventava numericamente più consistente, tanto che nel tempo Milano è arrivata a conquistare il primato di capitale italiana dei single.
Eppure mai nessuno prima di allora si era focalizzato sul mondo dei single.
Siamo stati tra i primi a farlo e, in breve tempo, sono nati molti altri siti simili.



La maggior parte degli eventi per single si è concentrata quindi proprio sulla Milano single, ma anche in altre grandi città italiane, soprattutto sulla Torino single o Roma single.

Uno dei primi siti web che seguirono l'onda del post Vitadasingle.net fu Dammela, un progetto che ebbe un iniziale successo ma che, con il passare del tempo si è dovuto scontrare con i soliti problemi che hanno coinvolto tutti i siti basati su una forte interazione tra gli…

Bridget Jones’ Baby, il ritorno dell'eroina dei single

"C'è solo una cosa peggiore di una coppia felicemente sposata… tante coppie felicemente sposate!"
Con questa frase, una delle sue frasi più famose, Bridget aveva calato il suo poker d'assi: l'eroina single nella quale si sono immedesimati milioni di single di tutto il mondo aveva dimostrato, con poche parole miste di invidia e acidità, la sua naturale tendenza alla singletudine.

Con Bridget la scrittrice Helen Fielding era riuscita davvero ad intercettare una intera generazione.
Goffa al punto giusto da poter essere credibile ma risibile, esteticamente "quasi carina" in modo da essere facilmente identificabile in una qualsiasi delle colleghe di lavoro oppure con la vicina della porta accanto (l'attrice Reneè Zellweger era dovuta ingrassare di circa 12 chili per calarsi nella parte) il film di Bridget Jones agli inizi degli anni 2000 aveva letteralmente scardinato l'universo single.

La canzone "All by myself" con lei che canta in casa i…