Passa ai contenuti principali

Come cambiare la propria vita in meglio

Ci sono centinaia di manuali che insegnano come migliorare noi stessi, il rapporto con le altre persone, la comunicazione uomo-donna ecc... C'è il manuale per sviluppare la propria autostima, quello per riuscire a stare bene con sé stessi e anche con gli altri o per superare una storia finita. E poi ci sono i libri per imparare a coltivare nuove amicizie, trovare nuovi hobby o persino per insegnare al nostro cane a fare yoga!

Al di là di quelli dagli insegnamenti bizzarri, alcuni testi contengono suggerimenti molto utili, ma il problema è sempre lo stesso: il cambiamento deve partire da noi e prima di metterlo in pratica, dobbiamo aver compreso quale parte del nostro comportamento va modificata.

Come cambiare la propria vita in meglio


Se siamo convinti che le donne single preferiscano uomini forti e un po' spavaldi, è inutile che ci dicano che siamo troppo arroganti. Per piacere alle donne noi continueremo a mostrarci forti e spavaldi come in realtà non siamo e lo faremo fino a quando non ci renderemo conto che i maschi sono così solo nei retaggi culturali che abbiamo ereditato, non nella realtà.

Come si fa, quindi, a migliorare la propria vita e il rapporto con gli altri?
Bisogna partire da una considerazione basilare: se facciamo sempre le stesse cose, otterremo sempre gli stessi risultati!
Quindi, se ci comportiamo in un determinato modo, è facile che le conseguenze siano sempre le stesse.

Lo possiamo verificare in tutti gli ambiti della nostra vita: se sul lavoro tendiamo a non delegare mai, ci ritroveremo sempre ad essere sobbarcati da una mole di responsabilità e cose da fare che non riusciremo più a gestire. All'inizio daremo la colpa alla disorganizzazione della nostra azienda, ai nostri responsabili, colleghi ecc... ma se cambiando lavoro il problema si ripresenta, è probabile che il problema sia nostro, non di tutto ciò che ci circonda.

Lo stesso discorso vale per le relazioni sentimentali.
Se ci innamoriamo ogni volta della persona sbagliata che alla fine si rivela sempre una persona opportunista o superficiale, non può essere solo questione di sfortuna. Non è possibile che tutti i single opportunisti e superficiali finiscano tra le nostre braccia, senza un motivo. Il motivo c'è e probabilmente è da ricercare dentro di noi.

Ogni volta giuriamo, sul lavoro o nella vita privata, che sarà l'ultima volta ma poi si ripete sempre lo stesso copione, come se per noi fosse stato scritta un'unica sceneggiatura.
Come fare?

Bisogna interiorizzare la cosa, capire cioè che c'è un nodo su cui intervenire e iniziare a prendere provvedimenti per scioglierlo.
Il cambiamento è possibile, basta muoversi per piccoli passi e seguire questi step:


1 - Fare un'analisi di coscienza

Per prima cosa bisogna smetterla di dare la colpa dei nostri insuccessi alle persone che ci circondano, al mondo, al gatto e persino agli acari sulla nostra scrivania.
Dobbiamo guardarci dentro e fare un'analisi dei nostri comportamenti.

Ad esempio: non è raro incontrare gli sguardi di altre persone che ci ammirano quando passiamo loro accanto.
Eppure perché quando partecipiamo a uno speeddate per single non riceviamo delle preferenze?
Dobbiamo capire qual è il problema e per farlo dobbiamo analizzare vari momenti della nostra vita, anche del passato. Dobbiamo cioè confrontare episodi diversi, (che poi hanno avuto conseguenze simili) e capire come ci siamo comportati in quelle occasioni.
Di sicuro ritroveremo in noi comportamenti molto simili ed è probabile che sia proprio lì il punto su cui intervenire.

Percorso della vita

2 - Non demotivarsi: siamo già a metà del nostro percorso per migliore la nostra vita

Anche se non troviamo subito la causa de nostri insuccessi, non dobbiamo essere pessimisti.
Iniziare a farsi delle domande è il primo passo per cambiare, in meglio.
Anzi, spesso ci vuole molto più tempo (anche anni) ad arrivare a farsi delle domande, rispetto a trovare la soluzione. 

Essere arrivati a fare un esame di coscienza significa aver ammesso i propri limiti e aver innescato in noi dei dubbi. La nostra mente (e la nostra volontà) inizierà a cercare delle risposte e presto le troverà.

3 - Rompere gli schemi

Capito quale potrebbe essere l'atteggiamento su cui dover cambiare, potremo quindi intervenire e sovvertire gli schemi.
Non è necessario avere la certezza che sia proprio quello l'errore che commettiamo: forse è così, forse no. Possiamo però fare dei tentativi e provare a partire proprio da quel sospetto.

