Passa ai contenuti principali

Eye gazing: per sedurre non c'è nulla di meglio di uno sguardo

Il colpo di fulmine esiste, non è una leggenda metropolitana. Il vero problema è che non tutti sono predisposti a crederci.
Uno studio scientifico pubblicato sulla rivista americana “Archives of Sexual Behaviour” aveva elaborato una tabella con i tempi del colpo di fulmine, ovvero l’innamoramento al primo sguardo.
Lo sguardo del maschio deve durare almeno 8 secondi per indicare che si tratta di amore: se invece l'uomo guarda la donna per meno di 4 secondi non c’è vero interesse profondo. Sono tempi rapidi, ma sono stati scientificamente elaborati analizzando i movimenti oculari di 115 persone mentre dialogavano in chat con attori, o attrici.
Il dato sembra proprio chiaro: per un innamoramento ci devono essere almeno 8 secondi di sguardo intenso. Questo dato varebbe però soltanto per gli uomini, perché le donne avrebbero tempi diversi. Gli studiosi, infatti, non hanno ancora trovato alcuna correlazione tra durata dello sguardo e attrazione che le donne provano verso un uomo...



Eye gazing per single


Premesso questo, è sempre emozionante guardare le persone negli occhi.
Qualcuno fa più fatica di altri, ma c’è una chimica impalpabile che si smuove.
Con uno sguardo, come insegnavano gli attori del cinema muto, si può sedurre, intimorire o dire verità.
Gli occhi, notoriamente specchio dell’anima, non conoscono bugie: ciò che nasce dalla bocca, siano essi sorrisi o interminabili fiumi di parole, viene irrimediabilmente confermato o smentito dalla loro espressione!
Tuttavia, imparare con lo sguardo a conoscere il nostro prossimo è un talento che pochi sanno utilizzare e anche una esperienza che non si può sempre vivere, tranne che durante un "Eye gazing".

Cos'è un "Eye gazing"
Da bambini forse avrete giocato a chi reggeva più a lungo lo sguardo. Due erano le possibilità: resistere senza scoppiare in una risata incontenibile oppure chi sbatteva le palpebre pagava pegno.
Bene, a questo si aggiunge un pizzico di adulta malizia ed ecco la ricetta di un “Eye Gazing"”, tipologia di evento per single che proprio 10 anni fa, nel 2006, abbiamo introdotto dagli Stati Uniti.
Un evento raro da vivere (lo organizziamo solamente una volta all'anno), con simpatia e curiosità, per conoscere ed incontrare altre persone single.
La storia dell'Eye Gazing nasce da una brillante intuizione: Michael Ellsberg, professionista di New York ed insegnante di ballo, era stanco di ascoltare sempre le stesse banali domande quando faceva nuove conoscenze nei locali.
Domande trite e ritrite come "Che lavoro fai?", "Di dove sei?", "Di che segno sei?" ecc... ecc...
Michael invece, avendo intuito grazie alla danza il magnetico potere dello sguardo, capace di creare straordinaria complicità dove non arrivano le parole, lanciò l'“Eye Gazing”.
Avete presente gli incontri speeddate? Ebbene, gli “Eye Gazing” si svolgono in modo simile, con la grande differenza che avvengono senza parlare.
Quasi agli antipodi dello speed dating (dove in pochi minuti bisogna dirsi tutto il possibile) durante l'Eye gazing l'unica regola è fissarsi per brevissimo tempo senza dire una parola, seduti uno di fronte all'altro (in un locale riservato e, soprattutto, molto silenzioso).
Sembra una cosa un po' bizzarra, ma non lo è affatto: dal 2006 ad oggi ai nostri eye gazing in Italia (Torino, Milano, Roma, Riccione ecc..) abbiamo sempre avuto un bel numero di partecipanti, in alcuni casi più di 100 contemporaneamente.





Lo scopo è creare un contatto profondo tra i partecipanti, senza lasciarsi fuorviare da chiacchiere iniziali banali.
A conferma che la Comunicazione Non Verbale la fa sempre da padrona, l’assenza di parole favorisce infatti la socializzazione!
I partecipanti ci raccontano spesso che è quasi un’esperienza liberatoria, nella quale ci si lascia placidamente fissare, senza inibizioni o falsi pudori.
Mentre ci si perde nello sguardo della persona di fronte possono nascere degli interrogativi. Ad esempio ci si potrebbe chiedere "Perché questi occhi sono così tristi?", oppure al contrario "Perché scintillano di tanta gioia?".
Al momento dell’incontro verbale nella seconda fase dell'evento, fra molti single si è quindi già creata una reciproca curiosità.

Volete provare questa straordinaria esperienza?
Ci troverete a Torino venerdì 7 ottobre ed a Milano domenica 16 ottobre con un "Eye gazing": potrete vivere con noi un emozionante incontro insieme ad altre persone single e anche portare a casa molte preziose informazioni sulla Comunicazione Non Verbale.
Maggiori informazioni nella nostra sezione dedicata agli eventi per single.

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …