Passa ai contenuti principali

Cosa cambiare per migliorare le relazioni interpersonali

In un post precedente abbiamo visto come sia possibile migliorare la propria vita iniziando ad apportare piccoli cambiamenti nei nostri comportamenti.

Il primo passo è prendere coscienza della necessità di modificare alcuni nostri atteggiamenti. Poi, una volta individuato il punto su cui intervenire, bisogna provare a cambiare.

Oggi vediamo quali sono gli aspetti su cui si può intervenire.

Ognuno di noi ha dei propri punti di forza e altri di debolezza. Lo scopo, ovviamente, è potenziare i primi ed eliminare (o almeno smussare) i secondi.
Fare tutto questo serve per stare meglio con noi stessi ma anche con gli altri.
Ci sono infatti atteggiamenti che penalizzano la comunicazione tra uomini e donne. Basta però modificarli per interagire più facilmente con le altre persone, scongiurando così la paura di sentirsi soli.

Cosa cambiare per migliorare le relazioni interpersonali



Ecco quali sono le principali aree su cui si può intervenire:

1 - Abitudini

L'argomento è serio ma molto personale, quindi è impossibile fare esempi che possano adattarsi a tutti. Ognuno ha le proprie "cattive abitudini" e generalizzare diventa difficile.

Per riuscire a comprendere meglio, analizziamo queste situazioni.
In occasione del primo appuntamento prenotate sempre nello stesso locale, un ristorante blasonato, probabilmente il più caro della Milano single. Lo scopo è stupire la nuova conquista con una cena lussuosa da uno chef stellato, con un coperto che costa tanto quanto un secondo piatto nella trattoria sotto casa.
Siete convinti che le donne, di fronte al lusso, si sciolgano ai vostri piedi e invece, puntualmente, a quel primo appuntamento non ne segue mai un altro.

Dov'è l'errore?
Intanto credere che tutte le donne single siano interessate al conto in banca è un pensiero che potrebbe offendere.
Molte donne preferiscono infatti un locale più "alla buona" ed un uomo simpatico, interessato e curioso.
Cambiare abitudine in questo caso può significare rinunciare alla apparenze forzate, scegliere una buona pizzeria e investire di più sulla comunicazione e le parole, meno sulla location della serata.


2 - Comportamenti
Facciamo ora un esempio al femminile.
Alcune donne single si lamentano perché, ai loro occhi, spesso gli uomini si comportano da bambini. Le loro relazioni spesso finiscono perché il loro uomo si rivelava una persona immatura, poco autonoma e in cerca più di una mamma che di una compagna di vita.

Spesso però queste donne tendono ad essere affette dalla sindrome della crocerossina!
Per loro amare significa diventare iper-protettive e trattare il partner come se fosse incapace di sopravvivere senza di loro. A tavola gli sbucciano persino la frutta e ogni sera gli preparano i vestiti per uscire la mattina seguente.

Inutile dire che, se iniziassero a evitare determinati comportamenti, troverebbero sulla loro strada persone più indipendenti, capaci di mangiare e vestirsi in totale autonomia.


3 - Modo di relazionarsi con gli altri

Anche in questo caso, i modi (sbagliati) di relazionarsi con le altre persone possono essere molteplici.
Magari sul lavoro la vostra eccessiva gentilezza e disponibilità viene utilizzata come pretesto per chiedervi continui straordinari. Oppure è dalle scuole medie che vi chiamano "mummia" perché avete un carattere chiuso e introverso. O, al contrario, siete sempre troppo estroversi e questo viene interpretato a volte come superficialità.

Per capire dove si sta sbagliando un modo potrebbe essere quello di focalizzarsi su ciò che di solito vi viene rimproverato dagli altri, oppure sulle dinamiche che si vengono a creare nelle vostre relazioni affettive, sentimentali o anche solo professionali.



4 - Abbigliamento e aspetto fisico

Quando si conosce una nuova persona single, l'aspetto esteriore è il primo bigliettino da visita.
L'abbigliamento, il taglio di capelli, il trucco per le donne, la cura di sé, sono i primi elementi con cui comunichiamo.

Magari siete persone che non amano stare ore davanti allo specchio: quando dovete uscire indossate la prima cosa che trovate nell'armadio e il vostro look per una serata è uguale a quello che usate per andare a fare la spesa.
È giusto che ognuno si senta a proprio agio quindi, se siete una donna single che indossa sempre jeans e scarpe basse, non ha senso presentarsi ad un evento per single in tacco 12 e minigonna. Però, se ogni volta le persone notano sempre qualcun'altra, vestita più alla moda di voi ma oggettivamente meno bella, allora si deve intervenire!