Se per paura di soffrire di nuovo per amore, tendiamo a chiuderci e a mantenere le distanze con gli estranei o a rifugiarci in incontri virtuali, potremo cercare di smussare questa nostra rigidità. In realtà non siamo le persone glaciali che gli altri vedono, ma temiamo solo di soffrire. Dovremo iniziare a pensare che stavolta potrebbe andare diversamente, potremmo davvero incontrare una persona single che ci rende felice e che non non tutte le relazioni uomo-donna portano a soffrire. Piano piano impareremo a fidarci di più degli altri e a lasciarci andare.

Di sicuro i risultati arriveranno: forse non saranno immediati ma, a ogni nostro piccolo cambiamento interno, corrisponderà sempre un piccolo cambiamento esterno. Ed ogni risposta positiva che riceveremo diventerà un incentivo per continuare a perseguire per quella strada!

Quando si innesca in noi la volontà di cambiare siamo più ricettivi sull'argomento e allora anche libri e film possono diventare un ottimo strumento per crescere e apprezzare i vantaggi della vita da single.
Esistono anche molti seminari: uno di questi è proprio il nostro workshop Comunicazione uomo-donna pensato per noi single. Giunto alla sua sesta edizione, è un weekend per single a Riccione in cui lo psicologo Valter Gentili spiega come migliorare la relazione con gli altri e a stare bene con noi stessi.

Insomma, non è mai troppo tardi per migliorare noi stessi e, di conseguenza, anche la nostra vita!

POST PIÚ POPOLARI:

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

Super Like: ecco perchè non funziona

Da un po' di tempo nel panorama di siti dedicati ai single in Italia c'è un grande affannarsi a farsi notare per emergere dal gruppo. I tentativi sono i più disparati: da fiocchi colorati sul carrello della spesa a cene per single dove i partecipanti non trovano nessuno a gestire l'evento, fino ad arrivare a foto di gruppi di single in vacanza dove, come specchietto per allodole, vengono coinvolti anche ignari passanti per fare numero e far sembrare il gruppo di single più grande. Tutto sembrerebbe far brodo, insomma. La app di incontri Tinder in confronto con gli eventi per single è invece diventata famosa (soprattutto negli Stati Uniti) anche perchè le ragazze che lo utilizzano sono state etichettate “tinderslut”, a indicare il fatto che sono molto facili. Ora, dopo che Tinder già tempo fa aveva lanciato il suo Super Like, nei giorni scorsi alcuni "geni" italici hanno pensato di adottarlo anche negli eventi per single. Analizziamo l'idea, spiegan

6 motivi per cui dopo i 35 anni non hai ancora una relazione stabile (per donne)

Single e scontenta? Ecco perché non hai ancora una relazione stabile. Arrivati a una certa età, diciamo sui trenta o giù di lì, se sei single e nessun maschio degno di nota si intravede all’orizzonte cominci a farti qualche domanda: “Perché intorno a me poco alla volta hanno una relazione stabile e io no?” Spesso ci si nasconde dietro a un dito, negandosi l’effettivo desiderio di un partner con cui condividere il resto della vita (utopia?) e di una famiglia. Del resto ci hanno cresciuti con favole condite di Principi Azzurri e lieti fini, avranno lasciato una traccia, no? Essere single a volte però non è solo una questione di sfortuna. Chissà quante volte ti sei chiesta nel tuo periodo da single se sei solo sfortunata, se ti li cerchi "strani" con il lanternino o se sei addirittura vittima di strane congiunzioni astrali. La risposta non è così difficile: a volte la colpa non è delle stelle o di sfortunati eventi, ma semplicemente è colpa tua . Lo sappiamo, è un brutto colpo,

5 motivi per cui sei single dopo i 40 anni

È arrivata la fatidica tappa dei 40 anni e si sta ancora vivendo lo status di single? Ecco quali sono i cinque motivi principali: Primo motivo: sei una persona che non vuole scendere a compromessi Questo è uno dei motivi più probabili. Stare in coppia o, ancora di più, vivere una convivenza o sposarsi significa rinunciare a un po' della propria libertà a favore della libertà del partner.  Diversi quarantenni (e anche cinquantenni, in verità) di oggi non sono molto disponibili a scendere a  compromessi e quindi, per forza di cose, si ritrovano ad essere single.  Secondo motivo: preferisci vivere una vita libera Molto spesso la parola single è associata alla parola libertà: libertà di muoversi, di decidere, di fare e, più genericamente, di vivere la propria vita come si preferisce. Anche dal punto di vista sessuale e delle relazioni si può decidere di evitare di legarsi definitivamente e, passati i 40 anni, questo può portare a ritrovarsi soli. Terzo motivo: t i sei