Passa ai contenuti principali

7 domande da non fare durante uno Speeddate

Sul web si trovano molti siti che scrivono di eventi per single e di speeddate.
Tra questi, molti "esperti" danno consigli e fanno proclami sui migliori comportamenti da tenere durante una serata per single.
Il problema però è che la maggior parte di questi sedicenti esperti parlano senza purtroppo avere la dovuta esperienza...
Abbiamo quindi deciso di rompere gli indugi e darvi preziosi suggerimenti (verificati sul campo, durante più di 500 speeddate organizzati in tutta Italia) sulle domande che è meglio evitare.

Dubbi

Le domande (pericolose se fatte) che trovate sotto le abbiamo viste fare... abbiamo notato  le facce delle persone cui sono state rivolte ... e soprattutto abbiamo visto la loro reazione.
Vogliamo quindi darvi i migliori consigli, per evitare di fare errori.

CONSIGLI PER NON FARE ERRORI DURANTE I POCHI MINUTI DI CONVERSAZIONE IN UNO SPEEDDATE

LA PRIMA DOMANDA DA EVITARE

Innanzitutto evitate domande dirette e troppo personali come "sei stato sposato/a?", "sei divorziato/a?".
È un primo appuntamento con quella persona e, per giunta, di pochi minuti… vi sembra giusto fare un interrogatorio al vostro interlocutore? 
In questi pochi minuti conviene invece concentrarsi a capire se si hanno delle cose in comune oppure no; gli altri dettagli privati li potrete poi discutere e approfondire eventualmente in un incontro successivo.

ALTRE DOMANDE DA EVITARE:

"Da quanto tempo sei single?"
Corollario della domanda sopra, non solo mette quasi in dubbio la sincerità dell'interlocutore (perché si presume che in una serata per single la persona che in quel momento avete di fronte sia single, no?) ma anche perché nasconde un sottile gioco psicologico.
Infatti, rispondendo "Da tanto tempo" alla domanda si vorrebbe quasi far ammettere "Sono single da tanto tempo perché nessuno mi vuole" oppure "Sono single perché ho un brutto carattere".
Nell'altro caso, se la risposta alla domanda è "Da poco tempo" il trucco  psicologico è quello di far confessare che la persona non ha bisogno di tanto tempo per dimenticare gli ex. Quindi via uno e via l'altro...

"Ti piacciono i bambini?"
Questa è una domanda apparentemente innocua, ma se in particolare è fatta da una donna a un uomo potrebbe far alzare subito un muro tra le 2 persone.
Questo non vuol dire che il vostro interlocutore debba per forza non essere interessato ai bambini.. ma questa è una domanda che nei primissimi minuti di approccio è meglio non fare; se ci sarà interesse reciproco potrete approfondire l'argomento che vi sta a cuore con calma, davanti a un drink o a un caffè, in un incontro successivo.

"Se ti scelgo, tu mi scegli?"
Autostima bassa? Perché voler dimostrare a tutti i costi di avere dei dubbi su se stessi…?
È vero, magari avete di fronte a voi la persona che in quel momento sentite potrebbe far battere il cuore ma… non è meglio lasciare un pizzico di sorpresa e aspettare che vengano spedite le preferenze?
Anche perché dalla nostra esperienza abbiamo visto che se una persona non è interessata (e sottolineiamo non è interessata), se messa alle strette in questo modo risponderà: "Certamente".
Purtroppo poi però manderete una mail di lamentela al nostro staff, perché non avete ricevuto il match (preferenza reciproca) di cui siete "sicuri"! In caso di dubbi sul meccanismo dello speeddate potete leggere il post "Cosa significa fare match durante uno speeddate").
E comunque... eravate davvero sicuri di avere avuto questo match? A volte conviene pensarci… perché a una domanda non gradita potrebbe esserci una risposta non vera.


