Passa ai contenuti principali

"Since Y2K", 16 anni nel mondo dei single

Era l'anno 2000, un numero che rimandava ai film di fantascienza e che spaventava per il fatidico millennium bug informatico che molti profetizzavano avrebbe mandato in blocco aeroporti e sistemi bancari.
Esattamente 19 anni prima Simon & Garfunkel avevano tenuto il loro più famoso concerto a Central Park, davanti a ben 500.000 spettatori e Pino Daniele un grande concerto in Piazza del Plebiscito a Napoli di fronte a duecentomila persone.
Due dei tormentoni musicali dell’estate 2000 erano Santana con Corazon Espinado e Jarabe de Palo con  Depende. Impossibile dimenticarli.
L'iPod per ascoltare musica non esisteva ancora, i cellulari avevano schermi in bianco e nero e la parola "smartphone" non era ancora così diffusa. Della rivoluzione iPhone neanche l'ombra.
Eppure a settembre di quell'anno iniziava con entusiasmo l'avventura di Vita da single, la "Guida per vivere meglio la condizione di single" un sito web dedicato ad una fascia della popolazione che, negli anni successivi, sarebbe numericamente cresciuta fino ad aquisire una importante consistenza nella percentuale delle famiglie italiane.
Molti single a quei tempi non avevano ancora un indirizzo email , altri non avevano un computer a casa ma solo in ufficio e alcuni, quando prenotavano per partecipare a uno dei nostri primi eventi, fornivano il numero fisso di casa perché ancora privi di cellulare.
Un altro mondo, quindi.

Oggi tutto è cambiato: sono ormai onnipresenti i social network, tentativo di violare la "regola dei 150", il numero di Dunbar che afferma che le dimensioni di una rete sociale in grado di sostenere relazioni stabili  sono limitate a circa 150 membri.
MySpace, Facebook & C. nel tempo ci hanno quindi affiancato, aiutandoci in un processo di miglioramento teso ad offrire sempre maggiore qualità ai single.
Pochi sanno invece che abbiamo una particolare predilezione per San Gennaro.
In Vitadasingle.net, pur essendo un progetto 100% torinese (città che, per tradizione, ha dato spesso i natali a progetti originali che nel tempo sono cresciuti), c'è infatti un particolare attaccamento per questo santo.
La data del 19 settembre, giorno del lancio ufficiale e del primo comunicato stampa ai media, non fu infatti scelta a caso.
Senza voler essere blasfemi e confrontare il sacro con il profano, "Vita da single" era un progetto che rappresentava un particolare momento di (ri)nascita e nessun miracolo come la liquifazione del sangue del santo amato dai napoletani lo poteva simboleggiare meglio.
Ringraziamo quindi San Gennaro per essere ancora qui e, soprattutto, ringraziamo voi perché continuate a seguirci negli eventi (con i festeggiamenti "Since Y2K" a Torino di ieri sono 923 finora organizzati) e anche attraverso questo blog.
Ci sono progetti anche per questa nuova stagione da poco iniziata: stiamo lavorando all'aggiornamento di alcuni format di eventi per single (il tempo passa e le esigenze delle persone single mutano) e alcune novità nello speeddate sono già state introdotte nelle scorse settimane, mentre nei prossimi mesi proporremo anche nuove modalità di socializzazione.

L'avventura, grazie anche a San Gennaro, continua...

16 anni di Vitadasingle

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …