Passa ai contenuti principali

Single ieri e oggi: la tassa sui celibi

Quella dei single di oggi è una vita abbastanza complessa: non c'è bisogno dell'Istat per intuire che  la categoria definita tecnicamente “famiglia unipersonale” risente molto più di altri degli effetti della crisi economica e del lavoro.
Nulla, però, in confronto alle difficoltà dei single del passato, in particolare durante il periodo fascista, per i quali il governo di Mussolini creò appositamente una tassa in base all’età del contribuente!

A QUANTO AMMONTAVA LA TASSA PER UN UOMO SINGLE
L’importo variava a seconda dell’età dell’uomo celibe (le donne erano escluse) e si aggirava tra le 70 lire per i giovani dai 25 ai 35 anni e le 100 lire fino a 50 anni, per azzerarsi al compimento dei 65 anni (forse perché il governo di allora pensava che non c'era più niente da fare...).
Nel 1927 il governo fascista impose una "tassa sul celibato" per invogliare quindi gli italiani al matrimonio e favorire l’aumento demografico.

PER QUALE MOTIVO UNA TASSA SUI SINGLE?
L’idea di fondo era che per rendere solide le basi della nazione italiana era necessario un aumento della popolazione: una tassa sul celibato, con  premi di natalità e matrimoni di massa, rientrava tra le misure adottate per favorirlo.

Matrimoni anni '30


A quanto pare la tassa dei celibi diede qualche frutto, perché l’importo fu aumentato con l’introduzione di un’aliquota da pagare in base al reddito.
Il ricavato finiva (non a caso...) all’Opera Nazionale Maternità e Infanzia, fondata in quel periodo per la tutela di madri e bimbini in difficoltà economica.



La seconda guerra mondiale però sconvolse ogni programmazione demografica e la tassa sul celibato fu abolita dal governo Badoglio, nel 1943.
Il matrimonio, comunque, per molto tempo è rimasto un obbligo sociale per la maggior parte degli italiani.

ALBERTO SORDI, PALADINO DEI SINGLE DEL PASSATO
Non mancano però personaggi famosi del passato che all’altare hanno preferito la vita da single: uno dei casi più famosi fu Alberto Sordi, che con la consueta ironia giustificava la sua scelta con una battuta: «Non mi sposo perché non mi piace avere gente estranea in casa».



Sordi fu quindi un antesignano di quanti, soprattutto nel mondo del cinema, sono stati contagiati dall’allergia all'altare, senza che questo abbia però impedito di avere una vita amorosa (ad esempio Leonardo Di Caprio) o di contribuire all’aumento demografico (come nel caso di Hugh Grant, grande fan della vita da single ma papà di diversi figli, avuti da compagne diverse).

Sarebbe curioso vedere cosa succederebbe se qualche governo oggi pensasse di reintrodurla: nel 1999, il sindaco di Vastogirardi (IS) aveva proposto di reintrodurre la tassa a livello locale come soluzione al calo demografico della sua zona...

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …