Passa ai contenuti principali

Eye gazing: per sedurre non c'è nulla di meglio di uno sguardo

Il colpo di fulmine esiste, non è una leggenda metropolitana. Il vero problema è che non tutti sono predisposti a crederci.
Uno studio scientifico pubblicato sulla rivista americana “Archives of Sexual Behaviour” aveva elaborato una tabella con i tempi del colpo di fulmine, ovvero l’innamoramento al primo sguardo.
Lo sguardo del maschio deve durare almeno 8 secondi per indicare che si tratta di amore: se invece l'uomo guarda la donna per meno di 4 secondi non c’è vero interesse profondo. Sono tempi rapidi, ma sono stati scientificamente elaborati analizzando i movimenti oculari di 115 persone mentre dialogavano in chat con attori, o attrici.
Il dato sembra proprio chiaro: per un innamoramento ci devono essere almeno 8 secondi di sguardo intenso. Questo dato varebbe però soltanto per gli uomini, perché le donne avrebbero tempi diversi. Gli studiosi, infatti, non hanno ancora trovato alcuna correlazione tra durata dello sguardo e attrazione che le donne provano verso un uomo...



Eye gazing per single


Premesso questo, è sempre emozionante guardare le persone negli occhi.
Qualcuno fa più fatica di altri, ma c’è una chimica impalpabile che si smuove.
Con uno sguardo, come insegnavano gli attori del cinema muto, si può sedurre, intimorire o dire verità.
Gli occhi, notoriamente specchio dell’anima, non conoscono bugie: ciò che nasce dalla bocca, siano essi sorrisi o interminabili fiumi di parole, viene irrimediabilmente confermato o smentito dalla loro espressione!
Tuttavia, imparare con lo sguardo a conoscere il nostro prossimo è un talento che pochi sanno utilizzare e anche una esperienza che non si può sempre vivere, tranne che durante un "Eye gazing".

Cos'è un "Eye gazing"
Da bambini forse avrete giocato a chi reggeva più a lungo lo sguardo. Due erano le possibilità: resistere senza scoppiare in una risata incontenibile oppure chi sbatteva le palpebre pagava pegno.
Bene, a questo si aggiunge un pizzico di adulta malizia ed ecco la ricetta di un “Eye Gazing"”, tipologia di evento per single che proprio 10 anni fa, nel 2006, abbiamo introdotto dagli Stati Uniti.
Un evento raro da vivere (lo organizziamo solamente una volta all'anno), con simpatia e curiosità, per conoscere ed incontrare altre persone single.
La storia dell'Eye Gazing nasce da una brillante intuizione: Michael Ellsberg, professionista di New York ed insegnante di ballo, era stanco di ascoltare sempre le stesse banali domande quando faceva nuove conoscenze nei locali.
Domande trite e ritrite come "Che lavoro fai?", "Di dove sei?", "Di che segno sei?" ecc... ecc...
Michael invece, avendo intuito grazie alla danza il magnetico potere dello sguardo, capace di creare straordinaria complicità dove non arrivano le parole, lanciò l'“Eye Gazing”.
Avete presente gli incontri speeddate? Ebbene, gli “Eye Gazing” si svolgono in modo simile, con la grande differenza che avvengono senza parlare.
Quasi agli antipodi dello speed dating (dove in pochi minuti bisogna dirsi tutto il possibile) durante l'Eye gazing l'unica regola è fissarsi per brevissimo tempo senza dire una parola, seduti uno di fronte all'altro (in un locale riservato e, soprattutto, molto silenzioso).
Sembra una cosa un po' bizzarra, ma non lo è affatto: dal 2006 ad oggi ai nostri eye gazing in Italia (Torino, Milano, Roma, Riccione ecc..) abbiamo sempre avuto un bel numero di partecipanti, in alcuni casi più di 100 contemporaneamente.





Lo scopo è creare un contatto profondo tra i partecipanti, senza lasciarsi fuorviare da chiacchiere iniziali banali.
A conferma che la Comunicazione Non Verbale la fa sempre da padrona, l’assenza di parole favorisce infatti la socializzazione!
I partecipanti ci raccontano spesso che è quasi un’esperienza liberatoria, nella quale ci si lascia placidamente fissare, senza inibizioni o falsi pudori.
Mentre ci si perde nello sguardo della persona di fronte possono nascere degli interrogativi. Ad esempio ci si potrebbe chiedere "Perché questi occhi sono così tristi?", oppure al contrario "Perché scintillano di tanta gioia?".
Al momento dell’incontro verbale nella seconda fase dell'evento, fra molti single si è quindi già creata una reciproca curiosità.

Volete provare questa straordinaria esperienza?
Ci troverete a Torino venerdì 7 ottobre ed a Milano domenica 16 ottobre con un "Eye gazing": potrete vivere con noi un emozionante incontro insieme ad altre persone single e anche portare a casa molte preziose informazioni sulla Comunicazione Non Verbale.
Maggiori informazioni nella nostra sezione dedicata agli eventi per single.

POST PIÚ POPOLARI:

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.  Epicuro Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà! Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui. Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili. Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane! Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti. Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero , le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single. Lo si può fare con gli am

5 motivi per cui sei single dopo i 40 anni

È arrivata la fatidica tappa dei 40 anni e si sta ancora vivendo lo status di single? Ecco quali sono i cinque motivi principali: Primo motivo: sei una persona che non vuole scendere a compromessi Questo è uno dei motivi più probabili. Stare in coppia o, ancora di più, vivere una convivenza o sposarsi significa rinunciare a un po' della propria libertà a favore della libertà del partner.  Diversi quarantenni (e anche cinquantenni, in verità) di oggi non sono molto disponibili a scendere a  compromessi e quindi, per forza di cose, si ritrovano ad essere single.  Secondo motivo: preferisci vivere una vita libera Molto spesso la parola single è associata alla parola libertà: libertà di muoversi, di decidere, di fare e, più genericamente, di vivere la propria vita come si preferisce. Anche dal punto di vista sessuale e delle relazioni si può decidere di evitare di legarsi definitivamente e, passati i 40 anni, questo può portare a ritrovarsi soli. Terzo motivo: t i sei

7 errori da evitare durante un approccio

Oggi vogliamo parlare dei 7 errori più frequenti che i single (soprattutto gli uomini) commettono quando si va ad approcciare una persona. Elenchiamo gli errori in ordine cronologico , in modo che la sequenza temporale sia perfettamente chiara. Va quindi considerata una guida passo passo, con gli errori da non fare man mano che si approfondisce la conoscenza. SETTE ERRORI DA EVITARE DURANTE UN APPROCCIO: 1 - Avvicinarsi senza farsi vedere L'approccio da dietro è una delle modalità meno gradite. Comunica insicurezza e anche un pizzico di vigliaccheria: tutti noi infatti ci sentiamo più vulnerabili quando sentiamo qualcuno/qualcosa alle spalle che non riusciamo a vedere. Uno studio di psicologia comportamentale aveva determinato che le persone che al ristorante si siedono con gli altri tavoli/avventori alle spalle hanno un battito cardiaco più accelerato rispetto alla persona che nel loro stesso tavolo è seduta di fronte, ma con le spalle al muro. 2 - Essere titubanti Il più freq