Anche gli odori sono fondamentali nell'interazione uomo-donna. È inutile dire che l'attenzione all'igiene dovrebbe essere la prima cosa... così come l'abitudine di usare un buon deodorante, soprattutto in estate! Al tempo stesso, però, meglio non abusarne: ci sono persone cui i profumi troppo intensi danno fastidio quindi è inutile versarsi addosso mezzo flacone di profumo prima di uscire. Anche Marilyn Monroe insegnava che può essere sufficiente una sola goccia di Chanel Numero 5!

A volte basta davvero qualche piccolo tocco per apparire agli occhi degli altri molto più attraenti.

5 - CNV (Comunicazione non verbale)

Ci sono interi studi, manuali e seminari che forniscono importanti insegnamenti sulla comunicazione non verbale (prossemica, cinestesica, paralinguistica ecc...). Anche il nostro workshop Comunicazione uomo-donna è pensato proprio per migliorare le relazioni con gli altri, attraverso alcune utili e potentissime tecniche.

In generale però, ogni nostra postura o gesto comunicano qualcosa di noi.
Senza avere un minimo di basi al riguardo diventa difficile correggersi, ma ci sono atteggiamenti che possono infastidire gli altri, come ad esempio l'abitudine di toccare la persona con cui si parla (avete presente quelli che vi toccano sempre il braccio o la spalla?) o di conversare a pochi centimetri di distanza, oppure non guardare mai l'interlocutore negli occhi...

Anche correggersi su queste piccole cose può aiutare a migliorare la vita e il rapporto con le altre persone single.

Giunti a questo punto non resta che tentare di mettere in pratica questi consigli e cogliere tutti i cambiamenti positivi che ne possono nascere. Perché non provare già durante le nostre vacanze per single?

POST PIÚ POPOLARI:

Buon Natale a chi è single!

Cari amici ed amiche single,
eccoci a Natale, festività che regala a tutti noi l'opportunità di fermarsi a riflettere.
Alle prese con la frenesia per il digitale, la nostra società pare stia sempre più smarrendo il senso dello stare insieme, quello più vero e genuino.

Molti oggi, infatti, vivono sempre più online: PC, smartphone, Facebook, Whatsapp, Instagram ecc...
Stiamo vivendo nell'era della "comunicazione globale & totale", con persone che non perdono l'occasione di postare la foto del piatto che stanno mangiando, o della strada che stanno percorrendo; tutto solamente alla ricerca di un "MI PIACE". Ma, per paradosso, tutto questo non fa che aumentare la difficoltà di comunicare!
Basta buttare l'occhio su una tavolata di un ristorante, o in una spiaggia: potrete spesso notare persone che, pur fisicamente nello stesso luogo, sono con la testa altrove a vivere in un mondo virtuale.

Dalla mancanza di una comunicazione vera deriva, però, una sens…

Le migliori domande da fare a uno speeddate

I nostri speeddate"6 Single x sei single" sono eventi per single durante i quali ogni partecipante ha 6 minuti di tempo per conoscere il single che gli si siede di fronte.
In un'unica serata si possono incontrare tante persone single, ma il tempo è (volutamente) limitato, proprio per spronare ogni partecipante a utilizzare nel migliore dei modi i minuti disponibili.

Cosa chiedere quindi per sfruttare al meglio il tempo a disposizione e catturare l'attenzione dell'interlocutore?



Attenzione: non è un'intervista! Quindi è difficile creare una scaletta delle migliori domande da fare a uno speeddate perché tutto dipenderà da come evolve la conversazione.

Per spezzare il ghiaccio, la prima domanda da fare è sicuramente il nome: può sembrare banale ma il nome è il nostro "bigliettino da visita" ed è ciò che attribuisce un'identità anche all'esterno.
Poi, come abbiamo detto, è un modo per avviare una conversazione, quindi anche solo rispondendo a una…

4 cose da non fare dopo un evento per single

Talvolta chi partecipa ai nostri eventi per single si fa prendere dall'entusiasmo e finisce per commettere alcuni errori.
Vediamo quali sono gli errori che vi consigliamo di evitare:


PRIMO ERRORE - Attaccarsi ad una persona e non mollarla più
Avete avuto il contatto di una persona durante la serata?
Oppure avete avuto un match magari il suo indirizzo e-mail?
Fantastico, allora cercate di non stressarla...!

Stiamo parlando di eventi per single, persone adulte che hanno il loro carattere e le loro abitudini.
Iniziare a pressare una persona con molte richieste, messaggi e magari telefonate spesso ha l'effetto opposto: riuscite ad allontanarla, anziché avvicinarla a voi.



SECONDO ERRORE - Cercare di recuperare il maggior numero di contatti dall'evento
Alcuni single hanno l'abitudine di affannarsi a cercare di recuperare il maggior numero di contatti possibili. Finito l'evento, presi dall'entusiasmo, provano ad aprire un gruppo WhatsApp cercando di coinvolgere il maggior …