Passa ai contenuti principali

E intanto è passato un anno e mezzo...

Oggi è trascorso un anno e mezzo dalla nascita di questo Portale.
Come ho già detto (e come sanno bene i navigatori più assidui ed "anziani") mai, in quel lontano 19 Settembre del 2000, mi sarei aspettato un simile successo per un sito di questo tipo, nato per confrontarsi con altre persone single ed anche un po' per gioco.
Oggi, a distanza di 18 mesi, sono cambiate moltissime cose.
Innanzitutto si è dovuto imparare a conoscere ed interpretare le esigenze più profonde dei single, persone che, in diverse occasioni, hanno richiesto a gran voce questo o quel servizio, molto spesso senza sapere se fosse effettivamente realizzabile in termini tecnici e/o economici.
Certo, nel corso di questi lunghi mesi sono stati commessi anche degli errori, soprattutto per il desiderio di non "imitare" altri modelli, altri siti che svolgano funzioni simili.

Quando nacque Vita da Single esistevano già altri siti per single, che sonnecchiavano con pochi accessi, quasi delle vetrine disadorne ad offrire parole senza troppi contenuti.
Nelle interviste che ho rilasciato mi viene sempre chiesto "Come ti è nata l'idea di creare un sito così?". La risposta che fornisco, molto semplice, è sempre la stessa: "Perchè prima non c'era nulla di simile".
Io stesso cercai lungamente sul Web qualcosa come Vita da Single, ma non esisteva. E davvero, è quasi come se prima di Vita da Single.net i single vagassero per la Rete, di sito in sito, dispersi nella moltitudine di Forum e Chat, senza però trovare un approdo specifico che li accomunasse nelllo "status".
In aggiunta, come molti di Voi avranno notato, questo sito ha sempre proposto, per primo, situazioni ed eventi innovativi, cui gli altri si sono poi ispirati; ed i mesi a venire ci diranno se le nuove proposte appena lanciate (Vitaasingle CARD, locale per single a Milano ecc...) verranno imitate.
E così, un sito che doveva essere una Guida da consultare sì quotidianamente ma nel tempo libero, è diventato, poco alla volta, una grande Comunità virtuale, popolata da decine di migliaia di uomini e donne accomunati da un unico "status".
 
Un sito da inventare quindi, una sfida ormai quotidiana che ha portato (e porterà sempre di più) cambiamenti alla struttura originaria, pensata per svolgere un servizio "informativo" e che si è invece evoluta in un punto di riferimento per i single della Rete.
In questi mesi migliaia e migliaia di commenti sono stati mandati al webmaster ed ideatore del sito, belli e brutti; commenti e proposte che hanno modificato, giorno per giorno, la rotta di navigazione e che hanno inevitabilmente portato a prendere nuove decisioni, rispetto alle funzioni ed allo scopo originario di questo sito.
L'inagurazione di Venerdì 5 Aprile a Milano del primo locale per i single in esclusiva con Vita da Single.net è la prima tappa di questo nuovo corso, improntato non tanto sul concetto di Rete quanto sul concetto di Comunità, un luogo virtuale (e dal quel giorno soprattutto reale) dove i single possano incontrarsi, conoscersi e confrontarsi.
Ancora una volta una scommessa nuova, una nuova sfida...

POST PIÚ POPOLARI:

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.  Epicuro Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà! Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui. Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili. Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane! Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti. Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero , le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single. Lo si può fare con gli am

5 motivi per cui sei single dopo i 40 anni

È arrivata la fatidica tappa dei 40 anni e si sta ancora vivendo lo status di single? Ecco quali sono i cinque motivi principali: Primo motivo: sei una persona che non vuole scendere a compromessi Questo è uno dei motivi più probabili. Stare in coppia o, ancora di più, vivere una convivenza o sposarsi significa rinunciare a un po' della propria libertà a favore della libertà del partner.  Diversi quarantenni (e anche cinquantenni, in verità) di oggi non sono molto disponibili a scendere a  compromessi e quindi, per forza di cose, si ritrovano ad essere single.  Secondo motivo: preferisci vivere una vita libera Molto spesso la parola single è associata alla parola libertà: libertà di muoversi, di decidere, di fare e, più genericamente, di vivere la propria vita come si preferisce. Anche dal punto di vista sessuale e delle relazioni si può decidere di evitare di legarsi definitivamente e, passati i 40 anni, questo può portare a ritrovarsi soli. Terzo motivo: t i sei

7 errori da evitare durante un approccio

Oggi vogliamo parlare dei 7 errori più frequenti che i single (soprattutto gli uomini) commettono quando si va ad approcciare una persona. Elenchiamo gli errori in ordine cronologico , in modo che la sequenza temporale sia perfettamente chiara. Va quindi considerata una guida passo passo, con gli errori da non fare man mano che si approfondisce la conoscenza. SETTE ERRORI DA EVITARE DURANTE UN APPROCCIO: 1 - Avvicinarsi senza farsi vedere L'approccio da dietro è una delle modalità meno gradite. Comunica insicurezza e anche un pizzico di vigliaccheria: tutti noi infatti ci sentiamo più vulnerabili quando sentiamo qualcuno/qualcosa alle spalle che non riusciamo a vedere. Uno studio di psicologia comportamentale aveva determinato che le persone che al ristorante si siedono con gli altri tavoli/avventori alle spalle hanno un battito cardiaco più accelerato rispetto alla persona che nel loro stesso tavolo è seduta di fronte, ma con le spalle al muro. 2 - Essere titubanti Il più freq