Passa ai contenuti principali

Ohlala, app di incontri a pagamento che ha fatto scandalo in Germania

Si chiama Ohlala ed è un'app ideata da un'imprenditrice austriaca di nome Pia PoppenreiterFino a qui non c'è nulla di particolarmente originale. 
Eppure questa app ha generato molto scalpore e parecchio scandalo.


App di incontri a pagamento


Il motivo? Si tratta di un'applicazione per incontri a pagamento.

Gli utenti devono registrarsi online e creare un account. A questo punto possono consultare i profili di centinaia di donne, individuare quella con cui vorrebbero trascorrere qualche ora e inoltrarle la richiesta.
La "rivoluzione" è che con Ohlala le donne hanno la possibilità di vedere prima l'uomo che le ha contattate e decidere quindi se accettare l'incontro, oppure no.
Prima di organizzare un appuntamento di persona possono chattare con lui e sapere in anteprima le sue richieste. In questo modo avranno maggiori elementi per valutare se sono interessate alla proposta oppure no.


In pratica, con Ohlala, anche il "lavoro più vecchio del mondo" diventa digitale.
Il web a quanto pare sta contaminando ogni dimensione della nostra vita, compresa la comunicazione uomo-donna.

L'app, però, non prevede solo incontri sessuali
Il servizio Ohlala comprende anche la possibilità di richiedere un'accompagnatrice con cui uscire a cena, partecipare a un evento o qualsiasi altra cosa, senza "extra".
Nel caso invece in cui sia prevista anche una prestazione sessuale, sarà la donna a decidere la tariffa.

Ohlala è stato lanciato a Berlino (dove la prostituzione è legale dal 2002), ma le intenzioni delle fondatrice sarebbero quelle di esportarlo anche altrove.
L'obiettivo di Pia Poppenreiter è chiaro: eliminare dal mercato del sesso ogni intermediario e lasciare che la trattativa sia decisa direttamente dai due soggetti in causa.

Non abbiamo parlato di escort perché in realtà Ohlala lascia libero spazio a qualsiasi donna voglia iscriversi. Non è necessario essere accompagnatrici o escort di professione: qualsiasi donna può iscriversi e sfruttare la piattaforma per un nuovo "business".

E probabilmente è proprio questa la vera rivoluzione.
L'app è infatti una sorta di ibrido tra incontri virtuali per single e incontri dal vivo perché coniuga le potenzialità di un'app per smartphone agli appuntamenti reali. È quindi uno strumento per raggiungere più facilmente l'obiettivo principale: l'incontro dal vivo.

App per incontri a pagamento

L'idea di partenza è stata quella di emulare il funzionamento di Uber, copiandone le dinamiche e offrendo quindi un servizio a pagamento, senza intermediari.
Ohlala può essere pertanto vista come una sorta di Uber del sesso, rivolta prevalentemente a single.

Se analizziamo Ohlala nel complesso, ovvero come un'app per incontri sessuali e occasione di guadagno per le donne, l'idea di "business" potrebbe funzionare?
Se invece tralasciamo la parte sesso e ci limitiamo ad analizzare questa app come un'occasione di incontri, Ohlala potrebbe essere un modo alternativo per conoscere nuove persone?
Rispetto agli eventi per single (come ad esempio gli speeddate Roma) più tradizionali i rischi sono elevati: è vero che si ha la possibilità di chattare prima con l'uomo con cui si uscirà, ma resta il fatto che in chat si possono assumere false identità e si può mentire senza problemi...

Insomma, i single che amano sperimentare nuove app di dating online oppure vivere le situazioni più intriganti devono prestare molta attenzione.
Se l'obiettivo è vivere una sorta di appuntamento al buio, ci sono molti altri modi (meno rischiosi) per farlo. Pensiamo ad esempio agli speeddate o alle cene degli sconosciuti: serate più sobrie, ma certamente più sicure rispetto alle mille incognite che un appuntamento con Ohlala potrebbe celare.

In entrambi i casi i single possono comunque vivere le aspettative, ovvero tutte quelle emozioni che precedono l'incontro e durante le quali si può fantasticare su chi si potrà incontrare ecc...

Inoltre i vantaggi per i single che partecipano a uno speed-date o altri eventi dedicati sono soprattutto che, a differenza di Ohlala, hanno sempre la possibilità di conoscere molte persone in un'unica serata
E tra queste potrebbe celarsi veramente l'anima gemella con cui trascorrere molte ore piacevoli... soprattutto senza pagare.

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …