Passa ai contenuti principali

Una app per riprendersi dalla fine di una storia: Mend

Avete appena finito una storia d’amore e state male?
Avete bisogno di un aiuto per dimenticare l'ex?
Esiste una app creata apposta per la fine di una storia sentimentale!

Mend, app che  aiuta a guarire dopo la fine di una storiaSe fate parte dei single con il cuore spezzato, Mend potrebbe essere quello che fa per voi.
Sviluppata da Ellen Huerta quando aveva finito una storia (prima aveva aperto il sito letsmend.com) la app sembra una idea interessante, anche se fa riflettere il fatto che più si sta male e quindi si ha bisogno di aiuto e più si alza la quota di registrazione.
Mend infatti letteralmente significa “Ripariamoci” o “aggiustiamoci”.

Cuore spezzato


Quando finisce una storia bisogna infatti rimettersi in sesto e qualche volta, quando è stata proprio brutta, ritornare alla vita normale.

Repubblica aveva intervistato Ellen Huerta: l'autrice della app chiama i suoi utenti “menders”, persone che stanno cercando di aggiustarsi.
Ma chi sono gli utenti di questa app?
La Huerta  afferma che sono in maggioranza donne, della generazione Y.

Stiamo parlando, secondo Wikipedia, di nati dal 1979 al 2000: una generazione caratterizzata da un maggiore utilizzo e familiarità con le tecnologie digitali.
L'uso di Internet (e-mail, Chat, Whatsapp), YouTube, Facebook, Twitter ecc... possono spiegare come la fama dei millennials sia orientata allo scambio e al commercio grazie ad una facile comunicazione attraverso la tecnologia.
Non dimentichiamo però che spesso questa generazione è etichettata come "Generazione Peter Pan", a causa della sua propensione a ritardare alcuni dei riti di passaggio all'età adulta più a lungo rispetto a generazioni precedenti.
Per non parlare della tendenza a vivere con i genitori per un periodo più lungo (cosa che portò, a ragione o a torto, l'ex ministro Brunetta a parlare di "bamboccioni").

La app Mend chiede di rispondere ad alcune domande (“Qual è per te la ragione per cui la tua storia è finita?”, “Quando è finita la storia?”, “Quando hai sentito il tuo ex l’ultima volta?”, “Quanto interferisce la fine di questa relazione con la tua vita?” ecc..)

Ci chiederà anche come ci sentiamo, con la possibilità di creare dei promemoria, per sapere come procede. Una specie di diario, per valutare da soli il proprio grado di sofferenza interiore.

Ellen Huerta ha affermato:

 "Lasciarsi è una cosa normale, tutti si separano e non c’è niente di cui vergognarsi. Le relazioni sentimentali sono come i tagli di capelli. Non credo tu abbia ancora lo stesso taglio di quando eri bambina. E questo perché ci vuole un po’ per capire qual è quello che ti sta bene, quello giusto. Lo stesso vale per le storie d’amore”.

In realtà lasciarsi e purtroppo stare male fa vergognare molte persone e forse si potrebbe provare vergogna anche a scaricare un’app per cercare di stare meglio...

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …