Passa ai contenuti principali

Cosa abbiamo imparato organizzando mille eventi per single

Domenica 25 marzo 2018 siamo arrivati a una vetta impensabile quando, quasi 18 anni fa, è partita l'avventura di Vita da Single: abbiamo organizzato 1000 (mille) eventi per single.

"Mille eventi? Caspita..." rispondevano con viso stupito le persone cui si confidava, nei giorni precedenti l'evento, l'imminente tappa.
Un numero davvero importante, che ci ha permesso di imparare tantissime cose e, soprattutto, poterle mettere in pratica.

Ogni evento infatti ci ha dato sempre un nuovo, piccolo, insegnamento che abbiamo poi potuto mettere a servizio dei single partecipanti nell'evento successivo e così via.

Mille


Ci sarà sicuramente ancora da imparare ma, arrivati a questa vetta e partendo dal concetto di cosa significa essere single, vogliamo svelarvi le cose più importanti che abbiamo imparato organizzando mille eventi per single in quasi tutte le regioni Italia (amici della Val d'Aosta, Basilicata, Molise e Sardegna non disperate... prima o poi arriveremo anche da voi):

ESSERE SINGLE NON È UGUALE IN TUTTA ITALIA
Di questo, in particolare, avevamo già pubblicato un post tempo fa, sulle differenze tra i single italiani.
I single di Roma infatti hanno un comportamento differente rispetto ai single di Bologna, mentre i single della costa romagnola non sono affatto simili a quelli della costa della Versilia. Per non parlare dei single a Torino o dei single milano, la città capitale italiana dei single.
Ogni regione italiana ha quindi un modo diverso di interpretare e vivere la condizione di single.

LE PERSONE SINGLE VOGLIONO SOCIALIZZARE 
Per voi che state leggendo il nostro blog può sembrare banale, vero?
In realtà per alcuni non lo è affatto, quando ancora una parte della società pensa che il single sia un solitario o una persona che non vuole condividere il proprio tempo e i propri spazi con gli altri!
Nulla di più diverso dalla realtà.

I SINGLE CI TENGONO (MOLTO) ALLA PRIVACY 
In particolar modo la fascia di età over 40 ci ha insegnato che è più importante essere in un locale che offre maggior discrezione piuttosto che in un locale fashion, in balia di eventuali curiosi sguardi altrui.

LE ESIGENZE DELLE DONNE SINGLE CAMBIANO CON IL TEMPO 
Le esigenze delle single cambiano radicalmente con l'età rispetto a quelle dei loro coetanei uomini.
Mentre è assai probabile che per un uomo single di 35 anni le esigenze e abitudini di vita siano grosso modo le stesse rispetto a quelle di uno di 50 anni (o per la stessa persona, a seconda della sua età anagrafica) nel modo di affrontare la vita di una donna single di 28-30 anni c'è una differenza abissale rispetto al modo di farlo da parte di una cinquantenne.
Abbiamo osservato che gli uomini, al di là delle esperienze più o meno positive della vita, con il passare del tempo restano comunque più spensierati mentre le donne acquisiscono un sempre più importante senso critico nelle cose e nelle relazioni.
Accettazione quindi per un uomo maturo, maggior selettività invece per una donna matura.

ESSERE SINGLE NON VUOL DIRE ESSERE SOLI 
Anche se le persone single partecipano ai nostri eventi per socializzare, non abbiamo mai sentito dire da nessun partecipante frasi del tipo: "Mi sento sola" oppure "soffro di solitudine".
Che sia per pudore o per riservatezza, è una sorpresa che non può che far piacere, non credete?

Quindi: ancora un grazie di cuore per tutto quello che ci avete insegnato in questi anni, in particolare a chi ha partecipato ai nostri eventi per single!

Mille eventi per single



POST PIÚ POPOLARI:

Essere single ai tempi del coronavirus

Quando sei single, hai più di 30 anni e in più magari vivi anche in una grande città ti senti quasi una divinità.
Puoi uscire quando vuoi, frequentare chi vuoi e quando vuoi, dormire fino a tardi dopo una festa dove hai potuto alzare il gomito senza che nessuno al tuo fianco ti rimproverasse, permetterti il lusso di pranzare alle 3 del pomeriggio della domenica guardando per l’ennesima volta le repliche della tua serie tv preferita, decidere di rimanere a leggere tutto il giorno sul letto a poltrire oppure alzarti alle 7 della domenica mattina per andare a far sport.

Quando sei single ai tempi del coronavirus, invece, la solitudine aumenta esponenzialmente.
E dopo qualche giorno di isolamento forzato in casa arriva un pensiero di invidia per gli amici che in questo momento invece sono in coppia (fino a poco tempo fa magari sbeffeggiati "perché non sai quanto è bello essere liberi") e si fa strada il bisogno del conforto di una persona accanto.



In questi giorni infatti tutto …

14 cose da fare restando a casa da soli

Sono giornate lunghe, a volte interminabili, quelle che stanno vivendo i single italiani in questo periodo storico di #iorestoacasa.
Per qualcuno magari la noia qualche volta fa capolino, alternandosi a momenti di timore o di sconforto.

Sembra infatti difficile spostare l’attenzione dall'emergenza sanitaria per il coronavirus e dal bombardamento di notizie drammatiche che arrivano a tutte le ore da tv, radio e giornali.
Ma ci sono molte cose che possiamo fare per scacciare via noia e brutti pensieri.
Quando si sta a casa per lungo tempo c'è infatti il rischio di annoiarsi un po’: bisogna però sempre ricordare che le cose da fare non mancano, quindi questo deve essere il punto di partenza della nostra strategia!

Mai cedere alla noia e alla tristezza, in nessuno caso: ci sono tantissime cose che si possono fare a casa.
Non bisogna assolutamente passare le giornate a fissare il soffitto chiedendosi cosa succederà: in questi momento storico bisogna rimanere a casa il più possibile,…

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella.
Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano.


Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale.

Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte.
Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo.
Basti pensare anche ai nuovi orari di ap…