Passa ai contenuti principali

Una app per riprendersi dalla fine di una storia: Mend

Avete appena finito una storia d’amore e state male?
Avete bisogno di un aiuto per dimenticare l'ex?
Esiste una app creata apposta per la fine di una storia sentimentale!

Mend, app che  aiuta a guarire dopo la fine di una storiaSe fate parte dei single con il cuore spezzato, Mend potrebbe essere quello che fa per voi.
Sviluppata da Ellen Huerta quando aveva finito una storia (prima aveva aperto il sito letsmend.com) la app sembra una idea interessante, anche se fa riflettere il fatto che più si sta male e quindi si ha bisogno di aiuto e più si alza la quota di registrazione.
Mend infatti letteralmente significa “Ripariamoci” o “aggiustiamoci”.

Cuore spezzato


Quando finisce una storia bisogna infatti rimettersi in sesto e qualche volta, quando è stata proprio brutta, ritornare alla vita normale.

Repubblica aveva intervistato Ellen Huerta: l'autrice della app chiama i suoi utenti “menders”, persone che stanno cercando di aggiustarsi.
Ma chi sono gli utenti di questa app?
La Huerta  afferma che sono in maggioranza donne, della generazione Y.

Stiamo parlando, secondo Wikipedia, di nati dal 1979 al 2000: una generazione caratterizzata da un maggiore utilizzo e familiarità con le tecnologie digitali.
L'uso di Internet (e-mail, Chat, Whatsapp), YouTube, Facebook, Twitter ecc... possono spiegare come la fama dei millennials sia orientata allo scambio e al commercio grazie ad una facile comunicazione attraverso la tecnologia.
Non dimentichiamo però che spesso questa generazione è etichettata come "Generazione Peter Pan", a causa della sua propensione a ritardare alcuni dei riti di passaggio all'età adulta più a lungo rispetto a generazioni precedenti.
Per non parlare della tendenza a vivere con i genitori per un periodo più lungo (cosa che portò, a ragione o a torto, l'ex ministro Brunetta a parlare di "bamboccioni").

La app Mend chiede di rispondere ad alcune domande (“Qual è per te la ragione per cui la tua storia è finita?”, “Quando è finita la storia?”, “Quando hai sentito il tuo ex l’ultima volta?”, “Quanto interferisce la fine di questa relazione con la tua vita?” ecc..)

Ci chiederà anche come ci sentiamo, con la possibilità di creare dei promemoria, per sapere come procede. Una specie di diario, per valutare da soli il proprio grado di sofferenza interiore.

Ellen Huerta ha affermato:

 "Lasciarsi è una cosa normale, tutti si separano e non c’è niente di cui vergognarsi. Le relazioni sentimentali sono come i tagli di capelli. Non credo tu abbia ancora lo stesso taglio di quando eri bambina. E questo perché ci vuole un po’ per capire qual è quello che ti sta bene, quello giusto. Lo stesso vale per le storie d’amore”.

In realtà lasciarsi e purtroppo stare male fa vergognare molte persone e forse si potrebbe provare vergogna anche a scaricare un’app per cercare di stare meglio...

POST PIÚ POPOLARI:

Essere single ai tempi del coronavirus

Quando sei single, hai più di 30 anni e in più magari vivi anche in una grande città ti senti quasi una divinità.
Puoi uscire quando vuoi, frequentare chi vuoi e quando vuoi, dormire fino a tardi dopo una festa dove hai potuto alzare il gomito senza che nessuno al tuo fianco ti rimproverasse, permetterti il lusso di pranzare alle 3 del pomeriggio della domenica guardando per l’ennesima volta le repliche della tua serie tv preferita, decidere di rimanere a leggere tutto il giorno sul letto a poltrire oppure alzarti alle 7 della domenica mattina per andare a far sport.

Quando sei single ai tempi del coronavirus, invece, la solitudine aumenta esponenzialmente.
E dopo qualche giorno di isolamento forzato in casa arriva un pensiero di invidia per gli amici che in questo momento invece sono in coppia (fino a poco tempo fa magari sbeffeggiati "perché non sai quanto è bello essere liberi") e si fa strada il bisogno del conforto di una persona accanto.



In questi giorni infatti tutto …

14 cose da fare restando a casa da soli

Sono giornate lunghe, a volte interminabili, quelle che stanno vivendo i single italiani in questo periodo storico di #iorestoacasa.
Per qualcuno magari la noia qualche volta fa capolino, alternandosi a momenti di timore o di sconforto.

Sembra infatti difficile spostare l’attenzione dall'emergenza sanitaria per il coronavirus e dal bombardamento di notizie drammatiche che arrivano a tutte le ore da tv, radio e giornali.
Ma ci sono molte cose che possiamo fare per scacciare via noia e brutti pensieri.
Quando si sta a casa per lungo tempo c'è infatti il rischio di annoiarsi un po’: bisogna però sempre ricordare che le cose da fare non mancano, quindi questo deve essere il punto di partenza della nostra strategia!

Mai cedere alla noia e alla tristezza, in nessuno caso: ci sono tantissime cose che si possono fare a casa.
Non bisogna assolutamente passare le giornate a fissare il soffitto chiedendosi cosa succederà: in questi momento storico bisogna rimanere a casa il più possibile,…

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.


Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di ap…