Passa ai contenuti principali

Perchè è nata la Festa dei single, San Faustino

Papà, mamme, donne, innamorati: tutti avevano la loro festa e dall'inizio del nuovo millennio... c'è anche quella dei single.
"San Valentino? Meglio San Faustino" è infatti lo slogan che abbiamo lanciato nel 2001 per affermare che i single scelgono di festeggiare, replicando al martire Valentino (amico degli innamorati), il giorno successivo 15 febbraio.

Sorriso donna single


L'idea di una Festa dei single, accolta da subito con grande entusiasmo in Italia, ha visto nascere nel corso degli anni alcune varianti, che ne trascurano però i veri contenuti.
In questo post spieghiamo perchè è nata l'idea di promuovere una giornata dei single, direttamente con le parole del fondatore di Vita da Single.net:

"Dal 2000, fin dal lancio di Vita da single.net, il mio pensiero era creare una cultura single, dando impulso all'identità di chi vive da solo, per porre l'attenzione dei media su questo status."

Un progetto che ha anticipato i tempi, vista l'inarrestabile crescita in percentuale dei single che oggi, in alcune città, si avvicinano a superare il numero delle famiglie (secondo l'ultimo rapporto ISTAT le famiglie con una sola persona sono aumentate dal 20,5 al 31,6%).
Una rivoluzione sociale, oggi ormai in pieno atto, per una parte sempre più numerosa della nostra società.

"Dal 2000, fin dal lancio di Vita da single.net, il mio pensiero era creare una cultura single, dando impulso all'identità di chi vive da solo, per porre l'attenzione dei media su questo status." Marco Luca Greppi


"Per sostenere l'argomento single in questi anni abbiamo proposto eventi con scrittori e cabarettisti, partecipato ad anteprime di film e presentato libri sull'argomento, intervistato vip, personaggi dello spettacolo, della musica e della cultura sul tema adozioni single e, in particolare, organizzato eventi per single e vacanze.
L'obiettivo del mio impegno infatti era anche fare in modo che la parola single non significhi essere soli.

Il modo migliore era quindi favorire la socializzazione; in questi anni siamo riusciti a far incontrare quasi 90mila persone single, uomini e donne, in molte regioni in Italia: ci siamo confrontati con molti di loro, raccogliendo insieme allo staff pensieri, timori, proposte e suggerimenti.

Il quadro che ne abbiamo tratto (in particolare negli ultimi 2-3 anni) fa riflettere: una società che, complice la tecnologia sempre più dilagante, favorisce sempre più una comunicazione virtuale e asincrona ma dove, per paradosso, le persone comunicano con sempre meno intimità e empatia.
In qualche caso questo fenomeno può portare ad un imprevisto isolamento sociale, quando avviene la disgregazione della propria rete di amicizie reali (ad esempio per alcuni dei cosiddetti "single di ritorno")."

L'AMORE, SEMPRE
Ovviamente la ricorrenza di San Faustino non è nata per essere contrari all'Amore o alle coppie, anzi...: chi è single sente il desiderio di conoscere persone nuove, di socializzare, per allargare la propria rete sociale.
Per questo motivo gli eventi organizzati in occasione di San Faustino sono, per chi è single, un'opportunità per conoscere tante altre persone che condividono lo stesso status. E se poi, tra i partecipanti, per caso sboccia anche l'Amore...

"A San Faustino ci occupiamo dei single che trascorreranno San Valentino da soli, dedicando loro il giorno successivo.
Non dimentichiamo che ancora oggi un single in Italia fa molta fatica ad adottare un bambino (i casi della single Annalisa Dessalvi che adotta una bambina e la battaglia per l'adozione da parte di Dalila Di Lazzaro furono emblematici) e i single sono, in proporzione, più tassati rispetto a chi vive in famiglie numerose.

Il cammino con Vita da single.net è, quindi, ancora lungo: nuovi impegni per il sociale dei single ci attendono, per un maggior riconoscimento delle famiglie unipersonali."

POST PIÚ POPOLARI:

Essere single ai tempi del coronavirus

Quando sei single, hai più di 30 anni e in più magari vivi anche in una grande città ti senti quasi una divinità.
Puoi uscire quando vuoi, frequentare chi vuoi e quando vuoi, dormire fino a tardi dopo una festa dove hai potuto alzare il gomito senza che nessuno al tuo fianco ti rimproverasse, permetterti il lusso di pranzare alle 3 del pomeriggio della domenica guardando per l’ennesima volta le repliche della tua serie tv preferita, decidere di rimanere a leggere tutto il giorno sul letto a poltrire oppure alzarti alle 7 della domenica mattina per andare a far sport.

Quando sei single ai tempi del coronavirus, invece, la solitudine aumenta esponenzialmente.
E dopo qualche giorno di isolamento forzato in casa arriva un pensiero di invidia per gli amici che in questo momento invece sono in coppia (fino a poco tempo fa magari sbeffeggiati "perché non sai quanto è bello essere liberi") e si fa strada il bisogno del conforto di una persona accanto.



In questi giorni infatti tutto …

14 cose da fare restando a casa da soli

Sono giornate lunghe, a volte interminabili, quelle che stanno vivendo i single italiani in questo periodo storico di #iorestoacasa.
Per qualcuno magari la noia qualche volta fa capolino, alternandosi a momenti di timore o di sconforto.

Sembra infatti difficile spostare l’attenzione dall'emergenza sanitaria per il coronavirus e dal bombardamento di notizie drammatiche che arrivano a tutte le ore da tv, radio e giornali.
Ma ci sono molte cose che possiamo fare per scacciare via noia e brutti pensieri.
Quando si sta a casa per lungo tempo c'è infatti il rischio di annoiarsi un po’: bisogna però sempre ricordare che le cose da fare non mancano, quindi questo deve essere il punto di partenza della nostra strategia!

Mai cedere alla noia e alla tristezza, in nessuno caso: ci sono tantissime cose che si possono fare a casa.
Non bisogna assolutamente passare le giornate a fissare il soffitto chiedendosi cosa succederà: in questi momento storico bisogna rimanere a casa il più possibile,…

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.


Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di ap…