Passa ai contenuti principali

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.

Supermercato per single

Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di apertura delle grandi catene di distribuzione: alcuni iperstore chiudono verso mezzanotte, altri sono aperti 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. In questo modo favoriscono chi, come i single, tra lavoro e impegni vari, un tempo era costretto a rimandare la spesa fino a quando nel frigo non rimanevano solo una bottiglia d'acqua e un torsolo di mela!

Alle 23 di sera difficilmente si incontreranno la mamma o il papà di famiglia indaffarati nella spesa settimanale. È più probabile che a quell'ora il supermercato sia popolato da single a caccia delle provviste per il pranzo del giorno dopo o di qualcosa per riempire la dispensa.

Supermercato per single

In realtà, prima ancora che i supermercati fossero aperti in orari notturni, c'era chi aveva già ipotizzato che i centri commerciali potessero essere il luogo perfetto per incontrare nuovi single, soprattutto a Milano. Di recente sono state sperimentate alcune iniziative in cui il supermercato si trasformava in un "territorio di caccia" per single: le persone single a caccia di cibo e anche l'anima gemella, potevano andare a fare la spesa muniti di un segno di riconoscimento sul carrello.

Questo simbolo di riconoscimento era quindi un modo per dire: "Sono single e sono interessato-a a conoscere altre persone". In questo modo, anche per i timidi, diventava forse più semplice avvicinarsi agli sconosciuti e avviare una conversazione.

Era già capitato che il supermercato fosse vissuto come una sorta di location di incontri tra single.
Ne avevamo parlato in un post sullo shopping dei single in cui vi avevamo raccontato dell'iniziativa dell'Esselunga di Viale Papiniano, nel capoluogo lombardo.
Ai tempi la leggenda diceva che la Milano single, città italiana con il maggior numero di single, avesse trasformato proprio l'Esselunga di Viale Papiniano in un punto di incontro per single. E così la spesa diventava un pretesto per andare a conoscere altre persone, nella speranza di incontrare l'anima gemella.

È però molto difficile stimare il successo di queste iniziative.
All'inizio possono riscuotere curiosità e interesse: è una novità ed è probabile che venga voglia di sperimentarla. A lungo andare, però, la curiosità va scemando e piano piano il centro commerciale o il supermercato tornano ad essere il luogo dello shopping e della spesa, non dei possibili incontri.

Inoltre va detto che il cosiddetto "supermercato per single" può funzionare, ma solo in alcune realtà. Si tratta soprattutto di una questione geografica. I single italiani sono molto diversi tra loro, così come i contesti in cui vivono.
Una città come Milano ha ritmi molto più serrati rispetto, ad esempio, a Torino o Roma. Chi vive a Milano trascorre molte ore al lavoro, esce dall'ufficio tardi e di solito vive il supermercato come un'incombenza necessaria, di cui però farebbe anche volentieri a meno. Andare a fare la spesa rientra tra i doveri e quindi, più è rapida, meglio è.

I single di Roma, invece, sono in genere più rilassati e, così come i single toscani, amano divertirsi e sono molto ironici. È probabile, quindi, che qui il supermercato per single possa suscitare qualche interesse.
Anche i single di Torino partecipano con entusiasmo ai nuovi format di eventi per single, ma sono un po' più riservati e preferiscono andare ad Art Dating o speeddate, in cui sia garantita la presenza del nostro staff.

Insomma, il fatto che i supermercati diventino sempre più a dimensione single con orari e articoli (come i prodotti monoporzione) adatti a chi vive da solo, è un buon segnale perché significa che la società si sta adeguando ai sempre più frequenti nuclei familiari composti da una sola persona.
Però cercare di trasformare il supermercato in un luogo di incontro per i single è un po' azzardato... perché il rischio è quello di incontrare persone (magari neppure single) spinte solo dalla curiosità del momento, ma poco interessate a conoscere veramente gli altri partecipanti.
Se lo scopo è invece ampliare la propria rete di amicizie e conoscenze, è meglio puntare a eventi per single e speed date: non possiamo darvi la certezza di incontrare l'anima gemella, ma di sicuro sono ottime occasione per incontrare tanti nuovi single e fare amicizia!

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …