Passa ai contenuti principali

Super Like: ecco perchè non funziona


Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo.
I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande.
Tutto sembrerebbe far brodo, insomma.

La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili.
Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single.


Like e dislike

Analizziamo l'idea, spiegando innanzitutto: cos'è un "Like"?
Online è molto utilizzato su Facebook e Tinder ed offline negli eventi per single, come ad es. lo speeddate, l'appuntamento tra persone single che permette di "rompere il ghiaccio" e conoscere con facilità tutte le persone che partecipano alla serata.
Per chi negli ultimi 15 anni non ha mai visto una puntata di Sex & The City o le decine di film che ne hanno parlato, oppure abbia vissuto su Marte o in Antartide spieghiamo il meccanismo di gioco: all'arrivo ad ogni partecipante é fornito un numero identificativo.
Ovviamente i partecipanti sono uomini e donne in ugual numero e si siedono l'uno di fronte l'altra.
Durante il gioco gli uomini cambiano posto, per passare ad un nuovo incontro. In questo modo, al termine della serata, ogni donna avrà parlato con ciascun uomo e viceversa.
A questo punto inizia il vero divertimento: al termine degli incontri infatti i single possono compilare un modulo con le preferenze: sulla scheda di gradimento indicheranno, a fianco del numero identificativo delle persone incontrate, un "SI" o un "NO".
Quando c'è match, cioè il "SI" è reciproco (la persona scelta ti ha, a sua volta, scelto) vengono inviati i rispettivi dati a entrambi.
Semplice e divertentissimo.

Torniamo ora al Super Like, lanciato da Tinder per aumentare le possibilità di "rimorchio".
Un anno fa quando era stato lanciato eravamo curiosi ... qualcuno avrà più successo con questa funzionalità aggiuntiva?
Abbiamo lasciato passare (molto) tempo, ci siamo documentati e abbiamo sentito un po' di pareri: il Super Like non funziona e, in più, fa sembrare l'uomo meno attraente agli occhi di una donna.

Infatti, dare un "Super Like" e poi fare "Super match" fa sembrare più bisognosi, disperati e imploranti di attenzione da parte dell'oggetto del desiderio, quasi come chiedere a gran voce la sua attenzione.
Troverete in rete diverse testimonianze che affermano ad esempio che, nel caso raro in cui su Tinder una donna risponda al Super Like, la conversazione spesso non dura più di 1 o 2 righe.

Cari uomini single: con queste premesse in pratica dare un "Super Like" durante un evento equivarrà sicuramente a dare una bella carica all'ego della donna, ma dopo che le avrete alzato l'autostima e vi avrà inquadrato sarà probabile che Lei passerà a interessarsi a qualcuno più seducente e che giudica come (almeno) uguale a lei.
Anzichè dare un Super Like forse sarebbe meglio impegnare le proprie energie a capire cosa cambiare per migliorare le relazioni interpersonali, per evitare gli errori di comunicazione più comuni con l'altro sesso.

Leggendo online i testi degli "ideatori" italici sono invece incredibili la affermazioni che si leggono in merito:
"Il Super Like è la certezza di aver fatto colpo" (quando si indicava un SI non era già così?),
"di aver suscitato l'interesse dell'interlocutore" (quando si indicava un SI non era già così?)
"e di averlo affascinato" (addirittura... ma quando si indicava un SI non era già così?).

Staremo a vedere... ma con queste premesse sembra proprio che, nonostante i nostri colleghi si stiano affannando per trovare qualche idea, in quest'ultimo caso la montagna potrebbe aver partorito un topolino...

Like

POST PIÚ POPOLARI:

L'anello dei single

E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘apertura’. Apertura al

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella. Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano. Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale. Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte. Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single ", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo. Basti pensare anche ai nuovi

Le migliori auto per single che vivono in città

Si è da poco concluso il Salone dell'Auto di Torino e noi di Vitadasingle.net c'eravamo. Abbiamo ammirato i bolidi esposti, siamo saliti a bordo di auto sportive e berline di lusso e abbiamo anche fatto un salto nel futuro, rapiti da prototipi dalle linee avveniristiche. Ma sopratutto ci siamo chiesti: qual è l'auto per i single?  Potendo sognare, una qualsiasi di quelle esposte al Parco del Valentino! Tornando alla realtà, la risposta alla domanda qual è l'auto preferita dai single è sicuramente la Smart . In poco più di 2 metri e mezzo (2,69 per essere precisi), la Smart ForTwo offre ogni comfort ed è ideale per spostarsi in città: si parcheggia ovunque e con il cambio automatico, anche per il single di Milano muoversi nel traffico diventa meno snervante. Poi ha due posti comodi e finiture di qualità... insomma, l'eventuale secondo passeggero a bordo, non avrà nulla di che lamentarsi. I single che cercano invece una vettura tuttofare, adatta ai