Passa ai contenuti principali

"Bridget Jones’ Baby", recensione del film

Ieri due single (un uomo e una donna) hanno assistito gratuitamente insieme a noi alla prima del nuovo film di Bridget Jones, "Bridget Jones' baby"; erano infatti i vincitori dei biglietti omaggio sorteggiati durante la nostra serata "Since Y2K" per festeggiare i 16 anni di Vitadasingle.net
Ecco le nostre impressioni sul film:

La prima cosa che ci ha colpito è stato il pubblico in sala, composto da molti giovani. A quanto pare il fenomeno Bridget Jones è diventato un personaggio trasversale e multigenerazionale (in sala infatti c'erano ragazzi e ragazze che ai tempi dell'uscita del primo film andavano probabilmente alla scuola materna o elementare).
Un bel serbatoio di nuovo pubblico quindi per la produzione, che ha saputo rinnovarsi e comunicare lo spirito di questa eroina dei single anche alle nuove generazioni, usando ad esempio Facetime per le chiamate tra Bridget e la sua amica.

BRIDGET JONES' BABY - IL FILM
Il film è brillante, ironico e divertente (tranquilli... non sveleremo la trama per non rovinarvi la sorpresa e il gusto di andare a vederlo!).
Gli sceneggiatori si sono impegnati a infarcirlo di piccole brillanti battute, inserite con grande perizia nei momenti giusti e grazie alle quali molti spettatori single si potranno immedesimare nei personaggi di questo film.



Gli attori di Bridget Jones' Baby

Un altro concetto interessante della pellicola è il senso del passar del tempo: rivedendo Marc e Bridget dopo 15 anni (e sì, anche per attori come Reneè Zellweger e Colin Firth gli anni passano...) la loro vecchia storia d'amore e il ritorno di fiamma risultano ancora più credibili.
Ognuno dei due personaggi infatti ha un bagaglio di vita e di esperienze portato dal passato, che si riflette nella trama di questo terzo film (per aggiungere un pizzico di amarcord sono state inserite all'interno di "Bridget Jones' baby" alcune scene dei film precedenti).
Non vi sveliamo qui la prima grande sorpresa iniziale del film, quando Bridget entra in chiesa... ma vi assicuriamo che questo colpo di scena ha fatto sospirare e dire "Nooooooooooo" a tante spettatrici in sala!
Il tempo è volato durante la proiezione e nell'ultimo fotogramma del film lo scenario si ribalterà di nuovo, per strizzare l'occhio ad una probabile quarta uscita di questo film, ormai a pieno titolo da considerarsi una saga.

In conclusione: "Bridget Jones' baby" ha centrato in pieno l'obiettivo.
Supera ampiamente il secondo film e, in quanto a sviluppo della trama, ritmo e simpatia dei protagonisti, in molti casi è migliore anche del primo, l'ormai mitico "Il diario di Bridget Jones".
Se quindi volete trascorrere un paio d'ore di relax e ridere di gusto questo film fa per voi.
Anche se non siete single...

POST PIÚ POPOLARI:

L'anello dei single

E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘apertura’. Apertura al

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella. Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano. Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale. Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte. Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single ", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo. Basti pensare anche ai nuovi

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate   " 6 Single x sei single " sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte. In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili. Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione  e catturare l'attenzione dell'interlocutore? Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate  perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione. Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno . Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche so