Passa ai contenuti principali

Perché non devi usare Facebook se sei single

Se siete single non dovete usare troppo Facebook, lo sapevate?

Per due motivi fondamentali.
Eccoli elencati:

Primo: con Facebook non riuscite a "uscire" realmente dalla vostra rete di amicizie 
Certo, qualcuno dirà che si può provare a chiedere l'amicizia a un'altra persona che abbiamo intuito essere amica di una persona che già conosciamo. Ma i veri "salti" sono quelli dove si entra in contatto con persone completamente al di fuori della nostra rete sociale!
Persone con cui difficilmente avreste potuto avere un amico che vi presentava. Ecco quindi perché sotto questo aspetto Facebook non è vincente. 

Secondo motivo: Facebook vi regala  l'illusione che tutto il mondo sia uguale a voi...
Quando create una rete di amicizie, soprattutto virtuale, si è portati a allacciare relazioni di conoscenza con persone che condividono i nostri stessi modi di vedere e intendere la vita. Non stiamo parlando di interessi, non stiamo parlando di gusti, stiamo parlando di modi di intendere la vita!

Facebook è uno straordinario, meraviglioso giardino incantato ma è al tempo stesso una gabbia dorata...

Il problema è che pochi single se ne accorgono: uscire dalla propria rete sociale e, al tempo stesso, dalla "confort zone" ci regala la straordinaria possibilità di allargare il nostro modo di vedere la vita e, soprattutto, entrare in contatto con punti di vista diversi dai nostri.

Solitudine facebook


Whatsapp e l'attesa infinita...
In amore non vince più chi fugge, ma chi con “Messaggio visualizzato alle ...” non risponde. 
Abbiamo forse smesso di capire perché ci comportiamo in un certo modo sui social network, abituati come siamo ad inglobarli nella nostra vita quotidiana. Soprattutto per quanto riguarda le nostre relazioni più strette.

Date una occhiata al mitico "I Forgot my Phone", video di critica sui nostri occhi che stanno in perenne fissa con gli smartphone:


E poi: vi siete mai chiesti che effetto abbiano i social media sulle storie d’amore e sulle nostre relazioni più strette?

I trucchi usati da Facebook per creare dipendenza
Facebook si basa principalmente su due concetti chiave: prevedibilità e curiosità.
Due componenti che si alimentano a vicenda.
La prevedibilità sociale da infatti l’illusione di poter controllare l'universo di relazioni della nostra vita: ho saputo il tuo nome e cognome, ti "aggiungo su Facebook" ecc...

Poi si innesca la curiosità, che ad esempio, ci porta a scorrere compulsivamente foto delle vacanze di amici di amici... una dopo l’altra.
Alzi la mano chi, su Facebook/Instagram, ad un certo punto si è chiesto “Ma perché sto perdendo tempo guardando queste foto?” ed ha chiuso il browser. Per poi ricadere nella stessa pulsione qualche tempo dopo.

C'è da sottolineare che purtroppo esiste anche un collegamento tra invidia/depressione e Instagram, Facebook o Whatsapp: perchè su questi social, suggeriscono le ricerche di diversi studiosi, prevalgono le sensazioni di gelosia, comparazione ed insicurezza.

Facebook ad esempio ci fornisce molte informazioni ambigue sul partner alimentando non solo il sospetto, ma anche il desiderio, di possedere un numero sempre maggiore di queste informazioni.
E questo desiderio, guarda caso, non fa che aumentare l’utilizzo stesso di Facebook.
Quindi: più informazioni riceviamo, più aumenta il nostro bisogno di sorveglianza.
Una sindrome compulsiva inarrestabile!

Non solo: più il partner condivide informazioni decontestualizzate e che generano sospetto, più l’altra metà è invogliata a fare lo stesso. Il risultato è che in una coppia che passa molto tempo online aumenta (tra i 2 partner) la propria esperienza di gelosia.
Sembra quindi che la quantità di tempo passata su Facebook sia direttamente proporzionale alla gelosia che proviamo.
Incredibile, vero?

Facebook e relazioni


C’è chi sostiene da tempo che Facebook fa male alla coppia. Troppe paranoie, troppe tentazioni.
C’è chi dice invece che fa bene perché è un ulteriore strumento di comunicazione e complicità...
Infine c’è chi è neutrale, perché Facebook non sarebbe altro che un palcoscenico dentro al quale mostrare (amplificati) pregi e difetti.

E voi single, cosa ne pensate?
Scriveteci a staff@vitadasingle.net

POST PIÚ POPOLARI:

L'anello dei single

E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen.
Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna.
Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘apertura’. Apertura al mo…

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo.
I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande.
Tutto sembrerebbe far brodo, insomma.

La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili.
Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single.



Analizziamo l'idea, spiegando innanzit…

Le migliori auto per single che vivono in città

Si è da poco concluso il Salone dell'Auto di Torino e noi di Vitadasingle.net c'eravamo.
Abbiamo ammirato i bolidi esposti, siamo saliti a bordo di auto sportive e berline di lusso e abbiamo anche fatto un salto nel futuro, rapiti da prototipi dalle linee avveniristiche.
Ma sopratutto ci siamo chiesti: qual è l'auto per i single? 

Potendo sognare, una qualsiasi di quelle esposte al Parco del Valentino!
Tornando alla realtà, la risposta alla domanda qual è l'auto preferita dai single è sicuramente la Smart.

In poco più di 2 metri e mezzo (2,69 per essere precisi), la Smart ForTwo offre ogni comfort ed è ideale per spostarsi in città: si parcheggia ovunque e con il cambio automatico, anche per il single di Milano muoversi nel traffico diventa meno snervante.
Poi ha due posti comodi e finiture di qualità... insomma, l'eventuale secondo passeggero a bordo, non avrà nulla di che lamentarsi.

I single che cercano invece una vettura tuttofare, adatta ai viaggi e al traspo…