Passa ai contenuti principali

Adozioni ai single: una proposta parlamentare per cambiare

Una nuova proposta parlamentare riaccende il dibattito sulle adozioni per single.
Laura Ravetto e Gabriella Giammarco, esponenti di Forza Italia, hanno infatti presentato a Montecitorio una proposta legge per consentire l'adozione ai single.

La proposta arriva in un momento particolare in cui il tema della stepchild adoption per le coppie di fatto sta dividendo in due l'Italia. Il timore della parlamentare Ravetta è che si valuti la possibilità di adottare da parte di coppie di fatto, tralasciando però l'adozione da parte di chi è single.
Infatti, spiega Ravetta nel corso di una conferenza stampa, "Non si capisce perché se uno si sposa o se ha un certo orientamento sessuale può adottare e chi è single no".

Adozione ai single in Italia


Al momento in Italia la legge in vigore sul tema è la 184 del 1983 secondo cui i single possono diventare genitori adottivi solo in rarissimi casi, definiti dall'articolo 44.

Nello specifico, le adozioni definite speciali si possono applicare solo in 3 casi, ovvero quando:

  1.  tra la persona coniugata e il minore orfano di madre o padre si è instaurato un rapporto "stabile e duraturo" preesistente alla morte dei genitori. 
  2. un minore orfano di padre o madre è in condizioni di "disabilità". 
  3. è stata constatata l'impossibilità di un affidamento preadottivo del minore.
Ravetta e Giammarco avanzano anche una seconda proposta, quella che prevede la modifica dell'articolo 44 nel punto in cui dichiara che un minore possa essere adottato da un single solo se orfano

Nel 2011 la Corte Costituzionale aveva aperto alla possibilità all'adozione per single.
Nella sentenza del 14 febbraio aveva infatti dichiarato che "Il legislatore ben potrebbe provvedere, nel concorso di particolari circostanze, ad un ampliamento dell'ambito di ammissibilità dell'adozione di minore da parte di una singola persona anche con gli effetti dell'adozione legittimante".

Si tratta però di una definizione vaga, che non chiarisce quali possono essere le "particolari circostanze" in cui possa essere applicata.

Laura Ravetta aggiunge anche che, rispetto agli altri paesi europei e non "siamo indietro. L'adozione per i single c'è negli Stati Uniti e addirittura in Cina".
In effetti in Gran Bretagna le adozioni sono aperte sia a coppie sia a single, purché si siano superati i 21 anni di età; simile la situazione in Francia dove single e coppie possono adottare se in possesso dei gusti requisiti (tra cui 2 anni di matrimonio nel caso delle coppie).
Anche in Germania le adozioni per i single sono lecite, così come in Spagna dove però bisogna aver compiuto 25 anni.

Spostandoci oltre i confini europei, anche Stati Uniti e Cina consentono l'adozione per single, regolamentandola con gli stessi requisiti in cui è prevista quella per le coppie.

La strada da percorrere è ancora lunga però questa proposta di legge è sicuramente un nuovo segnale positivo.
Come in più occasioni abbiamo ribadito l'adozione per single "è un tema che ci sta a cuore, non perché siamo favorevoli o contrari, ma perché riteniamo sia giusto confrontarsi su questo argomento del quale purtroppo media e istituzioni parlano ancora poco" (cfr. Marco Luca Greppi, ideatore di Vitadasingle - 2011).

Dal 2000, infatti, quando è nato Vitadasingle, il numero di single in Italia è cresciuto esponenzialmente.
I dati ISTAT dimostrano l'entità del fenomeno: oltre la metà delle famiglie italiane è ormai diversa dal modello tradizionale e circa 1 famiglia su 3 è definita dall'Istat "unipersonale", cioè composta da una sola persona.

Stiamo parlando di almeno 12 milioni di persone, tra cui molti single che vorrebbero avere la possibilità di adottare un bambino.

È giusto quindi dar voce a tutti e la proposta parlamentare Ravetto-Giammarco potrebbe essere un ottimo motivo per iniziare.



POST PIÚ POPOLARI:

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

5 motivi per partecipare a una cena con sconosciuti

Ieri vi ha chiamato il vostro amico Marco: è single, Milano è la sua città ed è un assiduo frequentatore della Milano single.
Conosce i locali per single di Milano, partecipa a tutti gli eventi per single e ogni volta vi racconta di qualche nuova serata trascorsa in compagnia di altri amici single.

Anche ieri vi ha parlato di una cena cui andrà a breve. Sarà una sorta di "cena degli sconosciuti" dove i partecipanti non si conoscono e si incontrano per la prima volta proprio nel ristorante in cui si terrà l'evento.



Ma di cosa si tratta?

Le cene con sconosciuti sono un evento che con Vitadasingle organizziamo da anni.
I nostri eventi dinnerdate sono infatti appuntamenti a cena in cui i partecipanti hanno modo di conoscersi e socializzare.
Le location sono tra le migliori locali di Italia (tra questi troviamo anche il notissimo Twiga, locale di Flavio Briatore), in modo da dare la possibilità a tutti (single di Torino, single di Roma, single di Milano ecc...) di parteciparvi…

5 errori da evitare in uno speeddate

Come ormai saprete, da sempre siamo molto attenti a monitorare l'andamento dei nostri eventi: in più, il nostro staff raccoglie continuamente feedback e suggerimenti parlando qua e là con i partecipanti.
Abbiamo così sentito (e visto) fare alcuni errori imperdonabili durante le nostre serate speeddate in Italia che ormai potremmo quasi scrivere un libro.



Ma ce ne sono alcuni che, purtroppo, sono particolarmente gravi.
Ecco quindi gli errori da non fare mai:

1 - Non prestare alcuna attenzione al proprio look
Questo è uno degli errori che commettono più spesso gli uomini. Alcuni proprio non ci pensano, altri ci pensano ma... si danno già la risposta da soli, pensando fra sé e sé: "Io sono così, se piaccio bene, altrimenti ne cerchino un altro".

Ricordate sempre che la prima impressione è quella che conta, non curare il proprio abbigliamento prima di uno speed-date è un gravissimo errore.


2 - Andare alla serata speeddate con un amico (o un'amica)
Questo è un errore che …