Passa ai contenuti principali

Apple, relazioni umane e realtà aumentata

La tecnologia avanza a grandi passi e con essa, nel tempo, sono cambiate le modalità di relazione: per comunicare si è passati dallo scrivere una lettera, al telefonare, all'inviare sms alle chat.
Da qualche tempo siamo arrivati a WhatsApp, Telegram ecc... ed alle videoconferenze con Skype.
Il CEO di Apple Tim Cook in diverse occasioni ha espresso il suo pensiero riguardo
ai contatti umani ed alla realtà aumentata, facendo intendere che Apple potrebbe essere al lavoro su questo tema dietro le quinte.
In una recente intervista Cook ha parlato dell' approccio di Apple alla realtà aumentata, che "dovrebbe incoraggiare, e non rimpiazzare, i contatti umani".

Augmented reality

"La realtà aumentata ci impiegherà un po' di tempo per funzionare", ha detto Cook "ma penso che sia una cosa profonda, in quanto potremo avere una conversazione più produttiva".
Ha poi aggiunto: "vogliamo che la tecnologia amplifichi e non sia una barriera".

Secondo il CEO di Apple non c'è sostituto per le interazioni umane, una frase che ulteriormente porta a credere che Apple stia esplorando le esperienze di realtà aumentata rispetto alle esperienze realtà virtuale.

Per Tim Cook infatti la realtà virtuale avrebbe alcune applicazioni interessanti, ma non pensa che sia "una tecnologia ad ampio spettro come la realtà aumentata".

Secondo alcuni rumors, l'azienda californiana avrebbe un team di ricerca al lavoro su realtà aumentata e realtà virtuale, all'esplorazione del settore per capire come utilizzare la realtà aumentata e la realtà virtuale in un prossimo futuro.
Anche se con qualche dubbio in proposito (come sapete siamo sempre dei fan delle relazioni sociali vis-a-vis...) siamo curiosi di vedere in futuro questi prodotti e come saranno in grado di migliorare relazioni e contatti umani e, secondo le parole di Tim Cook, di  "amplificarli".
 

POST PIÚ POPOLARI:

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

14 cose che le quarantenni single vogliono in un uomo

Come molti affermano, avere quarant’anni oggi è come averne trenta. Sono molte infatti le donne single che dicono di sentirsi rinate a ridosso degli “anta”, mostrando una maggior sicurezza in sé stesse, relativa non solo alla propria maturità acquisita in seguito ad una miglior definizione dell’identità personale, ma anche in quanto a consapevolezza del proprio corpo, accettandosi senza quelle insicurezze tipiche delle donne più giovani. A questa età si tende a far tesoro delle esperienze passate, elaborando una serie di priorità, ormai, più definite e dai contorni netti, che si ripercuotono sia in ambito lavorativo, sia in quello relazionale. Collegandoci a quest’ultimo punto, ecco una serie di caratteristiche che potresti trovare utili riguardo a ciò che le quarantenni single ricercano negli uomini. 14 COSE CHE LE QUARANTENNI SINGLE VOGLIONO IN UN UOMO 1. Consapevolezza di chi hanno di fronte Ogni donna ama i complimenti e non è raro trovarsi di fronte ad una quarantenne che in realt

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.  Epicuro Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà! Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui. Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili. Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane! Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti. Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero , le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single. Lo si può fare con gli am

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo. I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande. Tutto sembrerebbe far brodo, insomma. La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili. Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single. Analizziamo l'idea, spiegan