Passa ai contenuti principali

Meglio Tinder o gli incontri per single dal vivo?

App per conoscere persone

Oggi partiremo da una domanda che spesso chi è single si pone: come conoscere persone nuove?
Quante volte lo abbiamo chiesto a noi stessi, agli amici e anche ai motori di ricerca...

Le risposte che abbiamo ricevuto sono le più disparate. Alcuni ci consigliano di iscriverci a un corso, altri di andare a ballare, altri ancora (quelli che scatenano le nostre ire più recondite!) sentenziano: "Tutta questione di destino". Insomma, inutile ingegnarsi, tanto sarebbe solo il Fato a decidere per noi.

Certo, il destino potrà anche avere un minimo di influenza ma in realtà dipende molto da noi!
Una delle migliori occasioni per conoscere nuove persone è sicuramente partecipare a uno speeddate, incontri organizzati per conoscere altri single.

Qui però ci confrontiamo con due diversi mondi: speeddate reali (incontri dal vivo) e speeddate virtuali.
Rientrano in quest'ultima categoria tutti i siti di incontri e le app che permettono di conoscere online altre persone e che funzionano come un'agenzia matrimoniale. Stiamo parlando di Badoo, Zoosk, Meetic solo per citarne alcuni.
Anche i social network sono piattaforme che si prestano a incontri virtuali. Basta pensare a Facebook, dove gli utenti possono interagire facilmente tra loro con commenti, like, chat pubbliche e private.

Se ci soffermiamo sulle app di incontri, la più nota è Tinder.
Il funzionamento è semplice: si crea un account sulla piattaforma, si inserisce una propria descrizione, alcune foto profilo e si impostano le preferenze, ovvero come vorremmo fosse la persona dei nostri sogni.
L'app di Tinder ci geolocalizzerà e individuerà per noi i profili degli utenti che più rispondono alle nostre richieste. Toccherà a noi scegliere a chi inviare un apprezzamento e chi scartare.
Se l'apprezzamento è ricambiato, possiamo allora iniziare una chat con la nostra conquista e magari darle un appuntamento.

Sembra tutto semplice e anche molto divertente ma, come ogni incontro virtuale, è bene essere molto prudenti.

Serata tra single


Da più di 16 anni organizziamo eventi per single in cui le persone si incontrano per davvero, non tramite la protezione di uno schermo. Siamo infatti convinti che sia questo il modo migliore per conoscere una persona e le ragioni sono molteplici.
Eccone alcune:

Nei nostri eventi è tutto vero
Su Facebook, Zoosk o in generale online, è (troppo) facile giocare con la propria identità.
Basta pubblicare una foto fasulla e edulcorare un po' la nostra descrizione e chiunque può trasformarsi in un Adone o in una piccola Miss Universo.
Negli appuntamenti reali no!
Nelle nostre serate le persone si incontrano faccia a faccia. Nessuna finzione: un po' di trucco e i vestiti migliori potranno aiutarci a esaltare al meglio le nostre qualità ma su età, rughe, chili di troppo o addirittura sesso non si può bluffare. Ugo sarà sempre Ugo e non potrà spacciarsi per una fantomatica Pina...

La sicurezza al primo posto

Gli speeddate Vitadasingle attirano molti single e si svolgono sempre in locali conosciuti.
Non si corre il rischio di un appuntamento al buio, da soli con una persona che non si conosce e magari in un locale equivoco.
Anche le donne single possono così conoscere nuove persone in totale sicurezza, passando una serata piacevole e senza il timore di trovarsi in situazioni imbarazzanti.

L'importanza delle prime impressioni
Certo, anche durante un incontro dal vivo non si potrà mai avere la certezza assoluta al 100% che la persona che abbiamo di fronte sia sincera. Potrebbe fingersi un single divorziato e poi avere moglie e figli a casa che lo aspettano. Ma questo è un rischio che corriamo sempre, in qualsiasi incontro.
Il vantaggio degli speeddate reali, rispetto ad app come Tinder o Badoo, è che abbiamo comunque la possibilità di vedere la persona dal vivo e di elaborare delle prime impressioni, basate anche solo sul sesto senso.

