Passa ai contenuti principali

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

 ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER

L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano).
E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match".

A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità).
Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose.

Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere.

La correlazione tra punteggio di desiderabilità e visibilità
Il punteggio di desiderabilità, o ranking (punteggio) che l'algoritmo ti assegna era il fattore principale che stabiliva in modo univoco, inequivocabile e, soprattutto, inappellabile a quante (e a quali") persone sarebbe stato mostrato il tuo profilo e viceversa.

Quindi ha una grandissima influenza su chi potrà vedere il tuo profilo, oppure no!

La visibilità può essere qualcosa di meno permanente del tuo ranking ed è influenzata principalmente da quanto sei stato attivo/a sull'app negli ultimi tempi.
Se stai offline per un po' di tempo, ad esempio per una settimana o un mese, il tuo profilo verrà spinto sempre più indietro nelle classifiche delle persone man mano che resti offline, ma tornerà però alla sua posizione abituale una volta tornato online.

Tinder


VISIBILITÀ
Mentre il ranking determina la visibilità, cioè a quante persone viene mostrato il tuo profilo e in quale posizione della loro lista, ci sono altri fattori che determinano la tua visibilità su Tinder.

Essere un nuovo iscritto
I nuovi account godono automaticamente di un aumento di visibilità (da non confondere con la funzione Boost, a pagamento) della durata di circa 1 giorno, durante il quale il loro profilo viene mostrato a un pubblico molto ampio e messo in evidenza nei profili proposti.
Durante questo periodo "di presentazione al mondo", vengono così calcolati la "classe" e il ranking di quell'account.
Una volta che l'inserimento del nuovo profilo al mondo di Tinder ha fatto il suo corso, questi fattori determinano la sua visibilità e il suo pubblico di riferimento, come abbiamo spiegato sopra.
Questo è il motivo per cui si ottengono relativamente molti match nei primi giorni dopo essersi iscritti su Tinder e perché poi il numero diminuisce rapidamente (e inesorabilmente) dopo circa una settimana!

Un boost per chi viaggia (anche solo virtualmente)
In modo molto simile alla visibilità extra data ai nuovi iscritti, chi si sposta ottiene un aumento della visibilità quando arriva per la prima volta in una nuova posizione.
Funziona anche per la funzione (a pagamento) di Tinder Passport, anche se è saggio non approfittarne troppo...

Attività
Il periodo di "ultima attività" (cioè quanto usi Tinder) ha un forte effetto sulla visibilità del profilo.
A parità di condizioni, sarebbe quindi meglio distribuire gli swipe durante tutto il giorno, invece di darsi da fare in un'unica grande scorpacciata (serale o del weekend) a caccia di profili.


I PARAMETRI IN BASE AI QUALI L'ALGORITMO DI TINDER DECIDE CHI VEDRÀ IL PROFILO (E DI CHI)
In rete si vocifera che Tinder sia andato ben oltre il sistema ELO (relativamente semplice), in cui il tuo ranking cambiava in base a chi ti era piaciuto (e, ovviamente, al ranking di quelle persone) e ti venivano assegnati potenziali match con profili di persone dal ranking simile al tuo.
Insomma... per Tinder i brutti devono stare con i brutti e i belli con i belli.

Ora, con grande probabilità, Tinder lavora su un mix di:

Identificare a quali altre persone con gusti simili ai tuoi quel profilo è piaciuto (stile "Potrebbe piacerti anche ...").
In questo modo Tinder, silenziosamente, raggruppa gli utenti in "classi", in base a chi altro li ha graditi o meno e quindi consiglia altri profili che ti dovrebbero piacere perché "Alle persone cui è piaciuto lo stesso tipo di profilo che ti è piaciuto in passato, piaceva anche questo" (e viceversa).

Intelligenza artificiale nel riconoscimento delle immagini
Tinder riconosce meglio le tue foto e questo contribuisce a una ulteriore profilazione, fornendo all'algoritmo suggerimenti come "A questo utente piacciono le persone che suonano il piano nella loro foto" oppure "Gli piacciono le persone che mettono foto all'aria aperta".

Sebbene sarebbe interessante sapere come Tinder decide chi potrebbe essere un buon potenziale match per te, non c'è molto che si possa fare per influenzare il tipo di persone che l'algoritmo ti farà vedere (oltre ad aggiustare, o migliorare il tuo profilo, foto comprese).
Con questa modifica però potrebbe finalmente essere possibile personalizzare il proprio profilo per un tipo specifico di persona.
Anche se prima di provarci bisogna sapere bene come fare, o questo potrebbe ritorcersi contro...

