Passa ai contenuti principali

6 oggetti indispensabili per chi vive da solo

A meno che non si abbia a disposizione uno stuolo di servitù, con tanto di maggiordomo e giardiniere privati, la casa ideale di una persona single dovrebbe essere pratica e funzionale.

Chi vive da solo deve essere il più possibile autonomo. 
Certo, c'è sempre il vicino cui rivolgersi per le emergenze (ad esempio per chiedere le uova il giorno in cui, dopo aver impastato tutti gli ingredienti della nostra Torta Paradiso, scopriamo che l'unico mancante è proprio uno dei più indispensabili).
Ma il vicino cui suonare anche alle ore più improbabili è una sorta di leggenda metropolitana: spesso non esiste e, anche quando c'è, si presume che venga disturbato solo per emergenze ben più gravi di una Torta Paradiso da ultimare...

Senza contare che noi single abbiamo spesso orari incompatibili con quelli della famiglia che, con molta probabilità, vive accanto a noi.

La casa del single


Uno degli aspetti più invidiati a noi single è la libertà ma, come ogni cosa, anche questa autonomia ha un piccolo risvolto negativo: siamo liberi di gestire i nostri spazi e tempi privati come vogliamo, ma non abbiamo sempre una persona accanto cui chiedere aiuto nella routine domestica.
Come fare?

Basta avere un po' di organizzazione... e gli oggetti giusti, quelli che ci possono aiutare nei momenti di difficoltà o che possono migliorare la nostra vita da single.

Ecco quindi le 6 cose indispensabili per chi vive da solo:

1 - Apribarattoli 

Avete presente quei vasetti della marmellata che sembrano essere stati sigillati con il silicone? 
Fate mille tentativi per aprirli: a mani nude, aiutandovi con uno strofinaccio, riscaldando il tappo, ma niente... il vasetto vi guarda, invitante come non mai, ma inespugnabile.

Potrebbe sembrare un problema più al femminile ma l'abilità nell'aprire un vasetto non è sempre questione di muscoli!
La soluzione? Per fortuna esiste.
In commercio si trovano apribarattoli in grado di aprire anche i tappi più resistenti. 
Sono utensili da cucina utilissimi perché permettono anche ai single con piccoli problemi fisici come artrite o ridotta mobilità manuale, di aprire qualsiasi barattolo.

Apribarattolo in silicone
Apribarattolo in silicone

2 - Cellulare di riserva... con SIM attiva

Lo smartphone ha cambiato le nostre abitudini e le compagnie telefoniche lo sanno bene. 
Anche per una questione di risparmio, molti single hanno rinunciato alla linea telefonica fissa: per essere sempre rintracciabili basta il cellulare.

Peccato che il cellulare non abbia vita eterna e soprattutto abbia la capacità di abbandonarci proprio nei momenti meno indicati. Per oscure ragioni, ci cade, smette di funzionare o sparisce poco prima di un appuntamento improrogabile o dalle 21 in poi, quando anche i centri commerciali stanno per chiudere.

Senza smartphone e senza linea fissa siamo però isolati.
Il consiglio è quindi quello di avere a disposizione sempre un cellulare di riserva.
I single più nostalgici di sicuro conserveranno ancora l'indistruttibile Nokia 3310, riposto come reliquia vintage nel fondo di qualche cassetto.
Attenzione però: il cellulare non basta, serve anche avere una SIM attiva e che si adatti al vecchio modello.

3 - Localizzatore di oggetti

Ci sono oggetti che sembrano animati di vita propria! 
Si divertono a giocare a nascondino e hanno l'abilità di sparire proprio quando abbiamo fretta e stiamo per uscire. Questa dote innata di solito appartiene alle chiavi e ai cellulari. 
I secondi si trovano più facilmente: basta farli suonare (dal numero fisso o dal cellulare di riserva di cui abbiamo appena parlato).
Trovare le chiavi, invece, può essere molto più difficile se nessuno ci aiuta a cercarle. 

Per fortuna hanno inventato il localizzatore di oggetti, un dispositivo in grado di farci ritrovare l'oggetto smarrito in pochi secondi. 
Il modello Esky funziona in questo modo: la dotazione comprende un trasmettitore e 4 occhielli colorati da legare ognuno all'oggetto che temiamo di perdere. 
Quando vogliamo cercare uno di questi oggetti, basterà schiacciare sul trasmettitore il colore dell'occhiello cui abbiamo associato l'oggetto e l'occhiello inizierà ad emettere un segnale acustico.
È un'idea geniale, soprattutto per i single più distratti.

Localizzatore oggetti Esky ES-KF02 RF
Localizzatore oggetti Esky ES-KF02 RF

4 - Preservativi

Essere single non significa stare chiusi in casa a guardare Super-Quark.
Significa uscire, conoscere persone, frequentarle e trascorrere anche piacevoli serate in loro compagnia.
Insomma, noi single non abbiamo relazioni stabili ma questo non vuol dire che non abbiamo relazioni!  

