Passa ai contenuti principali

Milano, la capitale italiana dei single

Abbiamo visto qualche giorno fa che i single italiani non sono tutti uguali. A seconda delle regioni esistono delle differenze sostanziali legate a retaggi culturali e anche alla situazione economica (e al tasso di disoccupazione).
Ora faremo un viaggio (virtuale) alla ricerca delle differenze dei single nelle varie città.
Ripartiamo proprio da quello che abbiamo già detto nel post sulle differenze tra i single italiani.

Dove potrebbe iniziare il nostro viaggio se non da Milano, la capitale italiana dei single?
Una definizione davvero azzeccata, se pensiamo che qui circa il 45% degli abitanti vive da solo.
E infatti, locali, istituzioni e persino le agenzie immobiliari si stanno adeguando al nuovo trend.

In molte zone, ma soprattutto nel triangolo più cool della città, quello formato da Brera, Corso Garibaldi e Corso Como, si trovano serate dedicate ai single tra cui molti eventi organizzati da Vitadasingle;
il comune di Milano ha persino collaborato nell'organizzazione di una maratona riservata a celibi e nubili. E si moltiplicano sempre più gli annunci immobiliari dedicati alla vendita di monolocali, bilocali o loft perfetti per single ben felici di non dover condividere i propri spazi con nessun altro bipede parlante.

Milano, la capitale dei single


Ma come sono i single di Milano?
Ve lo raccontiamo, visto che li incontriamo ai nostri eventi da oltre 15 anni...

Per galanteria, partiamo dalla donne iniziando dai pregi: età media sui 35/40 anni, la milanese single è una donna molto curata, attenta all'aspetto, amante del bello e del divertimento.
Adora trascorrere serate mondane nei locali più cool in compagnia delle amiche.
Nel corso della vita si è magari ritrovata a condividere casa e uscite con un uomo molto dedito al lavoro, oppure molto incentrato su sé stesso. Per questo ora se ne vuole stare alla larga. Anzi, ora nutre una specie di sospetto verso una parte del genere maschile. Questo la porta ad essere diffidente (e a volte anche un po' sulle sue..).

Atteggiamento che gli uomini che vivono nella capitale morale d'Italia interpretano a volte come altezzoso e che può metterli in difficoltà. Diventano impacciati, goffi, provano disagio e faticano a conquistare la fiducia delle single milanesi. Confermando, di fatto, i pregiudizi che le milanesi single hanno riguardo l'incapacità di alcuni uomini di relazionarsi con loro!

Ben diversa è invece la realtà delle single di Milano con figli.
Sono mamme single che vivono da sole con i propri figli e che non sempre hanno la possibilità di ricevere aiuti nella gestione della casa e dei bambini. Sono costrette quindi a dividersi tra lavoro e vari impegni, arrivando a fine giornata stanche e con neppure 5 minuti per sé. Le milanesi single con figli sono spesso deluse dal genere maschile: scottate da relazioni precedenti e obbligate a dover fare tutto da sole, danno priorità al mantenimento dell'equilibrio (a livello emotivo e organizzativo) raggiunto con fatica e sono più restie nel dare fiducia agli uomini. Si difendono con la corazza delle dure, ma quasi sempre nascondono una gran voglia di incontrare una persona che le possa davvero capire!

Brindisi in una serata per single a Milano


Anche l'uomo di Milano single spesso proviene da relazioni precedenti e pur con reazioni diverse, ha gli stessi timori di soffrire delle donne single. La sua difesa è evitare coinvolgimenti troppo stretti: preferisce divertirsi, curare i propri interessi e stare alla larga da donne, a suo avviso, troppo esigenti. A costo di risultare una persona superficiale e poco sensibile...
È un uomo di età compresa tra i 35 ed i 50 anni, professionista e spesso single con figli che però vivono con la mamma. Situazione che gli consente di dedicarsi interamente alla carriera e ai propri hobby, di solito palestra, calcio, corsi di ballo e serate con gli amici.

C'è poi un'ultima categoria, quella dei single di Milano che, usciti da una relazione lunga e sofferta, sono alla ricerca di un proprio equilibrio. Fase che colpisce indifferentemente uomini e donne, soprattutto se senza bambini o con figli ormai cresciuti. Dopo anni di vita da coniuge, scoprono improvvisamente la libertà di non dover più rendere conto a nessuno, affettivamente parlando e si illudono di poter vivere una seconda giovinezza. Si ritrovano così a fare la vita dei ventenni, con però fisico, responsabilità e doveri dei quasi 50enni. Si tratta di solito di una fase passeggera che ha ben poco a che vedere con la condizione del single vero, la persona adulta consapevole di ciò che cerca e di ciò che lo fa star bene.

Insomma, ogni single ha una propria storia che spiega il perché di certi comportamenti. Purtroppo non sempre si riesce ad andare oltre le apparenze, anche perché nelle grandi città è più difficile socializzare. Le giornate sono piene di impegni, cadenzate da ritmi spesso frenetici e orari sempre più flessibili.
Alla fine Milano è la città dove sembrerebbe essere più difficile conoscere persone ma... proprio per questo è quella in cui è più facile fare nuove conoscenze, grazie al grande numero di eventi per single che organizziamo durante tutti i mesi dell'anno.
Ai nostri eventi per single Milano infatti i partecipanti non fanno parte di gruppi già formati e, proprio per questo, hanno più voglia di mettersi in gioco e conoscersi!