Conoscere le persone inserite in un contesto sociale
Nelle nostre serate i single hanno la possibilità di conoscersi e parlare con gli altri partecipanti. Durante gli speeddate "6 single x sei Single" i minuti a disposizione sono 6 ma bastano per osservare il nostro interlocutore a 360 gradi.
Conoscere una persona significa anche vedere come si muove in un contesto, come gesticola, come si esprime, se arrossisce a un nostro commento, se ci guarda negli occhi quando parla... sono tutti piccoli dettagli che ci aiutano a comprendere chi abbiamo di fronte.
Inutile dire che, con app come Tinder o con agenzie matrimoniali virtuali, tutto questo non è possibile, fino al momento dell'appuntamento reale, che però potrebbe riservare spiacevoli sorprese.

Non si creano preconcetti e aspettative
I single che partecipano ai nostri speeddate si vedono per la prima volta. Nessuno ha quindi preconcetti o aspettative sull'altra persona,
Con Tinder e le altre app di incontri, invece, prima di conoscersi di persona, ci si può scrivere via chat (o sentirsi al telefono) e durante questi scambi, chiunque può mentire o creasi aspettative non corrispondenti alla realtà.

Vitadasingle.net è una agenzia di organizzazione eventi, non un'agenzia matrimoniale.
La nostra mission è organizzare eventi in cui i single possano conoscere nuove persone, trascorrere serate piacevoli e vivere emozioni autentiche. Quelle che solo un incontro dal vivo può dare.

POST PIÚ POPOLARI:

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo. I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande. Tutto sembrerebbe far brodo, insomma. La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili. Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single. Analizziamo l'idea, spiegan

6 motivi per cui dopo i 35 anni non hai ancora una relazione stabile (per donne)

Single e scontenta? Ecco perché non hai ancora una relazione stabile. Arrivati a una certa età, diciamo sui trenta o giù di lì, se sei single e nessun maschio degno di nota si intravede all’orizzonte cominci a farti qualche domanda: “Perché intorno a me poco alla volta hanno una relazione stabile e io no?” Spesso ci si nasconde dietro a un dito, negandosi l’effettivo desiderio di un partner con cui condividere il resto della vita (utopia?) e di una famiglia. Del resto ci hanno cresciuti con favole condite di Principi Azzurri e lieti fini, avranno lasciato una traccia, no? Essere single a volte però non è solo una questione di sfortuna. Chissà quante volte ti sei chiesta nel tuo periodo da single se sei solo sfortunata, se ti li cerchi "strani" con il lanternino o se sei addirittura vittima di strane congiunzioni astrali. La risposta non è così difficile: a volte la colpa non è delle stelle o di sfortunati eventi, ma semplicemente è colpa tua . Lo sappiamo, è un brutto colpo,

5 motivi per cui sei single dopo i 40 anni

È arrivata la fatidica tappa dei 40 anni e si sta ancora vivendo lo status di single? Ecco quali sono i cinque motivi principali: Primo motivo: sei una persona che non vuole scendere a compromessi Questo è uno dei motivi più probabili. Stare in coppia o, ancora di più, vivere una convivenza o sposarsi significa rinunciare a un po' della propria libertà a favore della libertà del partner.  Diversi quarantenni (e anche cinquantenni, in verità) di oggi non sono molto disponibili a scendere a  compromessi e quindi, per forza di cose, si ritrovano ad essere single.  Secondo motivo: preferisci vivere una vita libera Molto spesso la parola single è associata alla parola libertà: libertà di muoversi, di decidere, di fare e, più genericamente, di vivere la propria vita come si preferisce. Anche dal punto di vista sessuale e delle relazioni si può decidere di evitare di legarsi definitivamente e, passati i 40 anni, questo può portare a ritrovarsi soli. Terzo motivo: t i sei