Per questo è importante avere con sé dei preservativi... poi, nell'elenco degli "incontri più originali" può capitare anche il partner che preferisce trascorrere la serata sul divano a guardare veramente Super Quark ma, se così non fosse, almeno siamo preparati!

5 - Forno a microonde

I sigle salutisti e gli amanti della buona cucina forse non saranno d'accordo ma l'utilità del forno a microonde per chi vive solo e non ama stare ore ai fornelli è innegabile.
In pochi minuti scalda i piatti pronti o quelli che ci siamo preparati il giorno prima, sapendo già che oggi avremmo fatto tardi. 
Giusto il tempo di accendere la tv e riempirci il bicchiere e la cena è pronta... 
Daewoo KOR6L37 Microonde
Daewoo KOR6L37 Microonde

6 - Modem-router (per connessione internet)

Se con il forno microonde abbiamo diviso i single in favorevoli e contrari, ora concluderemo la lista degli oggetti indispensabili per chi vive da solo con qualcosa che metterà tutti d'accordo: la connessione web!
Quindi, se parliamo di oggetti, nella casa del single non può mancare un modem-router (o una chiavetta internet) che ci permetta di collegare online computer, tablet, smartphone e qualsiasi altro dispositivo.

Quando non abbiamo voglia di uscire, cosa c'è di meglio di un po' di relax a casa a vedere in anteprima le nostre serie tv preferite o film in streaming? Oppure a giocare online, chattare sui social network, scaricare ricette, guide, tutorial... la lista potrebbe continuare a lungo perché le potenzialità del web sono davvero infinite!

Navigare su tablet

POST PIÚ POPOLARI:

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

6 motivi per cui dopo i 40 anni è importante avere amici

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.  Epicuro Se già Epicuro, vissuto tra il III e IV secolo a.C., parlava in questo modo dell'amicizia, un motivo ci sarà! Gli amici sono un bene prezioso che spesso ci salva nei momenti più bui. Apprezzare i vantaggi delle propria vita da single e imparare a stare bene con sé stessi e anche con gli altri può richiedere del tempo e ci sono delle fasi della vita in cui un legame di amicizia può aiutare a superare periodi più difficili. Le famose telefonate all'amica (o dell'amica) alle 4 di notte, quando si è in crisi e si cerca di superare una storia finita non sono leggende metropolitane! Gli amici veri sono proprio quelli che stanno vicini in questi momenti. Ma gli amici non servono solo nei momenti bui, sono anche le persone con cui condividere il tempo libero , le uscite e le ore più divertenti della nostra vita da single. Lo si può fare con gli am

5 motivi per cui sei single dopo i 40 anni

È arrivata la fatidica tappa dei 40 anni e si sta ancora vivendo lo status di single? Ecco quali sono i cinque motivi principali: Primo motivo: sei una persona che non vuole scendere a compromessi Questo è uno dei motivi più probabili. Stare in coppia o, ancora di più, vivere una convivenza o sposarsi significa rinunciare a un po' della propria libertà a favore della libertà del partner.  Diversi quarantenni (e anche cinquantenni, in verità) di oggi non sono molto disponibili a scendere a  compromessi e quindi, per forza di cose, si ritrovano ad essere single.  Secondo motivo: preferisci vivere una vita libera Molto spesso la parola single è associata alla parola libertà: libertà di muoversi, di decidere, di fare e, più genericamente, di vivere la propria vita come si preferisce. Anche dal punto di vista sessuale e delle relazioni si può decidere di evitare di legarsi definitivamente e, passati i 40 anni, questo può portare a ritrovarsi soli. Terzo motivo: t i sei

7 errori da evitare durante un approccio

Oggi vogliamo parlare dei 7 errori più frequenti che i single (soprattutto gli uomini) commettono quando si va ad approcciare una persona. Elenchiamo gli errori in ordine cronologico , in modo che la sequenza temporale sia perfettamente chiara. Va quindi considerata una guida passo passo, con gli errori da non fare man mano che si approfondisce la conoscenza. SETTE ERRORI DA EVITARE DURANTE UN APPROCCIO: 1 - Avvicinarsi senza farsi vedere L'approccio da dietro è una delle modalità meno gradite. Comunica insicurezza e anche un pizzico di vigliaccheria: tutti noi infatti ci sentiamo più vulnerabili quando sentiamo qualcuno/qualcosa alle spalle che non riusciamo a vedere. Uno studio di psicologia comportamentale aveva determinato che le persone che al ristorante si siedono con gli altri tavoli/avventori alle spalle hanno un battito cardiaco più accelerato rispetto alla persona che nel loro stesso tavolo è seduta di fronte, ma con le spalle al muro. 2 - Essere titubanti Il più freq