Passa ai contenuti principali

Vita da single in coppia? Ci sono i Lat, living apart together

Vivere da single in coppia? Se molti lo fanno, ci sarà un perchè

Sempre più persone oggi scelgono di vivere in case separate pur essendo in coppia (e magari anche felicemente fidanzati), per salvaguardare spazi e abitudini.
Nell'intervista a Eleonora Vallone (madrina nel 2002 della nostra Festa di San Faustino a Roma) l'attrice e stilista ci confidava:

 "Essere single, oltre ad essere un concetto numerico, è un concetto mentale. Personalmente trovo affascinante l'essere single anche in coppia. Per quanto mi riguarda più si è capaci di essere single, più si può essere felici in coppia...".


Single in coppia


Arrivano i LAT ("Living apart togheter")
A sintetizzare concetti complessi gli inglesi sono maestri: sanno ridurre tutto in sigle brevi, ma molto efficaci.
Tra queste c'è LAT ("Living apart togheter"), acronimo che indica chi sta insieme ma vive separato.
Citiamo alla lettera la definizione di Wikipedia: "è un'espressione che indica le coppie legate da una relazione che decidono di avere case separate, piuttosto che una residenza comune."

Persone che stanno insieme, quindi, ma che non vivono sotto lo stesso tetto. In case separate, a volte così distanti da essere in città diverse e vedendosi solo il fine settimana (quando capita, o quando lo desiderano).
Quante sono queste persone? Milioni!

Il rapporto ISTAT del 2012 registrava i Living apart together come spia delle trasformazioni sociali e familiari.
I LAT infatti sono ovunque e sempre di più. Tra Gran Bretagna, Francia, Italia e Svezia parliamo di un esercito di quasi 10 milioni di persone.

Secondo l’Istat, infatti, la famiglia italiana dura in media circa 15 anni (oggi ci si separa intorno ai 45 anni per gli uomini e 42 anni le donne).
Con l'arrivo dei LAT molte persone rimangono in famiglia il più a lungo possibile: spesso per impossibilità economica, ma purtroppo anche per un’abitudine culturale (tutta italiana).
Nel resto del mondo infatti se un figlio o una figlia supera i 25 anni e vive ancora con i genitori ci si inizia a chiedere cosa non va nel ragazzo, in Italia, al contrario, se una persona di 30-35 anni sceglie di andare a vivere da solo, ci si inizia invece a chiedere quali possano essere i problemi in quella famiglia!


La storia dei LAT
Nel 1978 il giornalista olandese Michel Berkiel coniò l'acronimo in un articolo sull'Haagse Post dove descriveva la sua vita da LAT.
A 40 anni di distanza i LAT sono stati studiati e analizzati, dal punto di vista sociologico.
Troviamo quindi i LAT "costretti" (dal lavoro, caso piuttosto frequente), i LAT "indecisi" (che prima o poi andranno a vivere insieme... ma ancora... non hanno deciso di farlo) e i LAT "felici", che hanno scelto di vivere ognuno per conto proprio.
Psicologi e sociologi affermano che vivere separati mantiene vivo l'amore e lo protegge dai (banali) litigi sui calzini sparsi per la casa, su chi deve buttare la spazzatura, fare la spesa o andare a pagare le bollette.
Tra i LAT ci sono anche coloro che, separati o divorziati con figli, preferiscono mantenere un rapporto a distanza con il nuovo partner.
I LAT "costretti" detestano i LAT "felici" perché vivono in funzione della distanza: la libertà di vedersi è forse un'utopia, perché le trasferte dal venerdì alla domenica sera sono un obbligo, piacevole magari, ma pur sempre un obbligo.
Chi invece guarda con interesse i LAT felici sono i LAT indecisi, sottogruppo spesso avvicinato ai famosi "bamboccioni", quelli che non si sentono mai pronti.


