Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da maggio, 2021

POST IN EVIDENZA

cosa succede se resti single per troppo tempo

 Il single lifestyle è un fenomeno molto diffuso nella società. Molte persone sono in questa fase della loro vita, ma ciò non significa che siano tutte felici. Ci sono molti fattori che contribuiscono a questo stile di vita, come la pressione sociale, il desiderio di indipendenza e controllo e il bisogno di autorealizzazione. Tutti questi fattori possono avere un effetto negativo se non trovi un giusto equilibrio tra di loro. I vantaggi dell'essere single sono evidenti: non devi scendere a compromessi sulle tue convinzioni, puoi goderti la tua compagnia e fare le cose alle tue condizioni. Ma ci sono anche aspetti negativi dell'essere single di cui bisogna parlare e per cui ti dovresti preparare nel caso in cui dovessero succedere, in modo da poterli attenuare se e quando si presentano. Vediamo insieme. L'impatto psicologico di essere single per molto tempo Essere single per molto tempo può avere un impatto negativo sulla salute mentale di un individuo. Può portare a depress

6 motivi per cui dopo i 35 anni non hai ancora una relazione stabile (per donne)

Single e scontenta? Ecco perché non hai ancora una relazione stabile. Arrivati a una certa età, diciamo sui trenta o giù di lì, se sei single e nessun maschio degno di nota si intravede all’orizzonte cominci a farti qualche domanda: “Perché intorno a me poco alla volta hanno una relazione stabile e io no?” Spesso ci si nasconde dietro a un dito, negandosi l’effettivo desiderio di un partner con cui condividere il resto della vita (utopia?) e di una famiglia. Del resto ci hanno cresciuti con favole condite di Principi Azzurri e lieti fini, avranno lasciato una traccia, no? Essere single a volte però non è solo una questione di sfortuna. Chissà quante volte ti sei chiesta nel tuo periodo da single se sei solo sfortunata, se ti li cerchi "strani" con il lanternino o se sei addirittura vittima di strane congiunzioni astrali. La risposta non è così difficile: a volte la colpa non è delle stelle o di sfortunati eventi, ma semplicemente è colpa tua . Lo sappiamo, è un brutto colpo,

Mangiare da soli per lavoro o in vacanza: consigli utili

Basta! Bisogna combattere gli stereotipi noiosi. È arrivato il momento di dire che mangiare da soli non è poi così male, sia che tu sia in viaggio per lavoro o che abbia deciso di concederti una meritata vacanza al di fuori del caos della vita di tutti i giorni. Mangiare da solo/a infatti ha alcuni vantaggi . Per prima cosa ad esempio troverai più facilmente posto nel locale e, molto spesso, non dovrai neppure fare una fila molto lunga! Sentirsi a disagio perché siedi a un tavolo da solo non è  necessario, ecco perché vogliamo darti qualche piccolo consiglio da mettere subito in pratica per rendere l’esperienza più piacevole, come ti meriti. MANGIARE DA SOLI PER LAVORO O IN VACANZA: CONSIGLI UTILI 1- Scegli il luogo giusto Scegliere il posto giusto è di fondamentale importanza per chi deve mangiare da solo, per viaggio o per lavoro. Puoi farlo in piena libertà, scegli un locale carino che sia adatto ai tuoi gusti, che offra una bella vista e che ti permetta, se la stagione lo consent

Anuptafobia, la paura di restare single

L’anuptafobia comporta la paura esagerata di restare soli, di non trovare un partner, una famiglia o un compagno di vita. In genere colpisce principalmente le donne dai 30 anni in su, molto probabilmente perché viene considerata socialmente più difficile da accettare una donna sola rispetto ad un uomo solo. DA COSA SI GENERA L’ANUPTAFOBIA Di solito l’anuptafobia si sviluppa quando una persona, in genere di sesso femminile, ha poca autostima, mostra dipendenza affettiva e, a volte, anche gelosia eccessiva. Le persone che soffrono di questa patologia spesso dividono il mondo in due (single oppure accoppiati) e si considerano fallite se non hanno un partner accanto. Vedono quindi la relazione in diade, con l'oggetto di desiderio, l’unico modo per vivere appieno e in modo ottimale all’interno della società. Le persone che soffrono di anuptafobia passano anche incessantemente da una una relazione all’altra, pur di non rimanere da sole . La relazione con l’altro sesso all’interno di un