ATTENZIONE: il comportamento sull'app ha ancora influenza sul numero e sulla qualità dei potenziali match cui verrà mostrato il tuo profilo e che ti verranno mostrati. Leggi qui sotto le nostre linee guida di comportamento.

COSA FARE E COSA NON FARE MAI SU TINDER

Questi sono alcuni comportamenti per i quali l'algoritmo ti giudica implacabilmente e che sembrano essere rimasti sostanzialmente invariati:

Esagerare con gli swipe (scorrimenti)
Sono penalizzati sia lo scorrimento a destra (verso tutti), che quello a sinistra (verso nessuno), sebbene lo scorrimento in massa verso destra è "punito" più severamente rispetto all'essere troppo esigenti.
Una percentuale di scorrimento a destra tra il 30-70% sembra essere il giusto bilanciamento.
ATTENZIONE: questo vale anche per lo swipe durante i boost a pagamento!

Reimpostare il tuo account
Un tempo era il metodo più efficace, sicuro e collaudato per ricominciare da capo e ricevere un grosso aumento di potenziali match.
Oggi invece l'algoritmo di Tinder punisce il ranking dell'account quando viene rilevato un reset.
Il ripristino del tuo account può ancora funzionare solo se ritieni sia proprio necessario, ma è complicato e tutt'altro che garantito.
IMPORTANTE: sembra che gli utenti di Tinder Plus che fanno uso illimitato della funzione di swipe possano mandare in "blocco" il proprio account.

Cioè: fare swipe troppo spesso in un giorno, o in un'ora, potrebbe farti contrassegnare come bot da Tinder, punendoti con un punteggio molto basso e rendendoti quindi quasi invisibile!

Alcuni test suggerirebbero che circa 2.000 swipe/ora (ma ti sfidiamo a farlo, perché stiamo parlando di dare un SI o un NO ogni 2 secondi circa per 1 ora di seguito - se ci riesci con le tue manine e nel frattempo i tuoi occhi non hanno fatto tilt faccelo sapere  - ndr) in qualsiasi direzione (SI o NO non cambia) bloccheranno il tuo account per 12 ore.

E l'app di Tinder, con la calma di chi ha il coltello per il manico, ti segnala con garbo "Ricontrolla più tardi per nuove persone" mentre applica una riduzione permanente del tuo ranking.

ATTENZIONE: anche cambiare la propria posizione geografica (virtuale) troppo spesso (quando sei un utente Plus) sembra danneggiare il ranking, sebbene non sia ancora chiaro dove si trovi la soglia.

Se invii messaggi alla maggior parte dei tuoi match
L'invio di messaggi, così come ricevere delle risposte, fa aumentare il ranking.
D'altronde cosa ci stai a fare su Tinder se poi fai match e non gli scrivi?
E quanto desiderabile sei se scrivi alle persone e non ti rispondono mai?
Fatti delle domande e datti delle risposte...


Con questo articolo, basato su esperienze reali raccolte usando Tinder e confronti con altri approfondimenti tecnici, speriamo di aver chiarito le idee ai neofiti, ma anche a chi è diventato (o sta per diventare) maniaco di Tinder.
Per altri chiarimenti a approfondimenti puoi leggere anche la nostra guida sul nostro sito, che spiega come funziona Tinder e l'altra sulle differenze tra Meetic e Tinder.



POST PIÚ POPOLARI:

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.  Epicuro Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà! Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui. Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili. Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane! Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti. Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero , le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single. Lo si può fare con gli am

14 cose che le quarantenni single vogliono in un uomo

Come molti affermano, avere quarant’anni oggi è come averne trenta. Sono molte infatti le donne single che dicono di sentirsi rinate a ridosso degli “anta”, mostrando una maggior sicurezza in sé stesse, relativa non solo alla propria maturità acquisita in seguito ad una miglior definizione dell’identità personale, ma anche in quanto a consapevolezza del proprio corpo, accettandosi senza quelle insicurezze tipiche delle donne più giovani. A questa età si tende a far tesoro delle esperienze passate, elaborando una serie di priorità, ormai, più definite e dai contorni netti, che si ripercuotono sia in ambito lavorativo, sia in quello relazionale. Collegandoci a quest’ultimo punto, ecco una serie di caratteristiche che potresti trovare utili riguardo a ciò che le quarantenni single ricercano negli uomini. 14 COSE CHE LE QUARANTENNI SINGLE VOGLIONO IN UN UOMO 1. Consapevolezza di chi hanno di fronte Ogni donna ama i complimenti e non è raro trovarsi di fronte ad una quarantenne che in realt

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo. I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande. Tutto sembrerebbe far brodo, insomma. La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili. Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single. Analizziamo l'idea, spiegan