Passa ai contenuti principali

19 anni! 19 settembre 19

Oggi che il sito compie 19 anni voglio raccontarvi un po' di aneddoti.


Nel 1998 infatti iniziai a pensare ad un progetto che andò online (ma solo per pochi giorni) sul web hosting più famoso e in voga ai tempi, Geocities, nel quartiere Heartland (chi, come me, ha visto nascere il web sa di cosa sto parlando).

Il suo nome era... Vita da Single.

Mi presi poi del tempo per affinare l'idea e valutare cosa e come comunicare con i single italiani (già allora 5 milioni di persone).

Registrai il dominio nel primo giorno di primavera del 2000 (ricordo ancora che era una splendida giornata di sole) e il lancio di Vita da Single avvenne il 19 settembre dello stesso anno a Torino, andando online con un comunicato stampa ma senza alcun tipo di supporto dal territorio: non c'erano incubatori, non c'erano co-working, non c'erano commercialisti/avvocati che sapessero affrontare un'idea così "bizzarra", non c'erano leggi a supporto dell'investimento in innovazione.



Mentre in radio passavano "Corazon Espinado" di Santana e tormentoni come "Vamos a Bailar" di Paola e Chiara e "Tre Parole" di Valeria Rossi, un intero settore stava per essere sconvolto: i player dominanti (quelli che chiamo "i mercanti dell'amore") da quel giorno avrebbero dovuto cambiare. O soccombere.

Con i termini odierni verrei forse etichettato come "disruptor": quando un’attività (startup) più piccola (e con meno risorse) è in grado di sfidare con successo le attività dominanti un certo settore.
Vita da Single superava infatti l'immobilità e il grigiore delle agenzie matrimoniali proponendo feste, serate in discoteca, Speed dating, il DinnerDate; ma anche informazione, vacanze, cultura, spettacolo, crescita personale ecc...
E, soprattutto, cancellava quell'antipatico pregiudizio: single=sfigato !

Dal quel giorno iniziò un frettoloso tentativo di riciclarsi da parte delle agenzie matrimoniali che, intuendo cosa stava succedendo, decisero di modificare la loro identità in "club" (tra queste una in particolare, la cui ideatrice in quegli anni arrivò ad aprire decine di agenzie in Italia, seppur inseguita da denunce varie per truffa e multe dall'Antitrust per svariate decine di migliaia di euro. E nonostante questo, mamma Rai accettava noncurante la sue pubblicità in tv...).
Il vecchio concetto di "intermediario dell'amore" era superato, definitivamente!

Questo era il mio obiettivo: dare una voce seria alle tematiche di vita "a uno".
Con un pizzico di orgoglio, i risultati conseguiti negli anni con Vita da Single (grazie anche alle tantissime persone, alcune diventate splendidi amici, che nel tempo hanno collaborato nel progetto) e quelli che, ancora oggi, cercano di copiare e imitare senza idee nuove quello che facciamo ormai da moltissimo tempo, lo dimostrano.

IL FUTURO
Il cammino con Vita da Single è, comunque, ancora lungo: nuovi impegni per i single ci attendono per un maggior riconoscimento di identità delle famiglie unipersonali, che rappresentano oggi oltre il 30% delle famiglie italiane.
Sono molti gli argomenti che stanno a cuore a questa parte sempre più grande della nostra società e una grandissima sfida si profila all'orizzonte.
Ma di questo mio nuovo sogno ne sentirete parlare più avanti...

Ci vediamo questa sera a Torino, per festeggiare in una location speciale con un gruppo di single privilegiati.

Un saluto caloroso a tutti i single e le single!
Marco Luca Greppi, fondatore

POST PIÚ POPOLARI:

Essere single ai tempi del coronavirus

Quando sei single, hai più di 30 anni e in più magari vivi anche in una grande città ti senti quasi una divinità.
Puoi uscire quando vuoi, frequentare chi vuoi e quando vuoi, dormire fino a tardi dopo una festa dove hai potuto alzare il gomito senza che nessuno al tuo fianco ti rimproverasse, permetterti il lusso di pranzare alle 3 del pomeriggio della domenica guardando per l’ennesima volta le repliche della tua serie tv preferita, decidere di rimanere a leggere tutto il giorno sul letto a poltrire oppure alzarti alle 7 della domenica mattina per andare a far sport.

Quando sei single ai tempi del coronavirus, invece, la solitudine aumenta esponenzialmente.
E dopo qualche giorno di isolamento forzato in casa arriva un pensiero di invidia per gli amici che in questo momento invece sono in coppia (fino a poco tempo fa magari sbeffeggiati "perché non sai quanto è bello essere liberi") e si fa strada il bisogno del conforto di una persona accanto.



In questi giorni infatti tutto …

14 cose da fare restando a casa da soli

Sono giornate lunghe, a volte interminabili, quelle che stanno vivendo i single italiani in questo periodo storico di #iorestoacasa.
Per qualcuno magari la noia qualche volta fa capolino, alternandosi a momenti di timore o di sconforto.

Sembra infatti difficile spostare l’attenzione dall'emergenza sanitaria per il coronavirus e dal bombardamento di notizie drammatiche che arrivano a tutte le ore da tv, radio e giornali.
Ma ci sono molte cose che possiamo fare per scacciare via noia e brutti pensieri.
Quando si sta a casa per lungo tempo c'è infatti il rischio di annoiarsi un po’: bisogna però sempre ricordare che le cose da fare non mancano, quindi questo deve essere il punto di partenza della nostra strategia!

Mai cedere alla noia e alla tristezza, in nessuno caso: ci sono tantissime cose che si possono fare a casa.
Non bisogna assolutamente passare le giornate a fissare il soffitto chiedendosi cosa succederà: in questi momento storico bisogna rimanere a casa il più possibile,…

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.


Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di ap…