Passa ai contenuti principali

Ohlala, app di incontri a pagamento che ha fatto scandalo in Germania

Si chiama Ohlala ed è un'app ideata da un'imprenditrice austriaca di nome Pia PoppenreiterFino a qui non c'è nulla di particolarmente originale. 
Eppure questa app ha generato molto scalpore e parecchio scandalo.


App di incontri a pagamento


Il motivo? Si tratta di un'applicazione per incontri a pagamento.

Gli utenti devono registrarsi online e creare un account. A questo punto possono consultare i profili di centinaia di donne, individuare quella con cui vorrebbero trascorrere qualche ora e inoltrarle la richiesta.
La "rivoluzione" è che con Ohlala le donne hanno la possibilità di vedere prima l'uomo che le ha contattate e decidere quindi se accettare l'incontro, oppure no.
Prima di organizzare un appuntamento di persona possono chattare con lui e sapere in anteprima le sue richieste. In questo modo avranno maggiori elementi per valutare se sono interessate alla proposta oppure no.


In pratica, con Ohlala, anche il "lavoro più vecchio del mondo" diventa digitale.
Il web a quanto pare sta contaminando ogni dimensione della nostra vita, compresa la comunicazione uomo-donna.

L'app, però, non prevede solo incontri sessuali
Il servizio Ohlala comprende anche la possibilità di richiedere un'accompagnatrice con cui uscire a cena, partecipare a un evento o qualsiasi altra cosa, senza "extra".
Nel caso invece in cui sia prevista anche una prestazione sessuale, sarà la donna a decidere la tariffa.

Ohlala è stato lanciato a Berlino (dove la prostituzione è legale dal 2002), ma le intenzioni delle fondatrice sarebbero quelle di esportarlo anche altrove.
L'obiettivo di Pia Poppenreiter è chiaro: eliminare dal mercato del sesso ogni intermediario e lasciare che la trattativa sia decisa direttamente dai due soggetti in causa.

Non abbiamo parlato di escort perché in realtà Ohlala lascia libero spazio a qualsiasi donna voglia iscriversi. Non è necessario essere accompagnatrici o escort di professione: qualsiasi donna può iscriversi e sfruttare la piattaforma per un nuovo "business".

E probabilmente è proprio questa la vera rivoluzione.
L'app è infatti una sorta di ibrido tra incontri virtuali per single e incontri dal vivo perché coniuga le potenzialità di un'app per smartphone agli appuntamenti reali. È quindi uno strumento per raggiungere più facilmente l'obiettivo principale: l'incontro dal vivo.

App per incontri a pagamento

L'idea di partenza è stata quella di emulare il funzionamento di Uber, copiandone le dinamiche e offrendo quindi un servizio a pagamento, senza intermediari.
Ohlala può essere pertanto vista come una sorta di Uber del sesso, rivolta prevalentemente a single.

Se analizziamo Ohlala nel complesso, ovvero come un'app per incontri sessuali e occasione di guadagno per le donne, l'idea di "business" potrebbe funzionare?
Se invece tralasciamo la parte sesso e ci limitiamo ad analizzare questa app come un'occasione di incontri, Ohlala potrebbe essere un modo alternativo per conoscere nuove persone?
Rispetto agli eventi per single (come ad esempio gli speeddate Roma) più tradizionali i rischi sono elevati: è vero che si ha la possibilità di chattare prima con l'uomo con cui si uscirà, ma resta il fatto che in chat si possono assumere false identità e si può mentire senza problemi...

Insomma, i single che amano sperimentare nuove app di dating online oppure vivere le situazioni più intriganti devono prestare molta attenzione.
Se l'obiettivo è vivere una sorta di appuntamento al buio, ci sono molti altri modi (meno rischiosi) per farlo. Pensiamo ad esempio agli speeddate o alle cene degli sconosciuti: serate più sobrie, ma certamente più sicure rispetto alle mille incognite che un appuntamento con Ohlala potrebbe celare.

In entrambi i casi i single possono comunque vivere le aspettative, ovvero tutte quelle emozioni che precedono l'incontro e durante le quali si può fantasticare su chi si potrà incontrare ecc...

Inoltre i vantaggi per i single che partecipano a uno speed-date o altri eventi dedicati sono soprattutto che, a differenza di Ohlala, hanno sempre la possibilità di conoscere molte persone in un'unica serata
E tra queste potrebbe celarsi veramente l'anima gemella con cui trascorrere molte ore piacevoli... soprattutto senza pagare.

POST PIÚ POPOLARI:

L'anello dei single

E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘apertura’. Apertura al

Supermercati per single tra leggende e verità

Sono passati 16 anni dal lancio di Vitadasingle.net eppure ancora oggi c'è chi sostiene che il supermercato è un luogo perfetto per incontrare l'anima gemella. Forse perché incontri di questo tipo si fanno solo nei momenti più inaspettati. Oppure perché, tra una coda in cassa e uno scaffale difficile da raggiungere, le occasioni per iniziare una conversazione con altre persone non mancano. Certo, bisogna essere intraprendenti: non tutti hanno il coraggio di fermare uno sconosciuto nel bel mezzo della corsia dei sughi per farsi aiutare a prendere l'ultima confezione di penne rigate rimaste in cima allo scaffale. Però una cosa è certa: non avendo nessuno cui delegare l'incombenza della spesa, i single sono frequentatori di supermercati e le grandi catene di distribuzione se ne sono accorte. Centri commerciali e ipermercati stanno diventando sempre più "formato single ", adeguandosi quindi alle esigenze di chi vive da solo. Basti pensare anche ai nuovi

Le migliori auto per single che vivono in città

Si è da poco concluso il Salone dell'Auto di Torino e noi di Vitadasingle.net c'eravamo. Abbiamo ammirato i bolidi esposti, siamo saliti a bordo di auto sportive e berline di lusso e abbiamo anche fatto un salto nel futuro, rapiti da prototipi dalle linee avveniristiche. Ma sopratutto ci siamo chiesti: qual è l'auto per i single?  Potendo sognare, una qualsiasi di quelle esposte al Parco del Valentino! Tornando alla realtà, la risposta alla domanda qual è l'auto preferita dai single è sicuramente la Smart . In poco più di 2 metri e mezzo (2,69 per essere precisi), la Smart ForTwo offre ogni comfort ed è ideale per spostarsi in città: si parcheggia ovunque e con il cambio automatico, anche per il single di Milano muoversi nel traffico diventa meno snervante. Poi ha due posti comodi e finiture di qualità... insomma, l'eventuale secondo passeggero a bordo, non avrà nulla di che lamentarsi. I single che cercano invece una vettura tuttofare, adatta ai