Scelta


"Hai già messo la preferenza a qualcun altro?"
Questa è la domanda gemella di quella precedente, la classica domanda da ansia da prestazione.
Attenzione però, perchè il vostro interlocutore potrebbe invece pensare tra sé e sé: "Ma saranno fatti miei chi decido o non decido di votare, ti sembra?".
Evitate quindi anche questa domanda, se la farete potrebbe esserci una risposta che non corrisponde alla verità!

"Usciamo dal gioco per fumare una sigaretta?"
Anche se in preda a una crisi di astinenza da nicotina, meglio evitare questa domanda, cari fumatori.
I motivi sono due: il primo è che per rispetto degli altri partecipanti (e soprattutto della persona che starà a chiacchierare con voi nel turno successivo) non è educato alzarsi e uscire dal locale per poi tornare magari con dei minuti di ritardo, quando il turno è passato e lasciare posti vuoti in attesa dei propri comodi.
Inoltre accumulare del" vantaggio" sugli altri partecipanti non sarebbe molto corretto...
In ogni caso durante i nostri eventi c'è sempre il nostro staff, disponibile a dare consigli sui comportamenti più giusti da adottare.

"Hai già partecipato a uno speed date?"
Questa è una delle domande che tradiscono un po' di ansia (o di furbizia): chi la fa ha bisogno di sapere se l'interlocutore è alle prime armi con questo social game, oppure no.
Vi garantiamo, però, che la risposta a questa domanda è quasi sempre: "No" (anche se la persona ha già partecipato ad almeno una decina di eventi precedenti!).
I più esperti  e navigati preferiscono quasi sempre  presentarsi come una persona che si trova "quasi per caso" all'evento, negando di avere mai partecipato ad un evento per single.
Non sappiamo perché, ma dopo 500 speeddating abbiamo visto che il modo di rispondere a questa domanda è sempre lo stesso: è sempre la prima volta…

POST PIÚ POPOLARI:

Essere single ai tempi del coronavirus

Quando sei single, hai più di 30 anni e in più magari vivi anche in una grande città ti senti quasi una divinità.
Puoi uscire quando vuoi, frequentare chi vuoi e quando vuoi, dormire fino a tardi dopo una festa dove hai potuto alzare il gomito senza che nessuno al tuo fianco ti rimproverasse, permetterti il lusso di pranzare alle 3 del pomeriggio della domenica guardando per l’ennesima volta le repliche della tua serie tv preferita, decidere di rimanere a leggere tutto il giorno sul letto a poltrire oppure alzarti alle 7 della domenica mattina per andare a far sport.

Quando sei single ai tempi del coronavirus, invece, la solitudine aumenta esponenzialmente.
E dopo qualche giorno di isolamento forzato in casa arriva un pensiero di invidia per gli amici che in questo momento invece sono in coppia (fino a poco tempo fa magari sbeffeggiati "perché non sai quanto è bello essere liberi") e si fa strada il bisogno del conforto di una persona accanto.



In questi giorni infatti tutto …

14 cose da fare restando a casa da soli

Sono giornate lunghe, a volte interminabili, quelle che stanno vivendo i single italiani in questo periodo storico di #iorestoacasa.
Per qualcuno magari la noia qualche volta fa capolino, alternandosi a momenti di timore o di sconforto.

Sembra infatti difficile spostare l’attenzione dall'emergenza sanitaria per il coronavirus e dal bombardamento di notizie drammatiche che arrivano a tutte le ore da tv, radio e giornali.
Ma ci sono molte cose che possiamo fare per scacciare via noia e brutti pensieri.
Quando si sta a casa per lungo tempo c'è infatti il rischio di annoiarsi un po’: bisogna però sempre ricordare che le cose da fare non mancano, quindi questo deve essere il punto di partenza della nostra strategia!

Mai cedere alla noia e alla tristezza, in nessuno caso: ci sono tantissime cose che si possono fare a casa.
Non bisogna assolutamente passare le giornate a fissare il soffitto chiedendosi cosa succederà: in questi momento storico bisogna rimanere a casa il più possibile,…

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.


Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di ap…