Passa ai contenuti principali

"Single con gioia. Ovvero l'arte di star bene con se stessi"

Vivere da soli e, nello specifico, essere single non è certamente una sfida semplice. Anzi.

Eppure questa fase, più o meno lunga in base alle esigenze di ognuno di noi, rappresenta uno dei tasselli più significativi della vita. Un elemento fondamentale nel percorso di crescita personale, in cui, per quanto si cerchi di evitarlo, ci si ritrova ad avere a che fare con la propria essenza più intima e profonda, quella parte di noi da cui la frenesia del quotidiano tende costantemente ad allontanarci.

Questo spesso ci terrorizza, un po' perché non abbiamo gli strumenti giusti per affrontare la solitudine, un po' perché la società, ogni tanto, ci porta a pensare che essere single sia qualcosa a cui dover porre rimedio. Il libro "Single con gioia. Ovvero l'arte di star bene con se stessi" di Maria Elettra Cugini aiuta a comprendere che niente è mai stato più lontano dalla verità e speriamo possa alleggerire lo spirito di chi si ritrova a dubitare che non sia effettivamente così.

Scorrendo le parole della Cugini, si avverte la necessità di immedesimarsi subito in quel processo di "autoguarigione", secondo cui siamo noi ad avere il potere di trasformare il nostro essere single in una "fonte di disagio e disperazione" o in una "fonte di appagamento ed autorealizzazione".

L'autrice, non a caso psicologa e psicoterapeuta, ci suggerisce passo per passo quali sono gli strumenti per modificare la percezione della vita da single, accompagnandoci nella comprensione profonda della sconfinata importanza della solitudine.

Saper stare da soli, per quanto possa esser complicato, è infatti a sua volta la maggiore chiave per la felicità di una futura vita di coppia.

Un consiglio spassionato: immergetevi in questa lettura, anche se non siete single, perchè il segreto per star bene con qualcuno è proprio quello di stare prima bene con se stessi. Provare per credere.



POST PIÚ POPOLARI:

L'anello dei single

E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘apertura’. Apertura al

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate   " 6 Single x sei single " sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte. In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili. Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione  e catturare l'attenzione dell'interlocutore? Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate  perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione. Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno . Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche so

Le migliori auto per single che vivono in città

Si è da poco concluso il Salone dell'Auto di Torino e noi di Vitadasingle.net c'eravamo. Abbiamo ammirato i bolidi esposti, siamo saliti a bordo di auto sportive e berline di lusso e abbiamo anche fatto un salto nel futuro, rapiti da prototipi dalle linee avveniristiche. Ma sopratutto ci siamo chiesti: qual è l'auto per i single?  Potendo sognare, una qualsiasi di quelle esposte al Parco del Valentino! Tornando alla realtà, la risposta alla domanda qual è l'auto preferita dai single è sicuramente la Smart . In poco più di 2 metri e mezzo (2,69 per essere precisi), la Smart ForTwo offre ogni comfort ed è ideale per spostarsi in città: si parcheggia ovunque e con il cambio automatico, anche per il single di Milano muoversi nel traffico diventa meno snervante. Poi ha due posti comodi e finiture di qualità... insomma, l'eventuale secondo passeggero a bordo, non avrà nulla di che lamentarsi. I single che cercano invece una vettura tuttofare, adatta ai