POST PIÚ POPOLARI:

7 errori da evitare durante un approccio

Oggi vogliamo parlare dei 7 errori più frequenti che i single (soprattutto gli uomini) commettono quando si va ad approcciare una persona. Elenchiamo gli errori in ordine cronologico , in modo che la sequenza temporale sia perfettamente chiara. Va quindi considerata una guida passo passo, con gli errori da non fare man mano che si approfondisce la conoscenza. SETTE ERRORI DA EVITARE DURANTE UN APPROCCIO: 1 - Avvicinarsi senza farsi vedere L'approccio da dietro è una delle modalità meno gradite. Comunica insicurezza e anche un pizzico di vigliaccheria: tutti noi infatti ci sentiamo più vulnerabili quando sentiamo qualcuno/qualcosa alle spalle che non riusciamo a vedere. Uno studio di psicologia comportamentale aveva determinato che le persone che al ristorante si siedono con gli altri tavoli/avventori alle spalle hanno un battito cardiaco più accelerato rispetto alla persona che nel loro stesso tavolo è seduta di fronte, ma con le spalle al muro. 2 - Essere titubanti Il più freq

L'anello dei single

L'ANELLO DEI SINGLE E' ufficiale: Singelringen l'anello dei single è entrato a far parte del nostro mondo, stringendo una collaborazione con Singelringen . Si indossa sulla mano opposta rispetto alla fede nuziale ed in effetti il suo significato è simile a quello dell’anello simbolo del matrimonio. Simile, ma in qualche modo contrario.. Singelringen è portato sul dito anulare ma molti preferiscono indossarlo su altre dita o portato al collo infilato in una collana. Sbarca anche in Italia la ‘fede’ dei single, che già sta spopolando in diversi paesi europei, dalla nordica Svezia dove è nata, fino alla mediterranea Spagna. Se i fidanzati mostrano al mondo il loro status con l’anello di brillanti, chi ha moglie o marito ostenta la fede – hanno pensato gli ideatori -, perché chi è single non deve portare al dito il simbolo del suo essere sentimentalmente disimpegnato? Allora ecco che arriva l’anello, che da simbolo di fedeltà diventa simbolo di felicità e al tempo stesso di ‘

Perché Tinder è intrigante ma può creare dipendenza

Tra le tante app di incontri, Tinder è uno degli strumenti più usati ed è stata l'app di lifestyle più scaricata negli USA per diversi anni. Ma oggi vogliamo spiegarvi perché Tinder riesce a essere intrigante, fino ad arrivare a creare nei suoi utenti quasi una sorta di "dipendenza da swipe". PERCHÉ TINDER È INTRIGANTE MA  PUÒ  CREARE DIPENDENZA PSICOLOGICA  LA DIFFERENZA DI TINDER Gli utenti di Tinder, in effetti, ottengono effetti diversi rispetto a quelli che utilizzano siti di incontri online o che non li utilizzano affatto. In particolare, Tinder potrebbe causare quello che i ricercatori chiamano "ciclo di feedback": gli uomini usano criteri meno rigidi per trovare una partner scorrendo profili in modo seriale mentre le donne usano criteri più stringenti in risposta al numero esagerato di profili proposti dall'app . Lo scorrimento però potrebbe basarsi più sulle nostre scorciatoie cognitive che su veri e propri desideri romantici. Ecco in che modo: GAMI

Le 3 bugie più usate da chi frequenta app e siti di incontri online

Il mondo degli incontri online, si sa, è variegato: è un mondo molto frequentato ma assai particolare, ricco di luci (poche) e di ombre (tante). Oggi vi vogliamo spiegare quali sono le 3 bugie che più ripetutamente vengono dette da uomini e donne iscritti a siti e app di incontri. LE 3 BUGIE PIÙ USATE SU APP E SITI DI INCONTRI 1 - Il reddito Se vi prendete la briga di fare un giro in un app come Tinder o come Badoo, o in un sito come Meetic,  resterete sicuramente sorpresi dal fatto che da quelle parti gli uomini sono quasi tutti imprenditori e le donne quasi tutte in carriera. Di persone che nei profili, o durante la chat, scrivono di svolgere un lavoro normale e, di conseguenza, avere uno stipendio normale ce ne sono poche. Ma dove sono finite, viene da chiedersi? Probabilmente questa bugia viene più utilizzata da chi vuole fare colpo : queste persone infatti immaginano che se una donna legge nel profilo dell'uomo che la sta contattando che fa l'impiegato, anziché il direttor

Algoritmo di Tinder: come l'app sceglie chi può vedere il tuo profilo (e cosa fare al riguardo)

  ALGORITMI, STORIE ED ESPERIENZE D'USO SU TINDER L'algoritmo dei match (corrispondenza reciproca) di Tinder e il punteggio (precedentemente chiamato ELO, o desiderabilità) che viene assegnato all'utente in base a una serie di fattori, determinano il profilo di chi ti verrà mostrato e, anche, a chi verrà mostrato il tuo profilo (e quanto in primo piano). E questo influirà moltissimo con chi hai anche la possibilità di fare il "match". A marzo 2019 Tinder aveva annunciato una modifica all'algoritmo di ranking (il modo in cui determina l'attrattività dei suoi utenti per abbinarli a persone di un grado simile di bellezza, ops desiderabilità). Ora non viene più usato più il sistema ELO in quanto tale, ma applicano ancora alcune regole, che per gli utenti possono essere di beneficio ma anche molto dannose. Se sei curioso di sapere come funzionano le cose e non rischiare di perdere tempo sull'app senza ottenere risultati, continua a leggere. La correlazione