Passa ai contenuti principali

Single ieri e oggi: la tassa sui celibi

Quella dei single di oggi è una vita abbastanza complessa: non c'è bisogno dell'Istat per intuire che  la categoria definita tecnicamente “famiglia unipersonale” risente molto più di altri degli effetti della crisi economica e del lavoro.
Nulla, però, in confronto alle difficoltà dei single del passato, in particolare durante il periodo fascista, per i quali il governo di Mussolini creò appositamente una tassa in base all’età del contribuente!

A QUANTO AMMONTAVA LA TASSA PER UN UOMO SINGLE
L’importo variava a seconda dell’età dell’uomo celibe (le donne erano escluse) e si aggirava tra le 70 lire per i giovani dai 25 ai 35 anni e le 100 lire fino a 50 anni, per azzerarsi al compimento dei 65 anni (forse perché il governo di allora pensava che non c'era più niente da fare...).
Nel 1927 il governo fascista impose una "tassa sul celibato" per invogliare quindi gli italiani al matrimonio e favorire l’aumento demografico.

PER QUALE MOTIVO UNA TASSA SUI SINGLE?
L’idea di fondo era che per rendere solide le basi della nazione italiana era necessario un aumento della popolazione: una tassa sul celibato, con  premi di natalità e matrimoni di massa, rientrava tra le misure adottate per favorirlo.

Matrimoni anni '30


A quanto pare la tassa dei celibi diede qualche frutto, perché l’importo fu aumentato con l’introduzione di un’aliquota da pagare in base al reddito.
Il ricavato finiva (non a caso...) all’Opera Nazionale Maternità e Infanzia, fondata in quel periodo per la tutela di madri e bimbini in difficoltà economica.



La seconda guerra mondiale però sconvolse ogni programmazione demografica e la tassa sul celibato fu abolita dal governo Badoglio, nel 1943.
Il matrimonio, comunque, per molto tempo è rimasto un obbligo sociale per la maggior parte degli italiani.

ALBERTO SORDI, PALADINO DEI SINGLE DEL PASSATO
Non mancano però personaggi famosi del passato che all’altare hanno preferito la vita da single: uno dei casi più famosi fu Alberto Sordi, che con la consueta ironia giustificava la sua scelta con una battuta: «Non mi sposo perché non mi piace avere gente estranea in casa».



Sordi fu quindi un antesignano di quanti, soprattutto nel mondo del cinema, sono stati contagiati dall’allergia all'altare, senza che questo abbia però impedito di avere una vita amorosa (ad esempio Leonardo Di Caprio) o di contribuire all’aumento demografico (come nel caso di Hugh Grant, grande fan della vita da single ma papà di diversi figli, avuti da compagne diverse).

Sarebbe curioso vedere cosa succederebbe se qualche governo oggi pensasse di reintrodurla: nel 1999, il sindaco di Vastogirardi (IS) aveva proposto di reintrodurre la tassa a livello locale come soluzione al calo demografico della sua zona...

POST PIÚ POPOLARI:

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia. Epicuro
Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà!
Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui.
Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili.

Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane!
Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti.



Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero, le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single.
Lo si può fare con gli amici che si frequen…

Le migliori auto per single che vivono in città

Si è da poco concluso il Salone dell'Auto di Torino e noi di Vitadasingle.net c'eravamo.
Abbiamo ammirato i bolidi esposti, siamo saliti a bordo di auto sportive e berline di lusso e abbiamo anche fatto un salto nel futuro, rapiti da prototipi dalle linee avveniristiche.
Ma sopratutto ci siamo chiesti: qual è l'auto per i single? 

Potendo sognare, una qualsiasi di quelle esposte al Parco del Valentino!
Tornando alla realtà, la risposta alla domanda qual è l'auto preferita dai single è sicuramente la Smart.

In poco più di 2 metri e mezzo (2,69 per essere precisi), la Smart ForTwo offre ogni comfort ed è ideale per spostarsi in città: si parcheggia ovunque e con il cambio automatico, anche per il single di Milano muoversi nel traffico diventa meno snervante.
Poi ha due posti comodi e finiture di qualità... insomma, l'eventuale secondo passeggero a bordo, non avrà nulla di che lamentarsi.

I single che cercano invece una vettura tuttofare, adatta ai viaggi e al traspo…

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo.
I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande.
Tutto sembrerebbe far brodo, insomma.

La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili.
Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single.



Analizziamo l'idea, spiegando innanzit…