Passa ai contenuti principali

Zygmunt Baumann e lo speed date

Qualcuno pensa ancora che lo speeddate sia un gioco stupido? Leggete qui.

Il sociologo Zygmunt Baumann, scomparso di recente, scriveva di un "individualismo di massa, per cui si allentano sia i legami tra persone e istituzioni, sia quelli delle persone tra loro".
Una frase che fa sicuramente riflettere, soprattutto chi è single.

A questo proposito il sociologo, filosofo e accademico polacco segnalava che negli USA i divorzi dopo soli 2 anni di matrimonio erano aumentati del 50% e citava il diffondersi della moda dello speed-dating.
Anche un grande sociologo come Baumann era quindi rimasto colpito da questo dilagante fenomeno sociale.

Speed dating


Tra i motivi scatenanti le attuali caratteristiche (e in taluni casi, problematiche) della società troviamo "l’affievolirsi nelle coscienze dei valori etici, che, a causa della rapidità dei mutamenti, non riescono a sedimentarsi in abitudini e tradizioni; la solitudine degli individui, che cerca una compensazione nello sforzo di allontanare il pensiero della morte; il desiderio di consumare la vita come una merce, lo shopping come ricerca di una felicità da afferrare avidamente prima che sfugga l’occasione."

Da sempre con Vitadasingle.net ci occupiamo di temi sociali e qualche anno fa abbiamo anche avuto modo di ascoltare Baumann per una sua lectio magistralis al Salone del Libro di Torino, dal titolo "Le vespe di Panama".

Sociologo Zygmunt Baumann


Alla struttura di una società in cambiamento si sostituisce quindi la Rete, alla durata la provvisorietà, al culto della memoria la propensione all’oblio, alla padronanza di sé la preoccupazione per la propria incolumità di fronte a pericoli incontrollabili come il terrorismo.
Temi, ormai, noti a tutti anche nel presente.

POST PIÚ POPOLARI:

Essere single ai tempi del coronavirus

Quando sei single, hai più di 30 anni e in più magari vivi anche in una grande città ti senti quasi una divinità.
Puoi uscire quando vuoi, frequentare chi vuoi e quando vuoi, dormire fino a tardi dopo una festa dove hai potuto alzare il gomito senza che nessuno al tuo fianco ti rimproverasse, permetterti il lusso di pranzare alle 3 del pomeriggio della domenica guardando per l’ennesima volta le repliche della tua serie tv preferita, decidere di rimanere a leggere tutto il giorno sul letto a poltrire oppure alzarti alle 7 della domenica mattina per andare a far sport.

Quando sei single ai tempi del coronavirus, invece, la solitudine aumenta esponenzialmente.
E dopo qualche giorno di isolamento forzato in casa arriva un pensiero di invidia per gli amici che in questo momento invece sono in coppia (fino a poco tempo fa magari sbeffeggiati "perché non sai quanto è bello essere liberi") e si fa strada il bisogno del conforto di una persona accanto.



In questi giorni infatti tutto …

14 cose da fare restando a casa da soli

Sono giornate lunghe, a volte interminabili, quelle che stanno vivendo i single italiani in questo periodo storico di #iorestoacasa.
Per qualcuno magari la noia qualche volta fa capolino, alternandosi a momenti di timore o di sconforto.

Sembra infatti difficile spostare l’attenzione dall'emergenza sanitaria per il coronavirus e dal bombardamento di notizie drammatiche che arrivano a tutte le ore da tv, radio e giornali.
Ma ci sono molte cose che possiamo fare per scacciare via noia e brutti pensieri.
Quando si sta a casa per lungo tempo c'è infatti il rischio di annoiarsi un po’: bisogna però sempre ricordare che le cose da fare non mancano, quindi questo deve essere il punto di partenza della nostra strategia!

Mai cedere alla noia e alla tristezza, in nessuno caso: ci sono tantissime cose che si possono fare a casa.
Non bisogna assolutamente passare le giornate a fissare il soffitto chiedendosi cosa succederà: in questi momento storico bisogna rimanere a casa il più possibile,…

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.


Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di ap…