Passa ai contenuti principali

Stare bene da soli e con gli altri

Star bene con sé stessi

Stamattina la sveglia non ha suonato, non perché vi siate dimenticati di puntarla ma perché è domenica. E quando, ripresi dal torpore del dormiveglia, lo avete realizzato il primo pensiero è stato: "Fantastico, un'intera giornata libera!".

Un pensiero comune che però si presta a una doppia interpretazione: gioia pura per la libertà di poter riempire l'intero giorno a proprio piacimento, o sconforto e un po' di tristezza proprio per lo stesso motivo.

Per noi single il weekend e soprattutto la domenica, sono momenti delicati. Si tratta di giorni che di solito vengono dedicati a fare le cose che ci fanno star bene ma, per chi vive solo, la ricerca di un benessere interiore è una conquista che si raggiunge con il tempo.
Trovare un proprio equilibrio e imparare a star bene con sé stessi è un percorso lungo che a volte ci fa commettere degli errori.

Chi è single tende ad attraversare due fasi: quella in cui ci circondiamo di qualsiasi persona, pur di non trascorrere weekend e feste da soli e quella in cui preferiamo isolarci. 

Nel primo caso accettiamo di frequentare gruppi o persone che conosciamo a malapena, con cui non condividiamo alcun interesse.
Ci ritroviamo così in situazioni che mai pensavamo di poter vivere. 

A volte ne usciamo piacevolmente colpiti.
Magari scopriamo in noi un talento da paracadutisti che non sapevamo di possedere!
Oppure ritroviamo una seconda giovinezza che non avevamo neppure a 20 anni e diventiamo improvvisamente i re della notte. Per mesi frequentiamo locali quasi ogni sera, dormiamo 4 ore a notte, ci circondiamo di persone nuove ogni giorno... fino a quando reggere questi ritmi diventa troppo impegnativo.
Sentiamo il bisogno di rallentare e piano piano ritroviamo un nostro equilibrio.

Altre volte, invece, ci ritroviamo in situazioni che ci annoiamo, ci sentiamo a disagio e ci pentiamo amaramente di aver accettato quell'invito.

La reazione più saggia sarebbe rielaborare l'esperienza negativa e trasformarla in qualcosa di positivo. 
Facciamo un esempio. Altre persone single ci invitano a fare una gita in montagna. Dopo due ore di viaggio raggiungiamo una località incantata, con sentieri che si diramano ovunque, verso un  lago dai mille colori, un rifugio in quota, un punto panoramico... Proprio mentre siamo indecisi su quale direzione intraprendere, scopriamo che gli altri stanno attrezzando un picnic a un metro dall'auto e da lì non hanno alcuna intenzione di muoversi.

Ecco, se siamo degli amanti della montagna e del trekking, il pensiero saggio da elaborare dovrebbe essere: "Con loro, in montagna non verrò più. Li frequenterò piuttosto in altre occasioni, come ad esempio una cena o un'uscita al cinema".
Invece la reazione sbagliata, ma anche la più comune, è: "Con loro non uscirò più".
Senza accorgercene iniziamo però a ragionare in quel modo in ogni situazione.

Benessere interiore


Potremmo fare altre centinaia di esempi ma il concetto è sempre lo stesso: il rischio è quello di chiudersi nell'isolamento.
Ci convinciamo che con quelle persone non ci si diverta, che una determinata gita ha senso farla solo con amici cui siamo particolarmente legati e non con dei conoscenti che frequentiamo da un mese, che quella compagnia è troppo giovane/vecchia/introversa/estroversa... insomma, ogni pretesto è buono per giustificare il nostro rifiuto ad aggregarci a loro.

Si finisce così con il trascorrere sempre più tempo soli, abituandosi e apprezzando sempre di più la nostra solitudine.
Ma attenzione: tutto questo non significa aver imparato a star bene con sé stessi. È piuttosto una fuga dalle nostre paure più profonde. E, più ci abituiamo a stare soli (a casa, nel tempo libero, nelle commissioni, in qualsiasi momento...), più faremo fatica a relazionarci con gli altri.

A volte ci sentiamo demoralizzati e fatichiamo a relazionarci con gli altri. Ma dobbiamo pensare che entrambe le reazioni (vita ascetica e vita super-estroversa) sono fasi passeggere.
E sono anche percorsi di crescita importanti per capire chi siamo e cosa desideriamo veramente.

L'importante è non dimenticare l'obiettivo principale: imparare a volerci bene e coccolarci.
Perché, solo quando impareremo a star bene con noi stessi, staremo bene anche con gli altri.

POST PIÚ POPOLARI:

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.  Epicuro Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà! Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui. Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili. Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane! Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti. Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero , le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single. Lo si può fare con gli am

5 motivi per cui sei single dopo i 40 anni

È arrivata la fatidica tappa dei 40 anni e si sta ancora vivendo lo status di single? Ecco quali sono i cinque motivi principali: Primo motivo: sei una persona che non vuole scendere a compromessi Questo è uno dei motivi più probabili. Stare in coppia o, ancora di più, vivere una convivenza o sposarsi significa rinunciare a un po' della propria libertà a favore della libertà del partner.  Diversi quarantenni (e anche cinquantenni, in verità) di oggi non sono molto disponibili a scendere a  compromessi e quindi, per forza di cose, si ritrovano ad essere single.  Secondo motivo: preferisci vivere una vita libera Molto spesso la parola single è associata alla parola libertà: libertà di muoversi, di decidere, di fare e, più genericamente, di vivere la propria vita come si preferisce. Anche dal punto di vista sessuale e delle relazioni si può decidere di evitare di legarsi definitivamente e, passati i 40 anni, questo può portare a ritrovarsi soli. Terzo motivo: t i sei

7 errori da evitare durante un approccio

Oggi vogliamo parlare dei 7 errori più frequenti che i single (soprattutto gli uomini) commettono quando si va ad approcciare una persona. Elenchiamo gli errori in ordine cronologico , in modo che la sequenza temporale sia perfettamente chiara. Va quindi considerata una guida passo passo, con gli errori da non fare man mano che si approfondisce la conoscenza. SETTE ERRORI DA EVITARE DURANTE UN APPROCCIO: 1 - Avvicinarsi senza farsi vedere L'approccio da dietro è una delle modalità meno gradite. Comunica insicurezza e anche un pizzico di vigliaccheria: tutti noi infatti ci sentiamo più vulnerabili quando sentiamo qualcuno/qualcosa alle spalle che non riusciamo a vedere. Uno studio di psicologia comportamentale aveva determinato che le persone che al ristorante si siedono con gli altri tavoli/avventori alle spalle hanno un battito cardiaco più accelerato rispetto alla persona che nel loro stesso tavolo è seduta di fronte, ma con le spalle al muro. 2 - Essere titubanti Il più freq