Passa ai contenuti principali

"Bridget Jones’ Baby", recensione del film

Ieri due single (un uomo e una donna) hanno assistito gratuitamente insieme a noi alla prima del nuovo film di Bridget Jones, "Bridget Jones' baby"; erano infatti i vincitori dei biglietti omaggio sorteggiati durante la nostra serata "Since Y2K" per festeggiare i 16 anni di Vitadasingle.net
Ecco le nostre impressioni sul film:

La prima cosa che ci ha colpito è stato il pubblico in sala, composto da molti giovani. A quanto pare il fenomeno Bridget Jones è diventato un personaggio trasversale e multigenerazionale (in sala infatti c'erano ragazzi e ragazze che ai tempi dell'uscita del primo film andavano probabilmente alla scuola materna o elementare).
Un bel serbatoio di nuovo pubblico quindi per la produzione, che ha saputo rinnovarsi e comunicare lo spirito di questa eroina dei single anche alle nuove generazioni, usando ad esempio Facetime per le chiamate tra Bridget e la sua amica.

BRIDGET JONES' BABY - IL FILM
Il film è brillante, ironico e divertente (tranquilli... non sveleremo la trama per non rovinarvi la sorpresa e il gusto di andare a vederlo!).
Gli sceneggiatori si sono impegnati a infarcirlo di piccole brillanti battute, inserite con grande perizia nei momenti giusti e grazie alle quali molti spettatori single si potranno immedesimare nei personaggi di questo film.



Gli attori di Bridget Jones' Baby

Un altro concetto interessante della pellicola è il senso del passar del tempo: rivedendo Marc e Bridget dopo 15 anni (e sì, anche per attori come Reneè Zellweger e Colin Firth gli anni passano...) la loro vecchia storia d'amore e il ritorno di fiamma risultano ancora più credibili.
Ognuno dei due personaggi infatti ha un bagaglio di vita e di esperienze portato dal passato, che si riflette nella trama di questo terzo film (per aggiungere un pizzico di amarcord sono state inserite all'interno di "Bridget Jones' baby" alcune scene dei film precedenti).
Non vi sveliamo qui la prima grande sorpresa iniziale del film, quando Bridget entra in chiesa... ma vi assicuriamo che questo colpo di scena ha fatto sospirare e dire "Nooooooooooo" a tante spettatrici in sala!
Il tempo è volato durante la proiezione e nell'ultimo fotogramma del film lo scenario si ribalterà di nuovo, per strizzare l'occhio ad una probabile quarta uscita di questo film, ormai a pieno titolo da considerarsi una saga.

In conclusione: "Bridget Jones' baby" ha centrato in pieno l'obiettivo.
Supera ampiamente il secondo film e, in quanto a sviluppo della trama, ritmo e simpatia dei protagonisti, in molti casi è migliore anche del primo, l'ormai mitico "Il diario di Bridget Jones".
Se quindi volete trascorrere un paio d'ore di relax e ridere di gusto questo film fa per voi.
Anche se non siete single...

POST PIU' POPOLARI:

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo.
I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande.
Tutto sembrerebbe far brodo, insomma.

La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili.
Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single.



Analizziamo l'idea, spiegando innanzit…

Arrivano i nuovi single: quanto sei Sneet?

Secondo gli ultimi dati Istat, in Italia le famiglie composte da una sola persona continuano ad aumentare e ora il numero dei single ha raggiunto quasi i 12 milioni. Milano è la capitale dei single e continuano a nascere iniziative per chi vive solo: eventi per single, porzioni per single, cene degli sconosciuti ecc...
In ogni città si organizzano speed date, Art Dating e altri appuntamenti per favorire l'incontro tra single e creare occasioni per conoscere nuove persone.


Eppure non tutti i single sono interessati a creare nuove relazioni, affettive o sentimentali che siano.
Anzi, si sta diffondendo una nuova tipologia di single che è già stata battezzata con il termine Sneet.

Sneet è l'acronimo di Single Not in Engagement, in Expecting, ovvero persone che vivono da sole e che non sono fidanzate, non sono alla ricerca di un partner e non hanno neppure flirt in corso.
In pratica hanno smesso di cercare l'anima gemella e, a relazioni precarie o mezze ammaccate, preferiscono g…

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia. Epicuro
Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà!
Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui.
Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili.

Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane!
Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti.



Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero, le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single.
Lo si può fare con gli amici che si frequen…