Passa ai contenuti principali

Perché non devi usare Facebook se sei single

Se siete single non dovete usare troppo Facebook, lo sapevate?

Per due motivi fondamentali.
Eccoli elencati:

Primo: con Facebook non riuscite a "uscire" realmente dalla vostra rete di amicizie 
Certo, qualcuno dirà che si può provare a chiedere l'amicizia a un'altra persona che abbiamo intuito essere amica di una persona che già conosciamo. Ma i veri "salti" sono quelli dove si entra in contatto con persone completamente al di fuori della nostra rete sociale!
Persone con cui difficilmente avreste potuto avere un amico che vi presentava. Ecco quindi perché sotto questo aspetto Facebook non è vincente. 

Secondo motivo: Facebook vi regala  l'illusione che tutto il mondo sia uguale a voi...
Quando create una rete di amicizie, soprattutto virtuale, si è portati a allacciare relazioni di conoscenza con persone che condividono i nostri stessi modi di vedere e intendere la vita. Non stiamo parlando di interessi, non stiamo parlando di gusti, stiamo parlando di modi di intendere la vita!

Facebook è uno straordinario, meraviglioso giardino incantato ma è al tempo stesso una gabbia dorata...

Il problema è che pochi single se ne accorgono: uscire dalla propria rete sociale e, al tempo stesso, dalla "confort zone" ci regala la straordinaria possibilità di allargare il nostro modo di vedere la vita e, soprattutto, entrare in contatto con punti di vista diversi dai nostri.

Solitudine facebook


Whatsapp e l'attesa infinita...
In amore non vince più chi fugge, ma chi con “Messaggio visualizzato alle ...” non risponde. 
Abbiamo forse smesso di capire perché ci comportiamo in un certo modo sui social network, abituati come siamo ad inglobarli nella nostra vita quotidiana. Soprattutto per quanto riguarda le nostre relazioni più strette.

Date una occhiata al mitico "I Forgot my Phone", video di critica sui nostri occhi che stanno in perenne fissa con gli smartphone:


E poi: vi siete mai chiesti che effetto abbiano i social media sulle storie d’amore e sulle nostre relazioni più strette?

I trucchi usati da Facebook per creare dipendenza
Facebook si basa principalmente su due concetti chiave: prevedibilità e curiosità.
Due componenti che si alimentano a vicenda.
La prevedibilità sociale da infatti l’illusione di poter controllare l'universo di relazioni della nostra vita: ho saputo il tuo nome e cognome, ti "aggiungo su Facebook" ecc...

Poi si innesca la curiosità, che ad esempio, ci porta a scorrere compulsivamente foto delle vacanze di amici di amici... una dopo l’altra.
Alzi la mano chi, su Facebook/Instagram, ad un certo punto si è chiesto “Ma perché sto perdendo tempo guardando queste foto?” ed ha chiuso il browser. Per poi ricadere nella stessa pulsione qualche tempo dopo.

C'è da sottolineare che purtroppo esiste anche un collegamento tra invidia/depressione e Instagram, Facebook o Whatsapp: perchè su questi social, suggeriscono le ricerche di diversi studiosi, prevalgono le sensazioni di gelosia, comparazione ed insicurezza.

Facebook ad esempio ci fornisce molte informazioni ambigue sul partner alimentando non solo il sospetto, ma anche il desiderio, di possedere un numero sempre maggiore di queste informazioni.
E questo desiderio, guarda caso, non fa che aumentare l’utilizzo stesso di Facebook.
Quindi: più informazioni riceviamo, più aumenta il nostro bisogno di sorveglianza.
Una sindrome compulsiva inarrestabile!

Non solo: più il partner condivide informazioni decontestualizzate e che generano sospetto, più l’altra metà è invogliata a fare lo stesso. Il risultato è che in una coppia che passa molto tempo online aumenta (tra i 2 partner) la propria esperienza di gelosia.
Sembra quindi che la quantità di tempo passata su Facebook sia direttamente proporzionale alla gelosia che proviamo.
Incredibile, vero?

Facebook e relazioni


C’è chi sostiene da tempo che Facebook fa male alla coppia. Troppe paranoie, troppe tentazioni.
C’è chi dice invece che fa bene perché è un ulteriore strumento di comunicazione e complicità...
Infine c’è chi è neutrale, perché Facebook non sarebbe altro che un palcoscenico dentro al quale mostrare (amplificati) pregi e difetti.

E voi single, cosa ne pensate?
Scriveteci a staff@vitadasingle.net

POST PIÚ POPOLARI:

5 motivi per partecipare a una cena con sconosciuti

Ieri vi ha chiamato il vostro amico Marco: è single, Milano è la sua città ed è un assiduo frequentatore della Milano single.
Conosce i locali per single di Milano, partecipa a tutti gli eventi per single e ogni volta vi racconta di qualche nuova serata trascorsa in compagnia di altri amici single.

Anche ieri vi ha parlato di una cena cui andrà a breve. Sarà una sorta di "cena degli sconosciuti" dove i partecipanti non si conoscono e si incontrano per la prima volta proprio nel ristorante in cui si terrà l'evento.



Ma di cosa si tratta?

Le cene con sconosciuti sono un evento che con Vitadasingle organizziamo da anni.
I nostri eventi dinnerdate sono infatti appuntamenti a cena in cui i partecipanti hanno modo di conoscersi e socializzare.
Le location sono tra le migliori locali di Italia (tra questi troviamo anche il notissimo Twiga, locale di Flavio Briatore), in modo da dare la possibilità a tutti (single di Torino, single di Roma, single di Milano ecc...) di parteciparvi…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.


Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di ap…