Passa ai contenuti principali

19 anni! 19 settembre 19

Oggi che il sito compie 19 anni voglio raccontarvi un po' di aneddoti.


Nel 1998 infatti iniziai a pensare ad un progetto che andò online (ma solo per pochi giorni) sul web hosting più famoso e in voga ai tempi, Geocities, nel quartiere Heartland (chi, come me, ha visto nascere il web sa di cosa sto parlando).

Il suo nome era... Vita da Single.

Mi presi poi del tempo per affinare l'idea e valutare cosa e come comunicare con i single italiani (già allora 5 milioni di persone).

Registrai il dominio nel primo giorno di primavera del 2000 (ricordo ancora che era una splendida giornata di sole) e il lancio di Vita da Single avvenne il 19 settembre dello stesso anno a Torino, andando online con un comunicato stampa ma senza alcun tipo di supporto dal territorio: non c'erano incubatori, non c'erano co-working, non c'erano commercialisti/avvocati che sapessero affrontare un'idea così "bizzarra", non c'erano leggi a supporto dell'investimento in innovazione.



Mentre in radio passavano "Corazon Espinado" di Santana e tormentoni come "Vamos a Bailar" di Paola e Chiara e "Tre Parole" di Valeria Rossi, un intero settore stava per essere sconvolto: i player dominanti (quelli che chiamo "i mercanti dell'amore") da quel giorno avrebbero dovuto cambiare. O soccombere.

Con i termini odierni verrei forse etichettato come "disruptor": quando un’attività (startup) più piccola (e con meno risorse) è in grado di sfidare con successo le attività dominanti un certo settore.
Vita da Single superava infatti l'immobilità e il grigiore delle agenzie matrimoniali proponendo feste, serate in discoteca, Speed dating, il DinnerDate; ma anche informazione, vacanze, cultura, spettacolo, crescita personale ecc...
E, soprattutto, cancellava quell'antipatico pregiudizio: single=sfigato !

Dal quel giorno iniziò un frettoloso tentativo di riciclarsi da parte delle agenzie matrimoniali che, intuendo cosa stava succedendo, decisero di modificare la loro identità in "club" (tra queste una in particolare, la cui ideatrice in quegli anni arrivò ad aprire decine di agenzie in Italia, seppur inseguita da denunce varie per truffa e multe dall'Antitrust per svariate decine di migliaia di euro. E nonostante questo, mamma Rai accettava noncurante la sue pubblicità in tv...).
Il vecchio concetto di "intermediario dell'amore" era superato, definitivamente!

Questo era il mio obiettivo: dare una voce seria alle tematiche di vita "a uno".
Con un pizzico di orgoglio, i risultati conseguiti negli anni con Vita da Single (grazie anche alle tantissime persone, alcune diventate splendidi amici, che nel tempo hanno collaborato nel progetto) e quelli che, ancora oggi, cercano di copiare e imitare senza idee nuove quello che facciamo ormai da moltissimo tempo, lo dimostrano.

IL FUTURO
Il cammino con Vita da Single è, comunque, ancora lungo: nuovi impegni per i single ci attendono per un maggior riconoscimento di identità delle famiglie unipersonali, che rappresentano oggi oltre il 30% delle famiglie italiane.
Sono molti gli argomenti che stanno a cuore a questa parte sempre più grande della nostra società e una grandissima sfida si profila all'orizzonte.
Ma di questo mio nuovo sogno ne sentirete parlare più avanti...

Ci vediamo questa sera a Torino, per festeggiare in una location speciale con un gruppo di single privilegiati.

Un saluto caloroso a tutti i single e le single!
Marco Luca Greppi, fondatore

POST PIÚ POPOLARI:

L'anello dei single

E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘apertura’. Apertura al

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate   " 6 Single x sei single " sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte. In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili. Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione  e catturare l'attenzione dell'interlocutore? Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate  perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione. Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno . Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche so

Le migliori auto per single che vivono in città

Si è da poco concluso il Salone dell'Auto di Torino e noi di Vitadasingle.net c'eravamo. Abbiamo ammirato i bolidi esposti, siamo saliti a bordo di auto sportive e berline di lusso e abbiamo anche fatto un salto nel futuro, rapiti da prototipi dalle linee avveniristiche. Ma sopratutto ci siamo chiesti: qual è l'auto per i single?  Potendo sognare, una qualsiasi di quelle esposte al Parco del Valentino! Tornando alla realtà, la risposta alla domanda qual è l'auto preferita dai single è sicuramente la Smart . In poco più di 2 metri e mezzo (2,69 per essere precisi), la Smart ForTwo offre ogni comfort ed è ideale per spostarsi in città: si parcheggia ovunque e con il cambio automatico, anche per il single di Milano muoversi nel traffico diventa meno snervante. Poi ha due posti comodi e finiture di qualità... insomma, l'eventuale secondo passeggero a bordo, non avrà nulla di che lamentarsi. I single che cercano invece una vettura tuttofare, adatta ai