Pro e contro di scegliere di essere LAT
A essere LAT però ci sono pro e contro, vediamoli insieme:

LATI POSITIVI
Non vivere la routine salva la coppia dalla noia: eterni fidanzatini, i LAT incontrano il partner solo quando sono di buon umore, senza preoccuparsi dei suoi calzini in giro per la stanza, evitando discussioni su chi ha spostato il dentifricio o "nascosto" la biancheria pulita.

La quotidianità può essere un killer della coppia

È più facile mantenere la propria individualità, senza rinunciare a hobby, amicizie e passioni per andare incontro al partner.

Abitare in case separate aiuta anche il desiderio: vivere lontani favorisce la passione e la libido, il desiderio per l'altro cresce con la distanza.


LATI NEGATIVI
Sentirsi soli quando l’altro è a chilometri di distanza e lo si vorrebbe invece vicino, per un rubinetto che gocciola nel cuore della notte o per avere una spalla su cui piangere in un momento di sconforto.

Scegliere di non convivere e di non dividere le incombenze quotidiane di una casa rappresenta una decisione un po' immatura. Il pensiero inconscio è: "Non mi espongo alla possibilità di cambiamento ed evito di fare entrare profondamente il partner nella mia vita". Col rischio trasformarsi in eterni Peter Pan.

A volte si è Lat non per scelta: magari si vive e lavora in città lontane, cosa che accade di frequente. Oppure si è reduci da una separazione e si ha paura di ripetere lo stesso errore. Il rischio è radicare le proprie abitudini e nutrire gelosie sul proprio territorio casalingo che, con il tempo, freneranno la crescita di una relazione seria.


Insomma: i pregi della vita da single sono talmente tanti che forse fra qualche lustro si parlerà di vita da single... in coppia!


POST PIÚ POPOLARI:

5 motivi per partecipare a una cena con sconosciuti

Ieri vi ha chiamato il vostro amico Marco: è single, Milano è la sua città ed è un assiduo frequentatore della Milano single.
Conosce i locali per single di Milano, partecipa a tutti gli eventi per single e ogni volta vi racconta di qualche nuova serata trascorsa in compagnia di altri amici single.

Anche ieri vi ha parlato di una cena cui andrà a breve. Sarà una sorta di "cena degli sconosciuti" dove i partecipanti non si conoscono e si incontrano per la prima volta proprio nel ristorante in cui si terrà l'evento.



Ma di cosa si tratta?

Le cene con sconosciuti sono un evento che con Vitadasingle organizziamo da anni.
I nostri eventi dinnerdate sono infatti appuntamenti a cena in cui i partecipanti hanno modo di conoscersi e socializzare.
Le location sono tra le migliori locali di Italia (tra questi troviamo anche il notissimo Twiga, locale di Flavio Briatore), in modo da dare la possibilità a tutti (single di Torino, single di Roma, single di Milano ecc...) di parteciparvi…

Situationship, neologismo per descrivere i rapporti incerti

Situationship.
Ne avete già sentito parlare?

È un nuovo termine inglese comparso sulla rivista Cosmopolitan in un articolo di Carina Hsieh in riferimento ai casi in cui non ci si trova in una relazione, ma al tempo stesso non si sta uscendo con qualcun altro.
Si sta bene insieme, c’è armonia, sembrerebbe quasi essere in coppia, ma manca ancora qualcosa.
Al proposito, Urban Dictionary alla voce situationship riporta:

A relationship that has no label on it.. like a friendship but more than a friendship but not quite a relationship.

che tradotto significa:
Un rapporto che non ha etichetta .. come una amicizia, ma più di una amicizia ma non abbastanza per essere una relazione.


Se quindi uscendo con i vostri amici vi chiedono dell'altra persona con cui vi vedono spesso e abbozzate, con un po' di imbarazzo, una risposta del tipo: "Non stiamo insieme. Ci frequentiamo, usciamo ma non siamo amici" significa che state vivendo una situationship.
Anzi, se ancora non lo sapevate, …

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…